Un occhio all’aria compressa

Dalla rivista:
Automazione Oggi

 
Pubblicato il 14 maggio 2024

L’automazione può migliorare efficienza energetica, produttività e flessibilità in azienda. E il monitoraggio dei sistemi di aria compressa? Una soluzione ifm electronic garantisce anche in questo caso risparmi consistenti a fronte di investimenti contenuti

Ifm è una realtà a livello globale che sviluppa, produce e commercializza sensori, controllori, software e sistemi per l’automazione industriale, nonché soluzioni basate su SAP per la gestione della supply chain e l’integrazione dello shop floor management. I prodotti che concepisce, realizza e commercializza hanno come obiettivo costante e irrinunciabile il miglioramento dell’efficienza energetica e il contenimento dell’utilizzo delle risorse, tema trattato anche dal Piano Transizione 5.0, recentemente varato dal governo italiano. È un approccio a tutto campo, quello adottato da ifm, perché indirizzato, ancor prima che verso il cliente, verso sé stessa. Ne è prova l’implementazione di misure attive volte a combattere il cambiamento climatico, attuata dall’azienda a livello di gruppo e valida per tutta la sua attività aziendale. Un paio di esempi comprovanti il lavoro in corso (o già effettuato) in questo ambito riguardano l’utilizzo totale da parte di ifm di elettricità verde (traguardo centrato nel 2020), così come l’impegno mirato a fare uso esclusivo di imballaggi sostenibili. Per raggiungere i rilevanti obiettivi che si è posta a tutela del pianeta, l’azienda si avvale di un sistema di gestione ambientale certificato secondo Emas/ISO 14001. Esaurita la premessa, necessaria a sottolineare un modus operandi focalizzato già a livello interno sulle tematiche inerenti alla salvaguardia dell’ambiente, un caso che testimonia l’approccio green di ifm riguarda un progetto sviluppato nei propri stabilimenti inerente al monitoraggio dell’uso di aria compressa in un contesto di fabbrica. “Assodato che la competitività di un’azienda è correlata a una molteplice serie di fattori, non ultima l’efficienza energetica dei suoi impianti, e stabilito che la produzione e la distribuzione di aria compressa occupano il secondo posto nella classifica delle voci che maggiormente determinano l’ammontare dei costi legati al consumo di energia, ne deriva l’importanza insita nel contenere il più possibile sprechi e utilizzi impropri di questa risorsa” dichiara Carlo Di Nicola, sales area manager sistemi e soluzioni IIoT della filiale italiana di ifm electronic.

L’importanza dell’uso di aria compressa

Di aria compressa ne viene fatto un uso massiccio, è un vettore d’energia per utensili e macchinari ed è parte rilevante e ben integrata di molti processi produttivi. I settori industriali nei quali è massicciamente utilizzata sono i più svariati: il trattamento dei metalli per soffiare via la polvere e i residui di lavorazione, il food&beverage per il confezionamento sottovuoto, la meccanica per la pulizia degli utensili, le attrezzature e l’azionamento di valvole e cilindri, il farmaceutico per la sterilizzazione e, in ambito oil&gas, per movimentare attrezzature e strumenti finalizzati all’estrazione del petrolio. Conseguenza dello sfruttamento intensivo delle possibilità offerte dall’aria compressa è che un monitoraggio costante della sua produzione e del suo utilizzo, associato a un rilevamento puntuale ed efficiente delle perdite, risulta essenziale al fine di ottenere consistenti risparmi nel consumo di energia elettrica e dunque, in buona sostanza, allo scopo di perseguire l’obiettivo di una produzione il più possibile sostenibile. Le perdite nei giunti, nei punti di raccordo oppure in componenti non (o male) funzionanti possono dunque provocare esborsi di denaro estremamente elevati. È questa un’evidenza che verte sul fatto che la produzione di aria compressa può rappresentare ben oltre il 30% del consumo di corrente elettrica di un impianto industriale. Con investimenti molto contenuti e grazie a ifm si possono ottenere risparmi energetici in modo costante e semplice.

