La stampa 3D di materiali compositi spinge il successo di RaceUp in Formula Student

Pubblicato il 7 febbraio 2022

Lo sviluppo di un settore innovativo e interconnesso come quello della stampa 3D passa quasi inevitabilmente dalla capacità delle aziende e delle realtà che ne fanno parte di collaborare tra di loro.

Per poter sfruttare appieno le potenzialità dell’additive manufacturing e della stampa 3D di materiali compositi, che per sua natura si rivolge a diversi settori industriali e produttivi, risulta fondamentale condividere competenze ed esperienze. Un esempio vincente di realtà che sono state in grado di fare squadra è quello di RaceUP, team di Formula Student dell’Università di Padova.

Formula Student è un progetto universitario che richiede agli studenti di concepire e produrre da zero due vetture, una totalmente elettrica e l’altra a combustione interna, che possano competere con quelle provenienti dalle migliori Università di tutto il mondo, in un contest automobilistico di livello internazionale.

Competizione che permette agli studenti coinvolti di accrescere le proprie conoscenze ingegneristiche grazie alla concreta applicazione di quanto studiato in maniera teorica, questo soprattutto grazie alla forte interazione con le aziende. Una missione possibile, infatti, solo grazie alla collaborazione tra varie professionalità di alto livello che possono portare al progetto le competenze necessarie per rispondere ad esigenze così complesse.

Al fianco di RaceUP, infatti, ci sono aziende importanti in ambito additive manufacturing, come Energy Group (Digital Manufacturing Partner), Compositex, azienda specializzata in progettazione e realizzazione di componenti in materiali compositi e Due Pi Greco (Service Provider).

Un team di lavoro che ha permesso di ideare e sviluppare soluzioni specifiche e innovative per la realizzazione di componenti e parti fondamentali dell’autovettura di Race Up: “Grazie a questa collaborazione siamo stati in grado di realizzare in stampa 3D  mandrini in materiale idrosolubile per la laminazione dell’airbox – dice Zeno Pogacnik, membro del reparto Powertrain and Transmission del team RaceUP – una soluzione che rispetto a lavorazioni tradizionali assicura il miglior risultato in termini di finitura superficiale interna e semplifica di molto il processo di estrazione del laminato una volta rigido. Il mandrino idrosolubile è l’unica soluzione che permette di gestire stampi interni monopezzo. L’additive manufacturing inoltre permette di realizzare geometrie molto più complesse avendo eliminato il problema dell’estrazione propria dello stampo tradizionale”.

Stampanti 3D all’avanguardia che vanno a braccetto con materiali sempre più performanti: “Per la produzione dei mandrini, da usare come stampi per il laminato, è stato utilizzato il materiale Stratasys ST 130 – prosegue Zeno Pogacnik – filamento idrosolubile resistente alle condizioni di cura del carbonio in autoclave sia in termini di temperature che pressione (121° a 1 bar e 98° a 6 bar). Per la stampa è stata utilizzata la stampante Stratasys Fortus 450 e il risultato è stato molto più che soddisfacente. La collaborazione con Energy Group, Due Pi Greco e Compositex ci ha permesso di individuare materiale e stampante 3D ideali per le nostre esigenze. In passato abbiamo avuto ottimi riscontri anche da altri materiali FDM: Peek per sistemi di aspirazione e supporto iniettori, Ultem 1010, materiale sempre di Stratasys, per le sedi degli iniettori e l’assieme di aspirazione. Di questo componente abbiamo stampato anche una versione in nylon caricato con fibre corte di carbonio (Nylon 12 Carbon Fiber). Abbiamo optato per questi materiali, in particolare l’Ultem, in quanto oltre ad essere resistenti alle temperature e agli idrocarburi hanno una straordinaria resistenza alle sollecitazioni meccaniche”.

