Green Deal: coniugare con successo crescita e sostenibilità

Pubblicato il 19 febbraio 2020

Secondo una ricerca di S&P Global Ratings, il Green Deal dell’Unione Europea può dare impulso alle prospettive di crescita a lungo termine della nazione.

“Se un PIL più basso può causare minori emissioni, emissioni più basse non provocano una crescita inferiore. La riduzione del 23% delle emissioni dell’UE dal 1990 non ha indebolito la performance economica e non è dovuta a un settore dei servizi più ampio”, ha affermato l’economista senior di S&P Global Ratings Marion Amiot nel rapporto, “EU Green Deal: Greener Growth Doesn’t Necessarily Mean Lower Growth”.

“Tuttavia, il raggiungimento della carbon neutrality entro il 2050 richiederà all’UE di fare di più”, ha aggiunto l’analista del credito di S&P Global Ratings Anna Liubachyna. “Solo Svezia, Portogallo e Grecia sembrano essere in grado di raggiungere gli obiettivi del 2030 per i settori che non fanno parte del sistema Emissions Trading Scheme”.

La determinazione del prezzo del carbonio è il modo più efficiente per affrontare il cambiamento climatico, ma è difficile da attuare a causa del suo impatto sociale. L’UE è invece favorevole a un budget verde di 1.000 miliardi di euro e a una tassonomia per gli investimenti verdi. Tuttavia si teme che non saranno sufficienti per raggiungere l’obiettivo.

La politica monetaria sembra sempre più propensa a dare una mano, ma può solo incoraggiare il mercato a riprezzare il costo del carbonio. La sua natura anticiclica, inoltre, la rende meno efficace della politica fiscale.

“Le risorse fiscali dell’UE sono troppo modeste, quindi si avrebbe una svolta solo in caso di revisione delle regole fiscali per escludere gli investimenti verdi dal tetto del 3% del PIL del deficit di bilancio”, ha concluso Amiot.

L’Unione potrebbe utilizzare la politica commerciale se il suo obiettivo si estendesse al raggiungimento di un’impronta carbonio pari a zero, che probabilmente sarebbe più dannoso per la crescita a breve termine a causa della sua maggiore incertezza e dei prezzi più alti.



Contenuti correlati

  • Nuova visual identity e claim per MCE

    MCE, la vetrina prestigiosa del settore, allarga il proprio orizzonte visivo con il ruolo di leader che ha conquistato negli anni, governando i cambiamenti sempre più ampi e importanti, con un percorso per incrementare il proprio ruolo...

  • Meno consumi e più sostenibilità, con nuovi motori e azionamenti

    La sostituzione delle installazioni obsolete con nuovi motori più efficienti ed ecologici comporta importanti vantaggi per l’ambiente e lo sfruttamento delle risorse, oltre che per i costi di produzione e quindi per la competitività. Leggi l’articolo

  • sostenibilità industria
    Come fare per diventare un’industria sostenibile?

    Si parla molto del tema della sostenibilità ambientale, oramai questo termine è utilizzato quasi come un intercalare quando si parla di economia ed industria. Purtroppo, questa parola non può rappresentare un desiderio da soddisfare per seguire la...

  • Etichetta green per dare nuova vita ai rifiuti

    Epson aderisce al progetto Fur of Love che è insieme una label e una campagna per salvare i capi pre-loved da discariche e inceneritori. Partner tecnologico dell’iniziativa, Epson attesta l’essenza vintage della pelliccia sulla base di un’autocertificazione...

  • Certificazione ‘Made in Italy’ per ridurre del 73% i casi di danno ambientale

    Nelle aziende del Vecchio Continente manca una vera cultura della prevenzione e del ripristino di un danno fatto all’ecosistema: solo l’1,7%, infatti, ha attivato una polizza sul rischio ambientale. Per guidare il cambiamento a favore di una...

  • Natale 2022: quest’anno sotto l’albero si ‘spacchetta’ la sostenibilità

    I consumatori sono sempre più attenti alla sostenibilità dei prodotti e delle aziende che li producono e commercializzano. Secondo uno studio di Accenture, in Italia, il 71% dei consumatori preferisce acquistare beni e servizi provenienti da aziende con...

  • Sato etichette linerless solubili
    Packaging e riciclo: le etichette Sato sono solubili in acqua

    Sato, multinazionale giapponese che fornisce soluzioni per l’identificazione automatica e per la tracciabilità dei prodotti, ha avviato un’analisi interna con l’obiettivo di identificare soluzioni concrete da proporre ai partner e ai clienti finali interessati a valorizzare gli...

  • Tre chiavi per il futuro

    Innovazione, digitalizzazione e sostenibilità: queste le parole chiave della strategia di IMQ per il prossimo futuro, come ha sottolineato l’AD del gruppo, Antonella Scaglia Leggi l’articolo

  • SmartMe Arancino
    SmartMe abilita la trasformazione digitale del settore vitivinicolo

    Viticoltura 4.0 ovvero l’applicazione dell’Internet of Things e dell’Intelligenza Artificiale a tutta la filiera vitivinicola, dalla vigna all’etichettatura della bottiglia. È la proposta di SmartMe, la digital innovation company siciliana che al Simei di Milano ha proposto...

  • Relicyc
    Nuova vita ai pallet in legno e plastica con Relicyc

    Trasformare l’ambiente in un’opportunità di sviluppo: è questa la mission di Relicyc, nuova denominazione per una realtà attiva nel recupero di materie plastiche e legno che ha alle spalle una lunga storia nella gestione completa del pallet...

Scopri le novità scelte per te x