Ue e rifiuti: il parere del CdR

Pubblicato il 19 febbraio 2015

Il Comitato europeo delle regioni (CdR) chiede alla Commissione europea di non revocare le modifiche proposte alla legislazione dell’Ue in materia di rifiuti. Il Comitato – l’Assemblea Ue degli enti locali e regionali – ritiene molto più ragionevole ripartire dalle proposte esistenti piuttosto che ricominciare da zero. Invita quindi la Commissione a utilizzare le indicazioni fornite nel parere adottato dai leader locali e regionali nella plenaria dello scorso 12 febbraio come base per un intervento normativo ambizioso sui rifiuti, che apra davvero la strada a un’“economia circolare” sostenibile in Europa.

Il pacchetto dell’Ue in materia di rifiuti è stato proposto lo scorso anno dalla precedente Commissione europea con l’obiettivo di modificare la legislazione in vigore aumentando i livelli di riciclaggio e imponendo regole più severe in materia di discariche. La nuova Commissione, presieduta da Jean-Claude Juncker, sta valutando l’ipotesi di ritirare il pacchetto per presentare un progetto “più ambizioso” nel corso dell’anno. Mariana Gâju (RO/Pse), sindaco di Cumpăna, in Romania, e relatrice del parere del Comitato, ha ricordato che le nuove norme proposte dalla Commissione lo scorso anno potrebbero apportare un risparmio netto di 600 miliardi di euro, due milioni di nuovi posti di lavoro e una crescita del Pil pari all’1%. Gâju ha sottolineato che le città e le regioni d’Europa sono ben consapevoli dei vantaggi derivanti dal riciclo e dalla gestione dei rifiuti e ha chiesto alla Commissione europea di non perdere altro tempo ritirando il progetto iniziale.

“Le proposte sono lungi dall’essere perfette, ed è per questo che abbiamo sollevato un certo numero di questioni per le quali ravvisiamo dei margini di miglioramento. L’Ue, tuttavia, si basa sui compromessi, e il pacchetto iniziale è proprio questo: come possiamo immaginare, in pochi mesi, di arrivare a un nuovo accordo accettabile per tutti? Ripartire da zero equivale a sprecare i progressi compiuti. Siamo tutti d’accordo sul fatto che la realizzazione di un’economia circolare porterà dei vantaggi all’economia, all’ambiente e ai cittadini: costruiamo quindi su quello che già abbiamo”, ha dichiarato Gâju.

Presentando il programma di lavoro della Commissione nel corso della sessione plenaria del CdR a Bruxelles, il primo vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans ha confermato che il pacchetto sull’economia circolare è oggetto di revisione. Alle domande formulate dal CdR ha replicato che le proposte vanno migliorate per mettere in risalto anche il concetto di produzione economica sostenibile e renderle più realistiche: “Talvolta, al momento di proporre norme legislative in settori che consideriamo estremamente importanti, scegliamo degli strumenti poco realistici, che, in tutta onestà, sappiamo di non poter attuare”, ha dichiarato.

Il pacchetto originale sull’economia circolare dell’Ue contiene una serie di misure, tra cui la garanzia del riciclaggio del 70% dei rifiuti urbani entro il 2030, l’obiettivo obbligatorio di riciclaggio dell’80% degli imballaggi entro il 2030 e il divieto dello smaltimento in discarica dei rifiuti riciclabili entro il 2025.

Il parere del Comitato fissa dei propri obiettivi i quali, ha dichiarato la relatrice, dovrebbero ora costituire la base della legislazione se la Commissione sceglierà di pubblicare un nuovo pacchetto: divieto dello smaltimento in discarica dei rifiuti riciclabili e di quelli biodegradabili entro il 1º gennaio 2025 e obbligatorietà dell’obiettivo che fissa a un limite massimo del 5% lo smaltimento in discarica dei rifiuti residui fino al 2030; adozione di una definizione unica di rifiuti urbani e di un unico metodo di calcolo per gli obiettivi di riciclaggio nell’Ue; una maggiore responsabilità ambientale da parte delle imprese mediante l’introduzione di raccomandazioni volte a garantire che i prodotti commercializzati provengano da fonti riciclate; introduzione di un nuovo obiettivo di riciclaggio per i rifiuti biologici nella direttiva quadro riveduta; inserimento, nella revisione intermedia della strategia Ue per la crescita – Europa 2020, di un nuovo obiettivo che preveda un aumento della produttività delle risorse pari almeno al 30% entro il 2030.