La vettura RaceUp, integrata con componenti stampati in 3D in materiale composito, fibra di carbonio e Ultem, ha gareggiato all’interno del circuito Autodromo di Varano (PR), conquistando il podio in Skidpad, Autocross, Endurance e Overall.



Contenuti correlati

  • Aziende e Università insieme per l’economia circolare e i materiali compositi

    Si è tenuta presso il Chemistry Interdisciplinary Project (ChIP), innovativo Centro di Ricerca dell’Università di Camerino, l’Assemblea Plenaria del progetto Marlic, co-finanziato dalla Regione Marche. Claudio Pettinari, Rettore dell’Università di Camerino, ha ribadito l’importanza della Piattaforma Collaborativa...

  • PlastiCare, una filosofia per vivere la plastica in maniera consapevole

    Parlando di polimeri, non possiamo non ricordare quanto le materie plastiche abbiano dato un’accelerazione e un contributo fondamentali alla produttività dell’industria, specialmente in un settore come quello della stampa 3D, dove proprio le plastiche hanno consentito lo...

  • Marlic
    Marlic: il progetto per economia circolare e materiali compositi

    Presso il Chemistry Interdisciplinary Project (ChIP), innovativo Centro di Ricerca dell’Università di Camerino, si è tenuta il 20 aprile l’Assemblea Plenaria del progetto Marlic, co-finanziato dalla Regione Marche. La giornata è stata aperta dai saluti del Rettore...

  • Più sostenibilità con le stampe 3D di Weerg in polipropilene

    Weerg amplia la gamma dei materiali stampabili in 3D con la tecnologia HP Multi Jet Fusion. Da qualche settimana infatti il service italiano, che offre online lavorazioni CNC e 3D, ha introdotto l’utilizzo del polipropilene, che si...

  • Exel Composites rete elettrica energie rinnovabili
    Materiali compositi nell’infrastruttura elettrica per integrare le rinnovabili

    Nel suo rapporto intitolato Renewable Energy Sources and Climate Change Mitigation (Fonti di energia rinnovabile e mitigazione del cambiamento climatico), l’International Panel on Climate Change ha sottolineato che l’energia rinnovabile ha la capacità di spostare le emissioni...

  • Stampa 3D: zero sprechi con il polipropilene di Basf

    La gamma di materiali a disposizione con tecnologia MJF di HP si amplia con il nuovo Polipropilene di Basf, il materiale più comune alla stampa 3D, che diventa anche il più conveniente dell’intera proposta di Elmec 3D....

  • Trasporti materiali compositi
    Il settore dei trasporti può trarre beneficio dai materiali compositi?

    Nel 2018, si stima che negli Stati Uniti siano stati consumati circa 142 miliardi di galloni di benzina, di cui il 20% è rappresentato dal consumo da parte di automezzi pesanti (HGV). Visto che l’impatto ambientale del...

  • Weerg è sempre più green e industrializza la stampa 3D del PA11

    Resistenza, elasticità ed ecocompatibilità. Sono questi i plus che caratterizzano il Poliammide 11, meglio conosciuto come PA11, che da oggi entra a pieno titolo tra i materiali stampabili in 3D da Weerg con tecnologia HP Multi Jet...

  • Ammodernamento della rete elettrica per integrare l’energia rinnovabile

    Nel suo rapporto intitolato Renewable Energy Sources and Climate Change Mitigation (‘Fonti di energia rinnovabile e mitigazione del cambiamento climatico‘), l’International Panel on Climate Change (IPCC) ha sottolineato che l’energia rinnovabile ha la capacità di spostare le...

  • Il futuro delle termoplastiche

    Con la loro promessa di riutilizzabilità e sostenibilità, le termoplastiche stanno cambiando il mercato dei materiali compositi. Infatti, i rapporti di Marketsandmarkets mostrano che il mercato dei compositi termoplastici dovrebbe raggiungere i 36 miliardi di dollari entro...

Scopri le novità scelte per te x