Rapporto Cobat 2014

Pubblicato il 5 giugno 2015

Più della metà delle batterie vendute in Italia e oltre 7,5 milioni di chili di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche gestiti, una crescita del 211% nella raccolta dei moduli fotovoltaici e quattro studi sperimentali per il riciclo dei rifiuti del futuro in partnership con le più importati istituzioni scientifiche italiane. Sono questi i dati che emergono dal Rapporto 2014 di Cobat, il consorzio che offre servizi integrati e personalizzati di raccolta, trattamento e riciclo di prodotti giunti a fine vita.

Michele Zilla, Direttore Generale Cobat, ha illustrato i risultati raggiunti nel biennio 2013-2014 e gli obiettivi ai quali il Consorzio sta lavorando. Armando Romaniello e Paolo Marras, Direttore Marketing e Area Manager Centro Italia Certiquality, hanno successivamente sottolineato quanto sia importante per imprese che operano per la tutela dell’ambiente, seguire un percorso di certificazione come quello intrapreso da Cobat. A seguire, il dibattito “Da rifiuti a risorse: un’opportunità per un futuro sostenibile”. Hanno partecipato Stefano Ciafani, Vice Presidente Legambiente, Giancarlo Morandi, Presidente Cobat, ed Ermete Realacci, Presidente VIII Commissione Camera dei Deputati. È intervenuto, infine, Pavan Sukhdev, economista indiano e autore del libro “Corporation 2020. Trasformare le imprese per il mondo di domani” – Edizioni Ambiente 2015, che ha ricoperto il ruolo di coordinatore del progetto The Economics of Ecosystem and Biodiversity (Teeb) dell’Onu.

Cobat è attualmente il Sistema di raccolta e riciclo di pile e accumulatori più rappresentativo in Italia, con quasi il 55% dell’immesso al consumo degli accumulatori industriali e per veicoli e quasi il 30% delle pile e degli accumulatori portatili. Nel 2014 la raccolta di accumulatori al piombo esausti si è attestata sui 127,5 milioni di kg. In Toscana (+29,7%), Campania (+28,3%) e Abruzzo (+24,2%) le maggiori variazioni percentuali dei quantitativi di raccolta.

Cobat, tra i primi 7 Sistemi di raccolta in Italia, è passato da 105.983 kg di Raee gestiti nel 2013 ai 7.519.568 kg del 2014 (una crescita di oltre 70 volte), grazie all’incremento delle adesioni di Produttori e Importatori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche. Ad oggi i Centri di Raccolta sono 777, dai 44 dell’anno precedente. Il maggiore quantitativo raccolto, sia nel 2013 sia nel 2014, appartiene alla categoria R3 (TV e Monitor), rispettivamente con circa 86.000 kg e oltre 6 milioni di kg.

Nel 2011 Cobat ha strutturato la prima filiera italiana per la raccolta e il riciclo dei moduli fotovoltaici esausti anticipando la Direttiva Europea 2012/19/UE sui Raee, recepita con il DLgs. 49/2014. Al momento i moduli che necessitano di un corretto invio a trattamento sono limitati. Ciò nonostante, Cobat ha triplicato i quantitativi raccolti, passando da 22.500 kg del 2013 a 70.000 kg del 2014. Il dato è destinato a crescere ancora data l’obsolescenza dei moduli derivanti da installazioni di venti anni fa. Cobat, attualmente il primo Sistema nazionale in termini di quote di mercato, assicura la totale tracciabilità di ogni singolo modulo fotovoltaico immesso sul mercato e attiva le migliori garanzie finanziarie che coprono la raccolta e il riciclo del prodotto giunto a fine vita anche dopo 20-30 anni dall’installazione.

Nel 2014 Cobat, già attivo nella gestione indiretta degli PFU, ha ottenuto dal Comitato Aci l’autorizzazione a operare nella gestione degli pneumatici fuori uso provenienti da autodemolizione. Il quantitativo gestito nel 2014 da Cobat è pari a 7.000 kg (+40% rispetto al 2013), ma è destinato a crescere grazie all’ampliamento dell’offerta di servizi.

Il Sistema Cobat è costituto da 90 Punti Cobat e 17 impianti di trattamento e riciclo accreditati. In questo modo, il Consorzio riesce a garantire una copertura omogenea del Paese e ad abbattere costi di trasporto e immissioni inquinanti in atmosfera. Sono oltre 700 i produttori e importatori che hanno affidato a Cobat la responsabilità della gestione del fine vita, per un immesso al consumo di più di 160.000 tonnellate di rifiuti.

La scelta del personale di utilizzare sempre di più il treno ha permesso di abbattere del 6%, rispetto al 2013, la produzione di tonnellate di CO2 equivalenti di gas serra. Grazie a un ulteriore processo di efficientamento della logistica, nel 2014 sono diminuiti, poi, i km percorsi e le emissioni di gas climalteranti del 7,5% per ogni singola tonnellata raccolta di accumulatori al piombo.

La vocazione di Cobat a favore della tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini si traduce in campagne informative e di sensibilizzazione sui temi della sostenibilità e del riciclo. Tra gli strumenti di comunicazione del Consorzio: il portale, l’innovativa Cobat TV accessibile dal sito internet dedicato e Ottantadue, lo storico house organ bimestrale.

Cobat ha garantito, inoltre, oltre 500 ore di formazione per il personale interno e per quello del suo network tra il 2012 e il 2014 dedicate al team di lavoro.

