Ceresana Research presenta il mercato del polietilene

Analisi sulla produzione, campi di applicazione, stime sull’andamento economico fino al 2016 e una panoramica sulle principali realità del mercato, sono l’oggetto dello studio sul LPDE realizzato dai ricercatori di Ceresana

Pubblicato il 16 giugno 2010

“La tendenza di sostituire il polietilene con altri polimeri è in declino in tutte le nazioni industrializzate” questo è quanto afferma Oliver Kutsch, proprietario dell’istituto di ricerca tedesco Ceresana Research presentando i risultati dello studio dedicato proprio al mercato del LPDE.

La ricerca, che si sviluppa in 850 pagine, si pone l’obiettivo di fare il punto su questo articolato mercato. Presenta i diversi campi di applicazione del LPDE: dagli utilizzi più frequenti, come la produzione di film e sacchetti, che rappresentano circa il 67% della domanda di polietilene, fino a ambiti più inconsueti tra i quali le applicazioni in campo agrario o per il rinforzamento delle dighe. Un’analisi completa del mercato che si snoda considerando le sette principali aree geografiche. Lo studio pone, inoltre, l’accento sull’andamento economico del mercato. In particolare Ceresana sottolinea il considerevole crollo del prezzo del polimetro durante 2009: una perdita di circa 30%.

La ricerca mette anche in evidenza le difficoltà dei mercati nord-americano ed europeo (in particolare dell’Europa occidentale) che hanno dovuto affrontare un sostenuto calo della domanda. Ciò ha portato a una riduzione del valore globale del mercato portandolo a 15,9 miliardi di euro. Secondo l’istituto di ricerca la situazione però si sta stabilizzando: Ceresana Research prevede, infatti, una crescita del fatturato complessivo a partire dal 2011, grazie soprattutto al forte impatto del mercato asiatico. Quest’area è infatti la più importante fruitrice di LDPE totalizzando circa il 39% del consumo totale del polimero.

L’aspetto economico finanziario è analizzato in dettaglio considerando 67 Paesi e stimando l’andamento del mercato fino al 2016. I ricercatori sostengono inoltre che la produzione di polietilene crescerà in modo significativo nel mercato del Medio Oriente: si stima che raggiungerà approssimativamente 3,5 milioni di tonnellate entro il 2014. Di conseguenza paesi come il Qatar, l’Arabia Saudita e l’Iran diverranno I principali esportatori di plastica. Infine, la ricerca (sintetizzata sul sito Ceresana ) raggruppa gli 87 principali produttori di LPDE, dedicando a ciascuno un breve profilo sulla loro produzione e sulla loro struttura.

Ceresana Research: www.ceresana.com



Contenuti correlati

  • Ecopolietilene studia la raccolta differenziata

    Il consorzio per la gestione dei beni in polietilene, in collaborazione con la società piemontese STR ed Ecolight Servizi, ha dato vita al progetto di monitoraggio sul conferimento in ambito urbano. «Con un piccolo sforzo è possibile...

  • Siropack vaschetta Respect
    Siropack rivoluziona il riciclo del packaging in PE con Respect

    Siropack, azienda vocata alla ricerca e sviluppo di packaging innovativi, nel 2020 ha brevettato Respect, un rivoluzionario sistema che ha risolto definitivamente il problema della sigillatura delle vaschette APET mono-materiale, rendendo riciclabile l’intera vaschetta eliminando lo strato...

  • ecopolietilene plastica riciclo
    I teli in plastica dell’agricoltura recuperati per produrre film per l’edilizia

    Dall’agricoltura all’edilizia il passo è breve, se si vuole bene all’ambiente. Nasce la prima filiera circolare per il recupero dei rifiuti plastici (beni in polietilene) che permette ai teli dismessi per la copertura dei vigneti di essere...

  • La nuova sfida ecologica è nel recupero del polietilene

    Passa dal polietilene la nuova sfida ecologica. In occasione della Giornata mondiale dell’Ambiente, istituita 49 anni fa dall’assemblea generale delle Nazioni Unite e celebrata ogni 5 giugno, il consorzio Ecopolietilene ribadisce l’importanza di una corretta gestione dei...

  • Nestlé Waters, PepsiCo e Suntory aderiscono al Consorzio per l’economia circolare della plastica

    Carbios, società all’avanguardia nello sviluppo di soluzioni bio-industriali in grado di rinnovare il ciclo vitale dei polimeri plastici e tessili, e L’Oréal annunciano un’importante collaborazione con Nestlé Waters (presente in Italia attraverso il Gruppo Sanpellegrino), PepsiCo e...

  • Cnr a Lecco, un ecosistema dell’innovazione

    Si è tenuta, all’interno del Campus di Lecco del Politecnico di Milano, l’inaugurazione del Polo Territoriale di Lecco dove saranno presenti sette Istituti del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr): Istituto per l’energia e le interfasi (Ieni), Istituto...

  • Plastica, la ripresa tra luci e ombre

    La ripresa? Non sembra vicina, almeno stando ai dati della filiera industriale della plastica, preciso indicatore di sviluppo perché strettamente legato ai consumi, in una molteplicità di applicazioni. Analizzando l’andamento dell’Industria della plastica otteniamo dunque indicazioni sul...

  • Dalla plastica al combustibile: Demont presenta De Fuel

    Si è svolta, presso la sede principale Demont di Millesimo, la presentazione ufficiale di De Fuel, impianto in grado di trasformare la plastica in gasolio. Oltre 50 le aziende presenti tra grandi multiutilities e realtà minori che...

  • DOW: ultrafiltrazione con fibre cave in polivinilidenfluoruro idrofilico

    Il cuore della tecnologia brevettata di ultrafiltrazione DOW è rappresentato dalle fibre cave in polivinilidenfluoruro idrofilico (H-Pvdf). La natura idrofilica del mezzo filtrante riduce la tendenza alla contaminazione organica che è caratteristica di altri materiali più idrofobi....

  • ecovio, la plastica biodegradabile di Basf

    Basf partecipa per la prima volta a Ecomondo, la fiera italiana di riferimento della green economy in corso in questi giorni a Rimini. Basf è impegnata nella ricerca e nella produzione di biopolimeri compostabili e con contenuto...

Scopri le novità scelte per te x