Nuova vita agli oggetti in plastica con le vele riciclate

Pubblicato il 3 novembre 2022
Vele - pennarelli e occhiali

Dalle vele che hanno fatto il giro del mondo ad oggetti di uso comune, come pennarelli ed occhiali da sole. Il progetto innovativo messo a punto dall’azienda italiana Flexon Composites, con il Consorzio nazionale dei rifiuti dei beni in polietilene Polieco, nasce dalla sfida, pienamente colta, di individuare una tecnologia rispettosa dell’ambiente in grado di garantire il riciclo del prodotto a fine vita, mantenendo ed incrementando il livello delle prestazioni.

La vela messa a punto da Flexon Composites per Onesails International, frutto dell’unica tecnologia sostenibile certificata del momento, sviluppata utilizzando strumenti come la Norma ISO 14067 per il contenimento delle emissioni di anidride carbonica connesse con la produzione sia direttamente (processi interni) sia indirettamente (materiali impiegati, trasporti), garantisce la possibilità di riciclo con la conseguente produzione di rigenerato.

Dal 2015 Polieco, Flexon e Onesails hanno dato vita ad un progetto finalizzato alla raccolta ed al riciclo delle vele dismesse da trattare in impianti convenzionali di recupero al fine di ottenere granulo in polietilene riutilizzabile per stampaggi.

La storica azienda toscana Capp-Plast, associata del Polieco, è stata la prima a credere nel percorso con il presidente Adriano Baldi che ha dato il via alla sperimentazione attraverso la lavorazione delle vele messe a disposizione, nell’ambito del progetto, da Pip Hare, la skipper britannica che ha fatto il giro del mondo non stop in solitaria nella Vendée Globe 2021, per poi affermarsi ottava donna al mondo a concludere la prestigiosa regata internazionale.

E così dalle vele realizzate nell’ottica della sostenibilità con materiali alternativi a quelli convenzionalmente utilizzati, che generalmente risultano poco compatibili con l’ambiente (se non addirittura altamente inquinanti come carbonio, fibre aramidiche, collanti e resine catalitiche a solvente), è nata nuova materia prima.

“Il passo successivo è stato quello di dimostrare la possibilità di realizzare nuovi oggetti e così –spiega l’amministratore delegato della Flexon Piercarlo Molta, uno dei massimi esperti e conoscitori di metodi e tecniche per l’applicazione delle tecnologie composite nei materiali flessibili – con Onesails abbiamo lavorato a due progetti ambiziosi: il primo con la Carioca di Settimo Torinese, dove è stato realizzato un pennarello, stampandone il fusto a iniezione con il materiale riciclato, il secondo con la Ottica Soldano di Varese, dove è stata stampata la montatura di un occhiale sportivo per vela, ottenendo così un prodotto che ha le medesime caratteristiche di quello realizzato con esclusivo materiale vergine”.

I prodotti nati dalle vele sono stati presentati nel corso dell’ultima edizione del Forum internazionale sull’economia dei rifiuti promosso dal Polieco.

“E’ un cerchio che si chiude – commenta la direttrice del Polieco Claudia Salvestrini – e che ci indica la vera strada dell’economia circolare, partendo dalla consapevolezza che l’impresa lungimirante, capace e aperta alle innovazioni può determinare la vera transizione ecologica. Il consorzio Polieco è particolarmente orgoglioso di questo percorso di sostenibilità, sintesi eccellente della cooperazione tra le imprese che aderiscono alla nostra rete e che abbiamo il dovere di sostenere e accompagnare in modo concreto per attuare soluzioni a tutela dell’ambiente”.

Il consorzio Polieco e Flexon stanno già lavorando ad un protocollo d’intesa per la raccolta delle vele dismesse, con lo scopo di rendere completamente operativo il ciclo virtuoso attraverso un idoneo sistema di raccolta, l’avvio a recupero e ricondizionamento del polietilene.

Nel frattempo gli skipper che utilizzano le vele green della Flexon, sui campi di regata di tutto il mondo, hanno continuato a conseguire risultati eccezionali, ottenendo l’oro mondiale per il terzo anno consecutivo della classe C dell’ORC (Offshore Racing Congress) e vari podi nelle altre classi, oro nel Campionato italiano assoluto, e secondo posto nella classe Super-Maxi per lo Spirit Yacht 111 al mondiale Maxi-Yacht di Porto Cervo.



Contenuti correlati

  • Ridurre i costi di produzione dell’idrogeno verde fino al 20% con ABB

    ABB introduce il suo sistema di gestione dell’energia, ABB Ability Optimax, anche per il mercato dell’idrogeno verde. ABB Ability Optimax permette alle aziende di ridurre i costi di produzione grazie a una visibilità in tempo reale dei...

  • Green Tech: sono 78 gli unicorni del settore. E l’Italia cerca il suo

    South Pole, fondata in Svizzera e operante in 50 paesi con 23 sedi e 700 dipendenti, opera nel crescente settore della mitigazione climatica. Negli ultimi 7 anni le startup green che hanno assunto valorizzazioni superiori al miliardo...

  • Nuova visual identity e claim per MCE

    MCE, la vetrina prestigiosa del settore, allarga il proprio orizzonte visivo con il ruolo di leader che ha conquistato negli anni, governando i cambiamenti sempre più ampi e importanti, con un percorso per incrementare il proprio ruolo...

  • Meno consumi e più sostenibilità, con nuovi motori e azionamenti

    La sostituzione delle installazioni obsolete con nuovi motori più efficienti ed ecologici comporta importanti vantaggi per l’ambiente e lo sfruttamento delle risorse, oltre che per i costi di produzione e quindi per la competitività. Leggi l’articolo

  • sostenibilità industria
    Come fare per diventare un’industria sostenibile?

    Si parla molto del tema della sostenibilità ambientale, oramai questo termine è utilizzato quasi come un intercalare quando si parla di economia ed industria. Purtroppo, questa parola non può rappresentare un desiderio da soddisfare per seguire la...

  • Etichetta green per dare nuova vita ai rifiuti

    Epson aderisce al progetto Fur of Love che è insieme una label e una campagna per salvare i capi pre-loved da discariche e inceneritori. Partner tecnologico dell’iniziativa, Epson attesta l’essenza vintage della pelliccia sulla base di un’autocertificazione...

  • Certificazione ‘Made in Italy’ per ridurre del 73% i casi di danno ambientale

    Nelle aziende del Vecchio Continente manca una vera cultura della prevenzione e del ripristino di un danno fatto all’ecosistema: solo l’1,7%, infatti, ha attivato una polizza sul rischio ambientale. Per guidare il cambiamento a favore di una...

  • Natale 2022: quest’anno sotto l’albero si ‘spacchetta’ la sostenibilità

    I consumatori sono sempre più attenti alla sostenibilità dei prodotti e delle aziende che li producono e commercializzano. Secondo uno studio di Accenture, in Italia, il 71% dei consumatori preferisce acquistare beni e servizi provenienti da aziende con...

  • Sato etichette linerless solubili
    Packaging e riciclo: le etichette Sato sono solubili in acqua

    Sato, multinazionale giapponese che fornisce soluzioni per l’identificazione automatica e per la tracciabilità dei prodotti, ha avviato un’analisi interna con l’obiettivo di identificare soluzioni concrete da proporre ai partner e ai clienti finali interessati a valorizzare gli...

  • Tre chiavi per il futuro

    Innovazione, digitalizzazione e sostenibilità: queste le parole chiave della strategia di IMQ per il prossimo futuro, come ha sottolineato l’AD del gruppo, Antonella Scaglia Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x