Ricerca, anche le bioplastiche si degradano lentamente nell’ambiente

Materiali biopolimerici sottoposti a un processo di degradazione, rispettivamente in mare e sabbia, hanno mostrato tempi di degradazione comparabili a quelli di materiali non bio. L’esperimento ha coinvolto studiosi del Consiglio nazionale delle ricerche, dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia e del Distretto ligure per le tecnologie marine Lo studio pubblicato su Polymers

Pubblicato il 12 maggio 2022

Se disperse nell’ambiente anziché conferite correttamente nel compost, anche le bioplastiche hanno tempi di degradazione molto lunghi, comparabili a quelli di materiali plastici non bio. Lo dimostrano i risultati di un innovativo esperimento condotto congiuntamente da Consiglio nazionale delle ricerche – coinvolto con l’Istituto dei processi chimico-fisici (Cnr-Ipcf) e l’Istituto di scienze marine (Cnr-Ismar), Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) e Distretto ligure per le tecnologie marine (Dltm), con il supporto di Polizia di Stato – Centro Nautico e Sommozzatori La Spezia (CNeS).

Lo studio, pubblicato sulla rivista open access Polymers, ha riguardato il comportamento a lungo termine di differenti tipologie di granuli di plastica vergine (resin pellet) utilizzati per realizzare oggetti di uso comune.

Sono stati comparati due polimeri tra i più impiegati negli oggetti di plastica, HDPE e PP, e due polimeri di plastica biodegradabile, PLA e PBAT, verificandone il grado di invecchiamento e degradazione rispettivamente in acqua di mare e sabbia: in entrambi gli ambienti, nell’arco di sei mesi di osservazione, né i polimeri tradizionali né quelli bio hanno mostrato una degradazione significativa. L’osservazione dei campioni, unitamente all’esito di analisi chimiche, spettroscopiche e termiche condotte presso il laboratorio pisano del Cnr-Ipfc, coordinato dalla ricercatrice Simona Bronco, mostra che nell’ambiente naturale le bioplastiche hanno tempi di degradazione molto più lunghi rispetto a quelli che si verificano in condizioni di compostaggio industriale.

 

“Data l’altissima diffusione di questi materiali, è importante essere consapevoli dei rischi ambientali che l’utilizzo della bioplastica pone, se dispersa o non opportunamente conferita per lo smaltimento: è necessario informare correttamente”, spiega la ricercatrice Silvia Merlino del Cnr-Ismar di Lerici (La Spezia), coordinatrice del progetto.

 

“Questo studio mette in luce l’importanza di una corretta informazione riguardo alla plastica biodegradabile, soprattutto dopo lo stop alla plastica usa e getta in vigore in Italia dal gennaio 2021 in attuazione della direttiva europea ‘Single use plastic’, che ha portato alla progressiva commercializzazione di prodotti monouso in plastica biodegradabile, come i polimeri presi in esame”, aggiunge Marina Locritani, ricercatrice dell’Ingv e co-coordinatrice dello studio.

 

L’esperimento, a oggi il primo di questo tipo realizzato interamente in situ, ha utilizzato per il set up sperimentale la piattaforma multiparametrica di monitoraggio ambientale “Stazione Costiera del Lab Mare” posta a 10 metri di profondità nella Baia di Santa Teresa nel Golfo della Spezia, realizzata nell’ambito del progetto Laboratorio Mare del Distretto ligure per le tecnologie marine (cofinanziamento Regione Liguria, risorse PAR-FSC 2007-2013 “Fondo per lo sviluppo e la coesione”), alla quale collaborano anche l’Istituto Idrografico della Marina e l’Enea. Qui, grazie anche al supporto del Centro nautico e sommozzatori di La Spezia e della Cooperativa mitilicoltori spezzini, sono state alloggiate particolari “gabbie” progettate per contenere i campioni di plastica; è stata inoltre predisposta una vasca contenente sabbia, esposta agli agenti atmosferici per simulare la superficie di una spiaggia. L’esperimento è tuttora in corso e si concluderà nel 2023.