Più risparmio ed efficienza

Serve puntualizzare che nella loro versione standard le macchine utensili offrono strumenti di visualizzazione per indicarne lo stato di funzionamento e che, solitamente, nel monitoraggio non sono compresi i dati di processo del consumo di aria compressa in relazione alla relativa registrazione dei costi. “Molto spesso le aziende non sanno quanto costa produrre 1 m3 di aria. Non è possibile quindi effettuare una valutazione in termini di gestione dell’energia e di possibili misure di efficientamento. Il che sta a significare che non è solitamente dato sapere quali siano i costi dell’aria compressa a seconda dello stato della macchina e dove sia possibile intervenire per risparmiare” sottolinea Di Nicola. Per l’applicazione in oggetto è stato installato un misuratore di aria compressa SD6500 di ifm, sia sull’alimentazione dell’aria compressa di una delle macchine utensili, sia sulla pistola. I sensori di flusso SD forniscono con precisione tutte le informazioni di processo necessarie per un utilizzo efficiente dell’aria compressa e dei gas industriali. Che si tratti di misurare il flusso o la pressione, di controllare la temperatura o la quantità totale, è possibile monitorare i dati di processo con un solo cavo e un solo sensore. Lo stato del sensore è sempre visibile, ovunque, anche in modalità wireless. Tramite un master IO-Link della serie AL1350 (collegato al server tramite una Vlan interna) i dati registrati dal sensore sono trasmessi a moneo RTM, potente strumento per il condition monitoring della piattaforma IIoT di ifm, attraverso cui è resa possibile l’evidenziazione del potenziale di risparmio energetico. La registrazione dei dati dei valori di flusso, la relativa visualizzazione e la contabilizzazione con moneo RTM costituiscono la base per il calcolo dei diversi costi dell’aria compressa. Con essi è possibile valutare e organizzare in modo mirato le misure di risparmio energetico, così come individuare i costi inutili in modalità stand by e far funzionare la macchina utensile in modo più efficiente dal punto di vista energetico, senza cioè sprecare inutilmente aria compressa.

Ifm electronic – www.ifm.com/it

Scarica il pdf



Contenuti correlati

  • CGT_Gelit
    La trigenerazione di CGT abbatte le emissioni di CO2 di Gelit

    I vantaggi della cogenerazione e trigenerazione in ambito industriale rappresentano il tema trattato nel secondo episodio di “Re-Evolution Technologies”, la web serie prodotta da CGT, storica realtà italiana che fa parte del Gruppo Internazionale Tesya, che coinvolge...

  • Danfoss idrogeno verde
    Idrogeno verde: produzione ragionata per assicurare la sostenibilità

    Un nuovo report pubblicato da Danfoss Impact rivela che, poiché la produzione di idrogeno è destinata ad assorbire più della metà dell’attuale domanda di energia elettrica entro il 2050, l’efficienza energetica nella sua produzione è fondamentale. È...

  • Efficienza energetica e flessibilità migliorate

    Anche i millesimi di secondo sono preziosi per l’industria della plastica. Lo pensa Netstal, che per garantire sempre una produzione controllata alle sue macchine per stampaggio a iniezione si è affidata a Keba Netstal è un’azienda svizzera...

  • Ridurre il consumo di aria compressa

    Obiettivo: individuare le perdite per eliminarle in modo semplice e strutturato. Festo e GMM effettuano un revamping dei sistemi dello storico produttore di cioccolato Venchi, così da aumentare il risparmio energetico e diminuire la CO₂ Con oltre...

  • Ottimizzare l’efficienza energetica con criteri ESG

    In Gigatek è stata scelta la soluzione iFactory EHS di Advantech per costruire un sistema di gestione energetica EMS Con la crescente consapevolezza ambientale e le limitazioni dell’approvvigionamento energetico, l’ottimizzazione della gestione energetica è diventata essenziale. Fondata...

  • L’efficienza energetica nell’industria

    Trend, ostacoli e fattori trainanti per l’incremento degli investimenti in efficienza energetica nell’industria. La situazione europea e quella italiana. Diventa sempre più rilevante il contributo delle tecnologie digitali. Uno studio dell’Enea segnala importanti risultati ottenuti grazie alle...

  • Controlli tradizionali e machine learning per l’efficienza energetica negli edifici

    L’efficienza energetica negli edifici è un argomento di cui, giustamente, si sente parlare da molto tempo, rappresentando un elemento fondamentale per la decarbonizzazione, che necessariamente passa attraverso l’uso più razionale delle risorse energetiche… Leggi l’articolo

  • OVHcloud data center
    Sostenibilità e data center, il contributo dell’economia circolare

    Attualmente – secondo uno studio pubblicato su Nature – i data center consumano circa 200 terawattora (TWh) di energia all’anno e si prevede che questo consumo aumenterà di quindici volte entro il 2030, fino a raggiungere l’8%...

  • Da Panasonic e Tado pompe di calore smart per la transizione energetica

    La partnership tra tado° e Heating & Ventilation A/C Company di Panasonic Corporation offre un mix di tecnologie e prodotti all’avanguardia per il settore delle pompe di calore, che prevedono un controllo del riscaldamento intelligente. Questa collaborazione...

  • Copeland Innovation Lab
    Hvacr, a Belluno il laboratorio di innovazione ed eccellenza Copeland

    Copeland ha aperto un nuovo laboratorio di innovazione a Belluno, in Italia, dove l’azienda impiega oltre 200 persone. Il nuovo Copeland Innovation Lab è uno spazio di oltre 10.000 metri quadrati incentrato sulla ricerca e lo sviluppo...

Scopri le novità scelte per te x