Master in Energia e Bioprodotti da Biomassa del Cnr

Il master proposto dall’Istituto di Biologia e Biotecnologia di Agraria (Ibba) del Cnr, si avvale dell’insegnamento di ricercatori del Cnr, di docenti universitari esperti e di professionisti che operano nella realtà produttiva dell’energia rinnovabile e della chimica verde.

Pubblicato il 24 settembre 2014

La richiesta di maggiore risparmio e maggiore efficienza nell’uso di materie prime impone l’adozione di biomasse e rifiuti organici quali fonti alternative alle risorse fossili unitamente a processi di trasformazione più specifici inseriti in filiere sostenibili integrate nel territorio. Il Master in “Energia e Bioprodotti da Biomassa. Gestione sostenibile delle filiere e dei processi produttivi” è giunto alla sua settima edizione, che prevede un nuovo Modulo di attività in laboratorio rivolto alle analisi chimico fisiche della biomassa.

Il Master viene sviluppato attraverso la collaborazione con l’Università degli Studi di Milano, l’Associazione dei Laureati in Scienze Agrarie e Forestali, l’Ordine dei Dottori Agronomi Forestali di Milano, Eapral, Confagricoltura, Agroenergie e aziende del settore.

Contempla un percorso didattico orientato alle richieste sia del mercato del lavoro sia della ricerca: numerosi sono infatti i casi di studio affrontati e i momenti di incontro con le aziende, le istituzioni e le associazioni del settore.

Una significativa opportunità di confronto con la realtà professionale è rappresentata dallo stage, che permette di applicare concretamente gli strumenti operativi appresi. Il Master favorisce i rapporti con il sistema produttivo anche presentando i curricula dei partecipanti alle imprese interessate. Gli sbocchi professionali sono molteplici: dalle imprese nazionali e internazionali agli istituti di credito, ai soggetti istituzionali deputati alla regolazione del settore, alle società di consulenza ed ai centri di ricerca specialistici.

L’elevata qualità della didattica e il costante rapporto con la realtà produttiva hanno aperto alla quasi totalità dei partecipanti un percorso professionale coerente con gli obiettivi proposti: le precedenti edizioni del Master sono state caratterizzate da un inserimento nel mondo del lavoro delle Bioenergie pari all’80%. Il 22% degli iscritti delle precedenti edizioni, operando già nel settore delle Bioenergie, ha visto nel Master una opportunità di aggiornamento.

Il percorso formativo sviluppa conoscenze tecnico-scientifiche coadiuvate da esperienze applicative fornite da professionisti e da visite presso le aziende del settore e prevede esercitazioni in laboratorio per acquisire le capacità di valutazione dei parametri di processo e un tirocinio presso aziende del settore per affrontare le scelte organizzative e gestionali.

Il progetto formativo ha carattere multidisciplinare e si articola su insegnamenti in grado di dare un approfondito quadro relativo a: conoscenze di tipo botanico, genetico, agronomico, chimico e termochimico, necessarie ad una comprensione delle potenzialità delle fonti bioenergetiche rinnovabili, presenti su un territorio; capacità di individuare tra le diverse filiere quella economicamente adatta al tipo di biomassa (vegetale, reflui zootecnici, scarti agroalimentari ecc.) prodotta in azienda o reperibile sul territorio; capacità di progettare piani di produzione di bioenergia e bioprodotti per l’azienda e per il comprensorio (scelta biomassa, dimensionamento impianto, scelta dei materiali e delle componenti impiantistiche, disciplina normativa); capacità tecnico-gestionali per gestire la produzione di energia prodotta da biogas e da combustione di biomasse; competenze di analisi delle caratteristiche chimico fisiche degli oli vegetali, biodiesel (Fame), del diesel rinnovabile; capacità di interpretare le caratteristiche chimico fisiche dei composti base (lignina, emicellulosa, cellulosa, oli vegetali) per la produzione di bioprodotti.

Il Master in “Energia e Bioprodotti da Biomassa. Gestione sostenibile delle filiere e dei processi produttivi” propone una didattica basata su metodi tradizionali e insegnamento attivo che stimola un apprendimento sia in modo individuale sia attraverso dinamiche di gruppo.

In particolare, l’approccio didattico punta a sviluppare project work e soluzioni di problemi reali.

A tal fine durante il Master vengono utilizzati diversi strumenti: lezioni, discussione di casi di studio, esercitazioni, lavori di gruppo, simulazioni e seminari.

Inoltre l’obiettivo di un’apertura e integrazione con il mondo del lavoro viene favorito sia da un costante confronto con testimoni qualificati ed esperti provenienti da settori oggetto di studio sia attraverso visite guidate ad aziende ed enti.

