La plastica green tra riciclo e efficienza energetica con Eiffel

Pubblicato il 18 gennaio 2024
Eiffel_ABB_plastica

La plastica è additata come causa (almeno parziale) dell’inquinamento di acque e terre. Se da un lato non è un concetto sbagliato, dall’altro c’è modo e modo di produrla, trasformarla e riciclarla a fine vita. Un esempio in tal senso è Eiffel, azienda di Fontanellato (PR) che ha da poco tagliato il traguardo dei 60 anni di attività.

Eiffel si occupa della produzione di teli in polietilene per svariati settori: in agricoltura per la copertura delle coltivazioni, nella cantieristica con i termoretraibili, nella impermeabilizzazione dei terreni con le geomembrane ecc. Uno dei punti deboli della lavorazione della plastica è che, pur essendo un processo concettualmente semplice, richiede molta energia. Gli impianti per la lavorazione della plastica scaldano il materiale a una temperatura adatta alla sua trasformazione, per poi essere nuovamente raffreddati.

“Questo comporta un notevole dispendio. – spiega Paolo Bernardi, Chief Technology Officer (CTO) di Eiffel – Cerchiamo di utilizzare meno elettricità possibile sfruttando impianti efficienti; inoltre, stiamo costruendo il nostro terzo parco fotovoltaico che ci consentirà di arrivare a produrre in totale circa 4 MW, un quarto del consumo complessivo degli stabilimenti produttivi”.

Produrre calore in modo efficiente è il primo passo, ma come convertirlo successivamente in una fonte energetica anziché disperderlo nell’ambiente? Innanzitutto installando sistemi adiabatici, cioè che non scambiano calore con l’esterno: un primo passo verso il riutilizzo del calore, coadiuvato dall’impiego di pompe di calore al posto delle tradizionali caldaie. Un’altra tipologia di impianto accusata di essere particolarmente energivoro è quello della produzione e della distribuzione di aria compressa.

“Se non si fa la corretta manutenzione, si possono avere perdite ingenti che comportano elevati costi. – conferma Bernardi – In azienda abbiamo introdotto sistemi di misura della portata a ultrasuoni che ci permettono di monitorare le possibili perdite. Così facendo, riduciamo i consumi ed evitiamo di installare compressori inutilmente sovradimensionati”.

Il problema principale della plastica è la sua gestione a fine vita, perché se non viene correttamente smaltita o riciclata impiega molto tempo a dissolversi nell’ambiente. Per fortuna, in particolare nel settore agricolo, il recupero post-utilizzo è ben organizzato. “Abbiamo creato e aderito a un consorzio che provvede alla raccolta dei prodotti a fine vita dai nostri clienti. – prosegue Bernardi – Questi vengono poi lavati, rigranulati e utilizzati nuovamente. Ormai nel nostro stabilimento entra solo materia prima vergine o da riciclare ed esce solo prodotto finito e conforme. Nessuno scarto, né sottoprodotti. Ogni sforzo verso processi più efficienti e sostenibili ha portato benefici non solo per l’ambiente, ma anche per i costi in bolletta. Il ritorno economico, in particolare per aziende come la nostra, è molto rapido. L’efficienza è quella risorsa silente che talvolta non sai di avere, ma quando la scopri non puoi più farne a meno”.



Contenuti correlati

  • Phoenix Contact plastiche biologiche
    Componenti in bioplastica di Phoenix Contact per un’industria elettronica più sostenibile

    Phoenix Contact punta a prodotti progressivamente sempre più sostenibili. Esistono già soluzioni nelle categorie di prodotto dei morsetti per circuiti stampati, dei connettori e delle custodie per l’elettronica che hanno migliorato significativamente l’impronta di carbonio grazie all’ottimizzazione...

  • CGT_Gelit
    La trigenerazione di CGT abbatte le emissioni di CO2 di Gelit

    I vantaggi della cogenerazione e trigenerazione in ambito industriale rappresentano il tema trattato nel secondo episodio di “Re-Evolution Technologies”, la web serie prodotta da CGT, storica realtà italiana che fa parte del Gruppo Internazionale Tesya, che coinvolge...

  • Danfoss idrogeno verde
    Idrogeno verde: produzione ragionata per assicurare la sostenibilità

    Un nuovo report pubblicato da Danfoss Impact rivela che, poiché la produzione di idrogeno è destinata ad assorbire più della metà dell’attuale domanda di energia elettrica entro il 2050, l’efficienza energetica nella sua produzione è fondamentale. È...

  • Un occhio all’aria compressa

    L’automazione può migliorare efficienza energetica, produttività e flessibilità in azienda. E il monitoraggio dei sistemi di aria compressa? Una soluzione ifm electronic garantisce anche in questo caso risparmi consistenti a fronte di investimenti contenuti Ifm è una...

  • Efficienza energetica e flessibilità migliorate

    Anche i millesimi di secondo sono preziosi per l’industria della plastica. Lo pensa Netstal, che per garantire sempre una produzione controllata alle sue macchine per stampaggio a iniezione si è affidata a Keba Netstal è un’azienda svizzera...

  • Ridurre il consumo di aria compressa

    Obiettivo: individuare le perdite per eliminarle in modo semplice e strutturato. Festo e GMM effettuano un revamping dei sistemi dello storico produttore di cioccolato Venchi, così da aumentare il risparmio energetico e diminuire la CO₂ Con oltre...

  • Ottimizzare l’efficienza energetica con criteri ESG

    In Gigatek è stata scelta la soluzione iFactory EHS di Advantech per costruire un sistema di gestione energetica EMS Con la crescente consapevolezza ambientale e le limitazioni dell’approvvigionamento energetico, l’ottimizzazione della gestione energetica è diventata essenziale. Fondata...

  • ABB Boliden
    Da ABB un innovativo sistema di carrelli a batteria elettrica per miniere sotterranee

    Boliden, Epiroc e ABB hanno raggiunto un nuovo traguardo tecnologico implementando con successo il primo sistema di carrelli da miniera completamente alimentati da batterie elettriche, su un percorso di prova in una miniera in Svezia con una...

  • L’efficienza energetica nell’industria

    Trend, ostacoli e fattori trainanti per l’incremento degli investimenti in efficienza energetica nell’industria. La situazione europea e quella italiana. Diventa sempre più rilevante il contributo delle tecnologie digitali. Uno studio dell’Enea segnala importanti risultati ottenuti grazie alle...

  • Controlli tradizionali e machine learning per l’efficienza energetica negli edifici

    L’efficienza energetica negli edifici è un argomento di cui, giustamente, si sente parlare da molto tempo, rappresentando un elemento fondamentale per la decarbonizzazione, che necessariamente passa attraverso l’uso più razionale delle risorse energetiche… Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x