Tra le iniziative di ricerca e sviluppo, il Consorzio ha avviato nel 2014 uno studio di fattibilità con l’Istituto di Chimica dei Composti Organometallici (Iccom) del Cnr-Consiglio Nazionale delle Ricerche per sperimentare una tecnologia per il trattamento degli accumulatori al litio esausti e il recupero dei loro componenti metallici. Visto l’uso quotidiano nei pc, tablet e smartphone, ma anche nelle vetture ibride ed elettriche, il progetto potrebbe costituire la risposta a una delle principali sfide ambientali del futuro.

“Forti di un’esperienza di oltre 25 anni”, ha dichiarato Giancarlo Morandi, Presidente Cobat, “nella raccolta e nel riciclo di accumulatori al piombo e pile portatili esausti su tutto il territorio italiano, abbiamo messo a disposizione di tutti i rifiuti tecnologici le nostre competenze e la nostra rete. Il risultato è una gestione efficiente e sostenibile, sia da un punto di vista economico sia ambientale. Ma non possiamo fermarci a questi risultati. Lo sguardo è rivolto al futuro, perché i prodotti di oggi sono i rifiuti di domani. E per rimanere al passo con l’incessante innovazione tecnologica, abbiamo puntato sulla ricerca di nuovi sistemi di trattamento e riciclo per prodotti che in pochi anni sono diventati di massa, come nel caso delle batterie al litio”.

“Abbiamo voluto presentare il nostro Rapporto 2014”, ha aggiunto Michele Zilla, Direttore Generale Cobat, “per condividere gli importanti risultati conseguiti finora e al tempo stesso fissare i prossimi traguardi da raggiungere. Ci proponiamo per i prossimi anni di investire nel potenziamento dei servizi offerti nelle filiere dei Raee, dei moduli fotovoltaici giunti a fine vita e degli PFU. L’obiettivo è fornire un servizio sempre più integrato e su misura, in base alle esigenze di produttori e importatori”.



Contenuti correlati

  • Innovazione, collaborazione e sostenibilità

    Festo guida la trasformazione verso un futuro sostenibile, offrendo soluzioni all’avanguardia per l’automazione industriale Il mercato attuale presenta sfide significative, come le rapide evoluzioni tecnologiche e gli scenari normativi in continua evoluzione. Le aziende devono dimostrare grande...

  • Stefano Cappello Limenet startup
    Le start-up che accelerano il Net Zero con lo stoccaggio della CO2 nel mare

    L’Oceano è il più grande serbatoio di carbonio del pianeta, un sistema naturale che assorbe l’anidride carbonica in eccesso dall’atmosfera e la immagazzina. Circa il 25-30% di CO2 immessa in atmosfera nel corso in tutta l’era industriale...

  • Direttiva CSRD, i nuovi obblighi per essere sostenibili

    La Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD) è stata varata dalla Commissione Europea allo scopo di promuovere pratiche commerciali improntate alla sostenibilità sia negli scambi che avvengono tra le aziende dell’Unione che in quelli riguardanti le importazioni extra...

  • Fanuc CDP Climate A List
    Robot amici dell’ambiente: Fanuc è nella Climate A List di CDP

    Fanuc è stata riconosciuta come eccellenza nella sostenibilità aziendale e lotta al cambiamento climatico dall’organizzazione internazionale no-profit CDP, assicurandosi per la prima volta il posto nella sua esclusiva “A List” annuale. CDP (Carbon Disclosure Project) monitora regolarmente...

  • Gestione efficiente e sostenibile dell’acqua con Control Techniques

    L’approvvigionamento idrico in aree remote dove non esistono fonti di energia elettrica o dove la fornitura energetica non è affidabile diventa complesso da gestire e necessita di una soluzione sicura ed efficiente. È qui che entra in...

  • rifiuti Nordea
    Non solo ambiente: il riciclo dei rifiuti può anche generare profitto

    Il mondo sembra invaso da immondizia. Almeno questa è la percezione che emerge quando si controllano le previsioni riguardanti l’aumento della produzione globale di rifiuti. Secondo la Banca Mondiale, infatti, per il 2050, l’immondizia creata a livello...

  • italpreziosi b corp
    Sostenibilità d’oro per Italpreziosi che ottiene la certificazione B Corp

    Italpreziosi ha reso noto, in occasione dei festeggiamenti per il traguardo del 40° anniversario, di aver ottenuto la certificazione B Corp. Italpreziosi, già società Benefit, entra così a far parte di un movimento globale di aziende che guidano...

  • Giornata Mondiale dell’Acqua

    Ogni 22 marzo, il mondo celebra la Giornata Mondiale dell’ Acqua, istituita nel 1992 dalle Nazioni Unite per mettere in evidenza l’importanza vitale di questa risorsa. Quest’anno, TÜV Italia vuole riflettere sull’urgente necessità di preservare le risorse...

  • Da Panasonic e Tado pompe di calore smart per la transizione energetica

    La partnership tra tado° e Heating & Ventilation A/C Company di Panasonic Corporation offre un mix di tecnologie e prodotti all’avanguardia per il settore delle pompe di calore, che prevedono un controllo del riscaldamento intelligente. Questa collaborazione...

  • Riciclo e tracciabilità della plastica: il caso Relicyc alla Settimana della Sostenibilità

    Relicyc è tra i protagonisti della Settimana della Sostenibilità 2024, l’evento organizzato da Confindustria Veneto Est dal 19 al 22 marzo per diffondere la cultura dello sviluppo sostenibile tra le imprese del territorio. Primaria realtà nel settore...

Scopri le novità scelte per te x