 

Unione europea: http://europa.eu



Contenuti correlati

  • qundis riscaldamento
    I dati di consumo del riscaldamento diventano mensili

    A partire dal 1° gennaio 2022, le informazioni sui consumi del riscaldamento domestico dovranno essere fornite mensilmente e gli utenti potranno farne richiesta quando desiderano. È quanto stabilito dall’Unione Europea secondo cui “laddove siano stati installati ripartitori...

  • imballaggi flessibili
    Siglato un protocollo d’intesa per ottimizzare il riciclo degli imballaggi flessibili

    Ogni anno, in Italia, vanno sul mercato circa 180.000 tonnellate di imballaggi flessibili, di cui l’80% destinati a protezione, conservazione, trasporto e commercializzazione di prodotti alimentari. Gli imballaggi flessibili, composti in prevalenza da materie plastiche, sono molto...

  • Transizione ecologica: dall’economia circolare ai biocarburanti

    Un’azienda italiana specializzata nelle tecnologie di trattamento dei rifiuti, il Gruppo Seap, e una tedesca, il produttore di strumentazione di processo Endress+Hauser, collaborano per sviluppare nuove applicazioni utili alla transizione ecologica: dall’economia circolare ai biocarburanti. Leggi l’articolo

  • Il business dei rifiuti vale 14 miliardi

    Sensoworks, la società guidata da Niccolò De Carlo specializzata in monitoraggio infrastrutturale supportata da piattaforme multilivello, rimarca notevoli ritardi in Italia nell’impiantistica per chiudere il ciclo dei rifiuti, un comparto che fattura circa 14 miliardi di euro...

  • “Autorità di Regolazione ed Economia Circolare” – Benefici ambientali, sfide e opportunità per le imprese

    Le aziende devono confrontarsi con mercati sempre più competitivi e incerti, in un contesto reso ancor più difficile dall’aumento dei costi dell’energia e dalla carenza di materie prime. In questo scenario, negli ultimi anni, si è inserito...

  • La gestione dei rifiuti in chiave digitale

    Il mondo sta cambiando grazie alla digitalizzazione, ma la gestione dei rifiuti è rimasta tale e quale. Tutto sommato, la differenza tra la gestione dei dati e la gestione dei rifiuti non è poi tanto diversa: può sembrare paradossale,...

  • ‘The recycling man’ vince il Premio CIAL per l’Ambiente

    ‘The Recycling Man’, del regista Carlo Ballauri, è il film vincitore di quest’anno del ‘Premio CIAL per l’Ambiente’ al Giffoni Film Festival, il festival del cinema per ragazzi più importante al mondo. Promosso da CIAL- Consorzio Nazionale...

  • Atlas Copco Serioplast compressori
    Compressori Atlas Copco per la produzione di imballaggi in plastica

    Serioplast, azienda che produce imballaggi in plastica rigida per prodotti destinati all’igiene personale, alla pulizia della casa, al bucato e all’alimentazione, ha recentemente avviato il nuovo stabilimento di Pianiga, dedicato alla produzione di contenitori per il settore...

  • Idrogeno: la parola al mondo della normazione tecnica

    La normazione tecnica è uno strumento che può contribuire a far decollare la filiera dell’idrogeno. Se ne è parlato ieri in occasione di un incontro organizzato da In Fieri e Mirumir in vista della manifestazione Hese – Hydrogen...

  • Registro elettronico nazionale sulla tracciabilità dei rifiuti, al via la fase sperimentale

    Da pochi giorni è a disposizione delle imprese il Registro elettronico nazionale sulla tracciabilità dei rifiuti (Rentri). Si tratta ancora di un prototipo con cui prende il via una fase sperimentale del sistema che a regime dovrebbe...

Scopri le novità scelte per te x