Efficienza energetica e sostenibilità ambientale, Rete Irene dedica ad Anit il suo nuovo storytelling

Pubblicato il 31 gennaio 2022
valeria erba rete irene

È stato pubblicato online il terzo capitolo di “Rete Irene People“, il progetto di storytelling di Rete Irene: protagonista Valeria Erba, Presidente Anit, Associazione Nazionale Isolamento Termico e Acustico.

Nata nel 1984, anni in cui l’efficienza energetica era considerata una chimera, l’Associazione ha come obiettivi la diffusione, la promozione e lo sviluppo dell’isolamento termico ed acustico nell’edilizia e nell’industria come mezzo per salvaguardare l’ambiente e il benessere delle persone. Essa fornisce un servizio di consulenza tecnico-scientifica ai propri associati, ad oggi 95 Aziende che producono materiali per l’isolamento termico e acustico e più di 4500 professionisti.

Anit è cresciuta tanto negli anni, in particolare come soci individuali, soprattutto negli ultimi 2 anni con la pandemia che ha visto l’Associazione essere fautrice di molte occasioni di divulgazione di contenuti in tema di efficienza energetica e acustica edilizia. In questo biennio i soci individuali sono passati da 2500 a 4500.

“Se all’epoca in cui è nata l’Associazione non si parlava tantissimo di questi temi, oggi l’efficienza energetica e la sostenibilità ambientale sono ormai imprescindibili in edilizia”. – commenta Valeria Erba – “Ed è per questo motivo che la maggior parte degli incentivi è dedicato a questa tematica”.

Una sinergia molto importante e di lunga data lega Rete Irene ad Anit e permette di avere un quadro a 360° sulla Riqualificazione Energetica degli edifici.

Un lavoro complementare quello di Anit e Rete Irene: l’associazione aiuta il network di imprese dal punto di vista legislativo e normativo mentre la rete con la sua esperienza direttamente sul campo fornisce informazioni legate alle criticità operative, per trovare soluzioni e miglioramenti. Anit dalla sua raccoglie le criticità di questo campo e le porta al legislatore, che spesso consulta l’Associazione in campo tecnico-scientifico.

“Sono lieta di dire di avere partecipato alla Presentazione del Progetto di Rete Irene quando è iniziato. Ho avuto l’onore di conoscere fin da subito gli obiettivi e il percorso di questo progetto portato avanti da persone molto serie. Credo che il successo di questo progetto sia legato alle persone che compongono lo staff di Rete Irene, che possono garantire una realizzazione di quello che fanno a regola d’arte.” – prosegue il Presidente.

Obiettivo 2022 che vede Anit schierata al fianco di Rete Irene è l’impegno nel portare avanti un provvedimento incentivante come quello del Superbonus in maniera seria e scrupolosa. Soprattutto limitare i continui provvedimenti che modificano il processo in corso d’opera, a tutela di imprese e cittadini che sono impegnate nella riqualificazione del patrimonio immobiliare edilizio italiano.

Anit con Rete Irene ha cercato di indirizzare la politica in questo senso, chiedendo anche una serie di modifiche all’attuale Legge di Bilancio.

“Crediamo che il Superbonus sia una grossa opportunità, quindi a tutti consigliamo di coglierla, riqualificando i propri edifici, per il proprio comfort e benessere: riqualificare un edificio infatti non vuol dire soltanto isolarlo o metterlo in condizioni di sicurezza, significa comfort e salubrità degli occupanti” – spiega Valeria – “Fondamentale è però affidarsi ad Aziende serie e professionisti qualificati, che garantiscano un risultato di benessere ed economico. Affidarsi ad un progetto come quello di Rete Irene vuol dire andare nella direzione giusta”.



Contenuti correlati

  • ABB efficienza energetica riduzione emissioni transizione energetica
    10 azioni che le imprese possono intraprendere per migliorare la propria efficienza energetica

    Mentre le aziende di tutto il mondo devono affrontare pressioni senza precedenti per il costo dell’energia e l’emergenza del cambiamento climatico, un nuovo report dell’Energy Efficiency Movement mostra come migliorare l’efficienza energetica nell’industria sia il modo più...

  • Meno consumi e più sostenibilità, con nuovi motori e azionamenti

    La sostituzione delle installazioni obsolete con nuovi motori più efficienti ed ecologici comporta importanti vantaggi per l’ambiente e lo sfruttamento delle risorse, oltre che per i costi di produzione e quindi per la competitività. Leggi l’articolo

  • sostenibilità industria
    Come fare per diventare un’industria sostenibile?

    Si parla molto del tema della sostenibilità ambientale, oramai questo termine è utilizzato quasi come un intercalare quando si parla di economia ed industria. Purtroppo, questa parola non può rappresentare un desiderio da soddisfare per seguire la...

  • Etichetta green per dare nuova vita ai rifiuti

    Epson aderisce al progetto Fur of Love che è insieme una label e una campagna per salvare i capi pre-loved da discariche e inceneritori. Partner tecnologico dell’iniziativa, Epson attesta l’essenza vintage della pelliccia sulla base di un’autocertificazione...

  • Certificazione ‘Made in Italy’ per ridurre del 73% i casi di danno ambientale

    Nelle aziende del Vecchio Continente manca una vera cultura della prevenzione e del ripristino di un danno fatto all’ecosistema: solo l’1,7%, infatti, ha attivato una polizza sul rischio ambientale. Per guidare il cambiamento a favore di una...

  • Natale 2022: quest’anno sotto l’albero si ‘spacchetta’ la sostenibilità

    I consumatori sono sempre più attenti alla sostenibilità dei prodotti e delle aziende che li producono e commercializzano. Secondo uno studio di Accenture, in Italia, il 71% dei consumatori preferisce acquistare beni e servizi provenienti da aziende con...

  • Sato etichette linerless solubili
    Packaging e riciclo: le etichette Sato sono solubili in acqua

    Sato, multinazionale giapponese che fornisce soluzioni per l’identificazione automatica e per la tracciabilità dei prodotti, ha avviato un’analisi interna con l’obiettivo di identificare soluzioni concrete da proporre ai partner e ai clienti finali interessati a valorizzare gli...

  • Tre chiavi per il futuro

    Innovazione, digitalizzazione e sostenibilità: queste le parole chiave della strategia di IMQ per il prossimo futuro, come ha sottolineato l’AD del gruppo, Antonella Scaglia Leggi l’articolo

  • SmartMe Arancino
    SmartMe abilita la trasformazione digitale del settore vitivinicolo

    Viticoltura 4.0 ovvero l’applicazione dell’Internet of Things e dell’Intelligenza Artificiale a tutta la filiera vitivinicola, dalla vigna all’etichettatura della bottiglia. È la proposta di SmartMe, la digital innovation company siciliana che al Simei di Milano ha proposto...

  • Relicyc
    Nuova vita ai pallet in legno e plastica con Relicyc

    Trasformare l’ambiente in un’opportunità di sviluppo: è questa la mission di Relicyc, nuova denominazione per una realtà attiva nel recupero di materie plastiche e legno che ha alle spalle una lunga storia nella gestione completa del pallet...

Scopri le novità scelte per te x