COP27: il ruolo dell’Italia nella transizione green ed energetica

A ridosso della 27a edizione della Conference of Parties, a Sharm el-Sheikh, in Egitto, Ecomondo e Key Energy 2022 hanno fatto il punto su green technology ed energie rinnovabili, sottolineando la necessità impellente di intensificare la circolarità nella gestione rifiuti e nell’utilizzo di fonti sostenibili

Pubblicato il 15 novembre 2022

La regione del Mediterraneo si sta riscaldando il 20% più velocemente della media globale, e nel ranking si posiziona al secondo posto per il riscaldamento a livello planetario. Per la prima volta nella storia della COP, la 27a edizione ospita un Padiglione Mediterraneo nel quale Ecomondo e Key Energy, i saloni di riferimento in Europa per le green technology e le energie rinnovabili, organizzate da Italian Exhibition Group, tengono due convegni (oggi 15 novembre e domani 16 novembre), per sottolineare il ruolo dell’Italia nella transizione green ed energetica.

Gli appuntamenti si potranno seguire anche in streaming sul sito del Mediterranean Pavilion.

Ecomondo e Key Energy si sono concluse proprio venerdì scorso, riunendo nel quartiere fieristico riminese un +41% di presenze totali rispetto al 2021 (e un +15 sull’edizione record del 2019), segnando inoltre il raddoppio delle presenze estere (provenienti da 90 Paesi).

Situato nella blue zone della COP27, il Padiglione del Mediterraneo è guidato dall’UfM-Union for the Mediterranean, dal Mediterranean Action Plan MAP-UNEP, dalla Fondazione PRIMA, con la consulenza di MedECC, network indipendente di oltre 600 scienziati provenienti da 35 Paesi, offrendo una straordinaria opportunità di networking e confronto sulle sfide climatiche e best practice per la regione.

Oggi, martedì 15, dalle ore 11.15, l’evento in ambito delle materie prime e fonti energetiche “The role played by Italy in the energy transition of the Mediterranean area” che vedrà la partecipazione di Alessandra Astolfi (Global Exhibition Director IEG), Gianni Silvestrini (Scientific Director Kyoto Club), Andrea Zaghi (General Director Elettricità Futura), Mario Gamberale (Chief Operating Officer Kyoto Club), Luca Traini (Senior Program Manager RES4Africa Foundation), A. Biancardi (Director of Studies, System Monitoring and International Relations GSE), A. Tolai Bartali (Managing Director Italy Siemens).

Domani, mercoledì 16, sarà invece la volta di “Management and valorisation of Waste and Waters and Environmental Regeneration: the role played by Italy in the Mediterranean area” sulla gestione e valorizzazione dei rifiuti e delle acque, con un ricco parterre di esperti del settore tra cui: Alessandra Astolfi Global Exhibition Director IEG, Francesco Fatone (Full Professor of Chemical and Environmental Engineering Marche Polytechnic University), Fabrizio Passarini (Full Professor, Department of Industrial Chemistry University of Bologna), Fabio Fava (Full Professor of Industrial & Environmental Biotechnology University of Bologna), Andrea Giannotti (International Media Relations Novamont), Davide Scaglione (Purification Sector Manager Gruppo CAP), Antonio Batistini (VP Group Research& Innovation Development Maire Tecnimont; Chief Technology Officer NextChem).



Contenuti correlati

  • EnergRed fotovoltaico crescita
    Ci sono grandi potenzialità di crescita per il fotovoltaico in Italia

    Il fotovoltaico, risorsa per la quale il nostro Paese è particolarmente favorito, potrebbe crescere di 6 volte. Il potenziale aumento della produzione relativamente al fotovoltaico è infatti pari a 126 GW addizionali, circa 6 volte la capacità...

  • COP27: investire sulle rinnovabili per contrastare il riscaldamento globale

    Per arginare i cambiamenti climatici e contrastare il riscaldamento globale, occorre puntare con maggiore convinzione sulle rinnovabili. Se l’obiettivo è davvero la decarbonizzazione, programmare investimenti su fonti come il fotovoltaico, deve rappresentare la strada maestra. Questo al centro...

  • Etna vulcano emissioni CO2
    Vulcani, l’Etna emette quantità eccezionali di CO2

    L’Etna emette quantità di CO2 molto superiori a quelle di altri vulcani attivi e ciò si deve a serbatoi di carbonio profondi presenti sotto l’Italia meridionale, che liberano anidride carbonica a causa del movimento della placca ionica....

  • batterie al litio filiera italiana riciclo
    Auto elettriche, la filiera italiana per il riciclo delle batterie al litio

    L’Italia è pronta per avviare una filiera nazionale per allungare la vita delle batterie delle auto elettriche. Se da un lato c’è un forte impegno per la costituzione di Gigafactory, un’altra possibile e complementare soluzione riguarda il...

  • EnergRed costo energia
    In Italia il costo livellato dell’energia più basso d’Europa

    In Italia è del 10% più basso rispetto alla media europea il costo livellato dell’energia, ossia l’indice della competitività delle diverse tecnologie di generazione di energia elettrica diversificate per tipo di fonte energetica e per durata della...

  • I progetti di sostenibilità di Schneider Electric in Italia

    Schneider Electric ha reso pubblici i tre impegni specifici per l’Italia, che si aggiungono agli 11 impegni di Sostenibilità già definiti a livello globale nella Strategia di Sostenibilità del Gruppo Schneider Electric. L’inserimento di obiettivi locali per...

  • Analog Devices attraversa l’Italia in bici

    Analog Devices (ADI) promuove da diversi anni modelli di business sostenibili e iniziative green, impegnandosi a raggiungere la neutralità carbonica entro il 2030 e zero emissioni entro il 2050. Per ADI, sostenibilità significa essere consapevoli del ruolo...

  • Sace: il 2021 è l’anno della ripresa per l’export italiano

    A un anno dall’inizio della pandemia che ha portato a una recessione globale senza precedenti, l’incertezza economica permane e il quadro complessivo dei rischi è decisamente più elevato ed eterogeneo. Ma il 2021 sarà un anno di...

  • Utility, un settore in pieno fermento in Italia

    Il settore italiano delle utility vive una fase di grande rinnovamento e si conferma perno dell’economia italiana, anche sulla spinta degli investimenti, che superano i 6,6 miliardi di euro (+18,7% nel 2018). In futuro tutte le imprese...

  • Italiani, popolo di ecosostenibili convinti

    Sono moltissimi gli italiani che, nel 2019, hanno fatto qualcosa di concreto per l’ambiente; i giovani più idealisti e impegnati in prima linea fuori casa nel diffondere i valori della sostenibilità, gli adulti più concreti e focalizzati...

Scopri le novità scelte per te x