 

Ulteriori esperimenti riguarderanno lo studio dei processi di degradazione in condizioni di maggiore profondità, grazie all’installazione di ulteriori gabbie contenenti plastiche e bioplastiche nella “Stazione profonda del Lab Mare” a circa 400 metri di profondità, sempre in acque liguri. Inoltre, in collaborazione con l’Istituto zooprofilattico sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta (Izto), è già in corso un ulteriore studio che prevede l’analisi comparata dello stato di degradazione dei resin pellet in mare e della presenza di sostanze chimiche (IPA, PCB, pesticidi) ivi disciolti e da essi assorbiti, nonché il confronto con i processi di ritenzione di contaminanti da parte dei mitili, storicamente ritenuti le “sentinelle” dell’inquinamento.

Franco Metta



Contenuti correlati

  • Economia circolare
    Economia circolare: con l’innovazione le startup valorizzano scarti e rifiuti

    Dalla trasformazione di materiali come Eternit e fanghi di segagione in materiali edilizi alla produzione di fertilizzante con gli scarti di lana, dal recupero dei RAEE alla realizzazione di biodiesel partendo da oli e grassi. Queste alcune...

  • Certificazione eLabel! per Mater-Bi

    Con il conseguimento della certificazione eLabel! per la famiglia delle bioplastiche biodegradabili e compostabili Mater-Bi di nuova generazione, Novamont ottiene un prestigioso riconoscimento del grado di eccellenza dell’innovazione ambientale dei suoi prodotti, a conferma di un lavoro...

  • Novamont presenta la sua nuova immagine

    “Oggi ci presentiamo al mondo con una nuova immagine che rispecchia il DNA dei nostri valori ed esalta l’evoluzione nel tempo, fino alla Novamont di oggi, e la nostra volontà di essere promotori di cambiamento”: così ha...

  • OT8 contro l’inquinamento idrico

    Il lavaggio di superfici sporche d’olio e grasso in ambito industriale e artigianale, e l’eventuale dispersione di idrocarburi in acqua, possono costituire un grave danno per l’ecosistema. In aiuto di professionisti e consumatori arriva OT8, soluzione innovativa...

  • UE: rifiuti organici e divieto di incenerimento

    Riunito in seduta plenaria il 9 luglio scorso, il Parlamento europeo con 394 voti a favore, 197 contro e 82 astenuti, ha votato la risoluzione (non vincolante) Sirpa Pietikäinen che prepara l’imminente pacchetto di azioni che la...

  • Settore fotovoltaico: Operation & Maintenance

    La storia del settore fotovoltaico la conosciamo tutti: sulla spinta degli accordi del protocollo di Kyoto e del pacchetto clima-energia 20-20-20, che imponeva di raggiungere entro il 2020 una quota di energia prodotta da fonte rinnovabile di...

  • Matrìca: delegazione europea a Porto Torres

    “Un’occasione straordinaria per far conoscere il caso di bioeconomia – intesa come rigenerazione territoriale – che stiamo costruendo in Sardegna, con l’ambizione che industria, agricoltura, mondo della ricerca e istituzioni locali lavorino insieme ad un progetto complesso...

  • Il Cic a Expo 2015

    “Unità di misura per la valutazione del benessere del Pianeta”. È stata definita così la Fattoria Globale 2.0, la nuova area inaugurata ad Expo Milano 2015 dalla World Association of Agronomists (WAAforEXPO2015) e da Conaf (Consiglio dell’Ordine...

  • Ue: ridurre le borse in plastica

    Con l’avvenuta pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 6 maggio 2015 della direttiva sulla riduzione dell’utilizzo di borse di plastica in materiale leggero (< 50 micron) l’Europa impegna ciascun stato membro a dotarsi entro il 2016...

  • Accordo Coldiretti-Novamont

    “L’attivazione di una filiera agricola rispettosa del territorio, che valorizzi aree abbandonate non irrigue per alimentare il primo modello di bioraffineria integrata nel territorio, sinergica con la filiera alimentare e rivolta a prodotti ad alto valore aggiunto,...

Scopri le novità scelte per te x