La carta che nasce dal mare

Pubblicato il 9 maggio 2012

Favini, storica cartiera italiana attiva da oltre un secolo, esporta con successo il brevetto per la produzione di Alga Carta, la carta prodotta grazie all’impiego delle alghe che infestano litorali e zone lagunari.

Negli anni Novanta, il proliferare delle alghe nella laguna di Venezia spinse le istituzioni pubbliche locali a ricercare un utilizzo industriale. Rispondendo all’appello del Consorzio Venezia Nuova e dell’Enea, la cartiera di Rossano Veneto diede il via al progetto Alga Carta, che si rivelò sin dai primi mesi un grande successo. Raccolta delle alghe, essicazione, macinazione e immissione nel processo produttivo: grazie alla farina di alga ottenuta, Favini è ancora oggi in grado di sostituire un chilo di albero con mezzo chilo di alghe fresche per la produzione di carta ecologica.

L’esperienza acquisita in questa particolare produzione ha permesso a Favini la creazione di una linea di carte ecologiche, chiamata Shiro, di cui Alga carta è capostipite e rappresentante autorevole, e la deposizione di un brevetto industriale, tutt’ora proprietà di Favini.

Con gli anni, il problema delle alghe veneziane si è progressivamente risolto, lasciando Favini senza materia prima per la produzione di Alga Carta. Inoltre, in Italia oggi le alghe sono classificate come “rifiuto”, rendendo di fatto impossibile un loro utilizzo industriale. La causa è un impedimento puramente burocratico: non esiste infatti nessun impianto di essicazione (necessario per il trattamento delle alghe) autorizzato a trattare “rifiuti”.

Per questi motivi, Favini ha deciso di rivolgere la propria attenzione all’estero, individuando alcune aree litoranee e lagunari afflitte dal fenomeno di proliferazione abnorme di alghe, tra le quali la Bretagna. Il progetto, nato nell’ottobre del 2009 è tutt’ora in corso.

La proliferazione eccessiva di alghe costituisce una reale minaccia per gli ecosistemi. In particolare, per la Bretagna, che ogni anno vede una vera e propria invasione delle sue coste, l’emergenza è diventata in 40 anni un reale problema sanitario pubblico. Infatti, oltre ai danni economici procurati dall’invasione di alghe (sia per gli effetti catastrofici sul turismo delle zone afflitte, sia per le spese necessarie alla pulizia delle spiagge), si è scoperto che la decomposizione delle alghe produce gas potenzialmente nocivi per l’uomo e per la fauna litoranea.

Le alghe bretoni hanno già conosciuto in questi anni un utilizzo industriale “nazionale”: vengono infatti impiegate per estrarre alginati, un addensante molto apprezzato nell’industria alimentare. Lo scarto di questa lavorazione, opportunamente essiccato e stabilizzato, diventa il “sottoprodotto” impiegato da Favini per la produzione di carta.

Questi i numeri del progetto: nel solo 2012 Favini prevede di utilizzare 20 tonnellate di farina di alga, pari a circa 200 tonnellate di alghe fresche, utilizzate per produrre complessivamente 400 tonnellate di Shiro Alga Carta, pari a circa 16.000 risme di carta.

Il risultato ottenuto è una carta di alta qualità, dalle caratteristiche uniche: al contrario della carta tradizionale, derivata esclusivamente da cellulosa, Alga Carta, grazie alla clorofilla contenuta nelle particelle di alga visibili sulla superficie, diventa più bianca con il tempo.

“Il progetto Shiro Alga Carta riveste per la nostra azienda un’importanza particolare”, dichiara Andrea Nappa, Amministratore Delegato Favini. “Essere riusciti ad esportare il nostro modello di produzione di carta ecologica ci rende particolarmente orgogliosi. Shiro Alga Carta è il nostro miglior biglietto da visita, ma l’attenzione di Favini per ambiente non si esaurisce in questo progetto: in ogni fase del processo produttivo della carta, dalla scelta delle materie prime all’efficienza nel consumo d’acqua ed energia, Favini cerca le migliori soluzioni per ridurre l’impatto ambientale della propria attività”.

Favini: www.favini.com



Contenuti correlati

  • Iride Acque reflue
    Una tecnologia per depurare le acque reflue con costi minimi

    Iride Acque si è ispirata a una tecnologia usata in passato per depurare l’aria: l’ha modificata e applicata al trattamento dei reflui industriali. Ha trasformato così un processo estremamente costoso in un obiettivo alla portata di tutte...

  • Fabio Pascali Cloudera data analytics
    Data analytics per ottimizzare il settore energetico

    Di Fabio Pascali, Regional Director Italy, Cloudera Il passaggio alle energie rinnovabili ha un impatto significativo sui processi di produzione e distribuzione energetica e deve essere gestito con attenzione. Utilizzare i dati in maniera efficiente sarà fondamentale...

  • Parliamo di economia circolare

    Waste Management Europe Conference & Exhibition vuol diventare l’evento più influente a livello europeo sulla gestione dei rifiuti e l’economia circolare. Una piattaforma collaudata, pronta a ospitare numerosi visitatori,  delegati e aziende dal 18 al 20 Aprile 2023. Sede della...

  • 24,9 GWp di potenza totale installata in Italia al 31 dicembre 2022

    Al 31 dicembre 2022 gli impianti fotovoltaici avranno superato i 2,2 GWp (+145% rispetto al 2021), permettendo così all’Italia di raggiungere i 24,9 GWp di potenza totale installata, ovvero il 35% dell’obiettivo PNIEC al 2030. Questi i...

  • Tre impianti fotovoltaici da 112 MW in Italia

    Enfinity Global Inc ha chiuso un finanziamento a lungo termine del valore di 142 milioni di euro, finanziamento IVA e LCs facilities, per la costruzione in Italia di tre centrali a energia solare, per un totale di...

  • Biosuveg biostimolanti
    Meno acqua e fertilizzanti per i pomodori con i biostimolanti di Biosuveg

    La sostenibilità in agricoltura è un valore sempre più citato e ricercato, ma non sempre è facile identificare soluzioni che vadano in questa direzione mantenendo la soddisfazione dei consumatori. La riduzione dell’apporto di acqua e fertilizzanti è...

  • Le comunità energetiche rinnovabili: uno scenario possibile

    La situazione attuale per quanto riguarda il comparto energetico è molto delicata e dal futuro estremamente incerto. Quale può essere l’apporto delle comunità energetiche rinnovabili? Infatti i costi dell’energia sono molto volatili e ciò sta avendo un...

  • Perché è essenziale installare contatori di calore tecnologicamente avanzati?

    Partendo dalle basi, i calorimetri sono degli strumenti in grado di rilevare l’energia termica che viene apportata a un circuito di riscaldamento o che viene detratta da un circuito di raffreddamento. Per farlo, questi dispositivi misurano il...

  • Green Tech: sono 78 gli unicorni del settore. E l’Italia cerca il suo

    South Pole, fondata in Svizzera e operante in 50 paesi con 23 sedi e 700 dipendenti, opera nel crescente settore della mitigazione climatica. Negli ultimi 7 anni le startup green che hanno assunto valorizzazioni superiori al miliardo...

  • Crisi energetica: il sentiment e le “buone azioni” degli italiani

    Con l’inverno ormai alle porte, i timori legati ai blackout elettrici ed energetici sono sempre più accentuati. Un recente studio di reichelt elektronik, commissionato alla società di ricerca OnePoll, ha evidenziato le preoccupazioni di un campione di...

Scopri le novità scelte per te x