Gli studenti frequentanti hanno accesso a un’area riservata sul sito web in cui vengono resi disponibili i materiali e gli avvisi riguardanti la didattica in corso.

La prova finale consisterà in un progetto di tesi che ha lo scopo di completare le conoscenze acquisite durante il corso. L’elaborato dovrà comprendere l’analisi dei processi di produzione, a partire da quello di biomassa fino a quello di energia, operati presso l’azienda dove è avvenuto il tirocinio o si è sviluppato un caso di studio. Dovrà comprendere anche una valutazione economica degli stessi processi e una proposta di progetto per un miglioramento dell’efficienza dell’azienda singola o del comprensorio.

La valutazione si basa su molteplici fattori: livello di conoscenza e la capacità d’analisi; contributo al processo di apprendimento nell’attività di gruppo e di aula; valutazione del progetto sul campo; frequenza continuata e attiva al programma formativo. È richiesta una frequenza pari al 70% delle lezioni d’aula.

Data di scadenza per le iscrizioni: 12 ottobre 2014.

 

Cnr – Master in Energia e Bioprodotti da Biomassa: http://www.master-bioenergia.org



Contenuti correlati

  • Master in mobilità ferroviaria, aperte le iscrizioni al master Alstrom

    Sono aperte le iscrizioni per l’anno accademico 2022/2023 del Master in apprendistato di alta formazione “Railways Mobility Industry: Train 4 me”, organizzato dalla Scuola di Master e Formazione permanente del Politecnico di Torino insieme ad Alstom e che...

  • Biomasse solide: diversifichiamo le rinnovabili a fronte della saturazione dei territori

    La strategia poco diversificata sulle rinnovabili in Italia sta mostrando alcuni limiti importanti, come ha denunciato, intervenendo sullo scenario di decarbonizzazione in cui emergono sempre di più i limiti di tale approccio, l’Associazione EBS (Energia da Biomasse...

  • Emerson aiuta Albioma a diventare un fornitore di energia completamente rinnovabile

    La società globale di tecnologia e software Emerson è stata scelta da Albioma, un fornitore indipendente francese di energia, per contribuire alla transizione del suo impianto di Bois Rouge da carbone al 100% di energia rinnovabile. Nell’ambito della...

  • Arriva il Master Supply Chain Sostenibile, per il Sustainability Manager

    L’attenzione alla sostenibilità è ormai un obbligo per ogni ambito delle attività umane: dai comportamenti privati ai consumi, dall’agricoltura alle produzioni industriali. Si tratta di una dinamica che sta creando nuove professioni e nuovi posti di lavoro:...

  • CNR, nuovi materiali migliorano l’efficienza dei pannelli fotovoltaici

    Un parco solare di 4,5 metri quadrati ad Heraklion, sull’isola di Creta, realizzato con pannelli fotovoltaici di terza generazione basati su nuovi materiali, quali perovskite e grafene e altri materiali bidimensionali in sostituzione del silicio, è stato...

  • Imprese e caro energia

    L’aumento dei prezzi delle materie prime sui mercati internazionali, iniziato negli ultimi mesi del 2020, insieme all’aumento del costo dell’energia, stanno avendo un impatto importante sull’industria italiana. Il prezzo medio dell’energia elettrica a carico delle imprese italiane a...

  • CNR, un idrogeno sempre più verde

    Ricercatori dell’Istituto di chimica dei composti organometallici del Consiglio nazionale delle ricerche in collaborazione con l’ETH di Zurigo hanno scoperto che la produzione di idrogeno verde dall’acqua può essere promossa da singoli atomi di rutenio. I ricercatori...

  • Etna vulcano emissioni CO2
    Vulcani, l’Etna emette quantità eccezionali di CO2

    L’Etna emette quantità di CO2 molto superiori a quelle di altri vulcani attivi e ciò si deve a serbatoi di carbonio profondi presenti sotto l’Italia meridionale, che liberano anidride carbonica a causa del movimento della placca ionica....

  • master smart city smart mobility
    Al via il master Smart City & Smart Mobility: Global Vision

    Al via il primo Master in Italia sul tema Smart City e Smart Mobility: global vision, che sarà realizzato grazie al supporto economico di tre primarie aziende italiane: Icona Design Group, società italiana di stile nota per...

  • Sace: il 2021 è l’anno della ripresa per l’export italiano

    A un anno dall’inizio della pandemia che ha portato a una recessione globale senza precedenti, l’incertezza economica permane e il quadro complessivo dei rischi è decisamente più elevato ed eterogeneo. Ma il 2021 sarà un anno di...

Scopri le novità scelte per te x