Industria idrica: Italia divisa a metà per risultati e investimenti

Pubblicato il 24 ottobre 2016

Crescono, al Nord e al Centro, risultati e investimenti delle utility del settore idrico italiano; il Sud appare invece in difficoltà e registra un brusco calo. Più che le dimensioni, contano la capacità di generare valore e le competenze. È il quadro che emerge, in estrema sintesi, dalle anticipazioni del V rapporto Top Utility Analysis, che sarà presentato nel prossimo febbraio. Nell’ultimo triennio le principali utility idriche dell’area settentrionale hanno registrato i maggiori tassi di crescita, con investimenti per oltre mezzo miliardo di euro. Meglio ancora le imprese del Centro, che nel 2015 hanno segnato margini record, presentando livelli di investimenti più alti rispetto al valore della produzione: quasi il 28%. A Sud si è invece registrato un calo del 13,1% rispetto all’anno precedente.

Alessandro Marangoni, che guida sia Althesys che il team di ricerca, commenta: “Il quadro che emerge dal report è quello di un settore idrico che, nell’ultimo triennio, ha saputo sfruttare al meglio gli indubbi benefici derivanti dall’intervento normativo e tariffario dell’Autorità. Occorre però evidenziare ancora una volta la presenza di realtà molto disomogenee: da un lato si confermano le buone indicazioni per il Centro-Nord e, più in particolare, per le top utility di dimensioni maggiori, che crescono nei margini e negli investimenti. Dall’altro, permane il problema del dissesto industriale ed economico di numerose gestioni del Sud, che continua a minarne la capacità di crescita dimensionale e di investimento”.

Nel 2015 il valore complessivo della produzione delle utility idriche presenti nelle Top 100 è stato di 5,17 miliardi € (+7,2% sul 2013). Sono però le imprese più grandi ad ottenere le migliori performance: quelle con un fatturato superiore a 200 milioni di euro hanno margini superiori rispetto a quelle medie e piccole (35,3% contro 27,2% nel 2015), ma anche nel triennio 2013-15 (+7,4% contro 6,8% delle più piccole). Le aziende delle regioni settentrionali hanno avuto i maggiori tassi di crescita del valore della produzione (+11,0%) e dell’EBITDA (+18,9%) nel triennio 2013-2015. Le aziende del Centro Italia si caratterizzano per margini molto superiori rispetto alla media del campione (42,7% vs. 33,0% nel 2015). Maggiori criticità per le aziende del Sud e Isole, con un sensibile calo dell’EBITDA (-23,6%) tra il 2013 e il 2015.

Gli investimenti sono in costante crescita per le grandi aziende: +21,9% tra il 2013 e il 2015, passando dal 20,5% al 23,2% sul valore della produzione. Le aziende medio-piccole, dopo il calo del 2014, nel 2015 sono nuovamente in crescita (+33,9% sul 2014): in media, investono poco meno del 20% del valore della produzione. Nel Nord Italia gli investimenti 2015 ammontano a oltre mezzo miliardo (+ 28,6% sul 2013), ma sono le aziende del Centro Italia a registrare i livelli relativi più alti di investimenti: nel 2015 incidono per quasi il 28% del valore della produzione. Segno meno, invece, per le aziende meridionali. Dopo l’incremento del 2014, l’anno scorso si è avuta una forte contrazione: -13,1% rispetto all’anno precedente.

 



Contenuti correlati

  • BTicino crea valore nella crescita e nello sviluppo sostenibile in Italia

    Lo studio realizzato da The European House – Ambrosetti ha evidenziato quanto significativo e rilevante sia il contributo che BTicino dà alla creazione di valore, alla crescita e allo sviluppo sostenibile in Italia, inserendolo in una panoramica...

  • batterie al litio filiera italiana riciclo
    Auto elettriche, la filiera italiana per il riciclo delle batterie al litio

    L’Italia è pronta per avviare una filiera nazionale per allungare la vita delle batterie delle auto elettriche. Se da un lato c’è un forte impegno per la costituzione di Gigafactory, un’altra possibile e complementare soluzione riguarda il...

  • investimenti sostenibilità
    Il modello green e sostenibile è vincente anche negli investimenti

    Francesco Ferrara, responsabile in PwC per l’Italia delle attività CSR e programma Net Zero, finalizzato alla decarbonizzazione delle attività di PwC entro il 2030, nell’intervista pubblicata su Genio & Impresa, il web magazine online di Assolombarda, ha ...

  • Digitalizzazione e automatizzazione del settore idrico: una sfida per Mitsubishi

    Spinte dalla crescente esigenza di digitalizzazione e automatizzazione del settore idrico, Royal HaskoningDHV e Mitsubishi Electric Europe hanno unito le forze per sviluppare comandi di automazione specializzati. Questa collaborazione favorirà l’implementazione di soluzioni idriche smart, permettendo alle...

  • Target sulle rinnovabili, Starace: “governance adeguata per rimuovere gli ostacoli”

    Per raggiungere i nuovi target riduzione di gas serra entro il 2030 del 55% (e non più del 40%) stabilito dal pacchetto “Fit for 55” a livello europeo c’è un gap di investimenti di 3.564 miliardi e...

  • EnergRed costo energia
    In Italia il costo livellato dell’energia più basso d’Europa

    In Italia è del 10% più basso rispetto alla media europea il costo livellato dell’energia, ossia l’indice della competitività delle diverse tecnologie di generazione di energia elettrica diversificate per tipo di fonte energetica e per durata della...

  • Superbonus 110%: un’opportunità di investimento

    Bonus ristrutturazione, Ecobonus, Sismabonus…, investendo anche solo pochi euro insieme a Ener2Crowd.com, in la prima piattaforma italiana di lending crowdfunding ambientale ed energetico, è facile per tutti fare investimenti finanziari sostenibili. Nonostante le difficoltà scaturite dalla pandemia,...

  • I progetti di sostenibilità di Schneider Electric in Italia

    Schneider Electric ha reso pubblici i tre impegni specifici per l’Italia, che si aggiungono agli 11 impegni di Sostenibilità già definiti a livello globale nella Strategia di Sostenibilità del Gruppo Schneider Electric. L’inserimento di obiettivi locali per...

  • Analog Devices attraversa l’Italia in bici

    Analog Devices (ADI) promuove da diversi anni modelli di business sostenibili e iniziative green, impegnandosi a raggiungere la neutralità carbonica entro il 2030 e zero emissioni entro il 2050. Per ADI, sostenibilità significa essere consapevoli del ruolo...

  • Centrica Business Solutions report 2021 sostenibilità
    Le aziende frenano gli investimenti in sostenibilità

    Le aziende italiane ed europee hanno difficoltà a giustificare gli investimenti in sostenibilità e tecnologie a basse emissioni di CO2 a causa dell’impatto della pandemia da Covid-19. Lo rivela la nuova ricerca “Perché aspettare per raggiungere il...

Scopri le novità scelte per te x