Decreti rinnovabili, Assolterm: “Da delibera Aeeg segnale importante per rilanciare il solare termico”

Assolterm organizza il convegno "Come sarà il mercato del solare termico nel 2030? Pan, burden sharing e meccanismi di incentivazione": quale sarà lo scenario, scaduti gli obiettivi nazionali al 2020?

Pubblicato il 28 maggio 2012

“Ritengo che con questa Delibera l’Autorità abbia dato un segnale importante che va nella giusta direzione di un riequilibrio dell’attenzione data a termico ed elettrico nel raggiungimento degli obiettivi al 2020. Spero vivamente che il Governo dia il giusto peso a quanto asserito con cognizione di causa da un organo tecnico e prestigioso quale è l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas”.

Con queste parole il Presidente di Assolterm, Sergio D’Alessandris ha commentato la delibera indirizzata al Governo dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas con il quale l’Aeeg ha espresso un parere in merito alla necessità di puntare con più forza sulle rinnovabili termiche e sull’efficienza energetica negli schemi dei decreti per i nuovi incentivi alle rinnovabili.

“L’Autorità”, si legge nel parere dell’Aeeg, “ha già avuto modo di esprimere il proprio orientamento e alcune proposte ai fini della ridefinizione degli strumenti incentivanti per le fonti rinnovabili”. L’Aeeg, infatti, aveva già sottolineato come “un maggior ricorso all’efficienza energetica e all’utilizzo delle fonti rinnovabili per la produzione di calore, anziché per la produzione di energia elettrica, comporterebbe un minore costo per il raggiungimento degli obiettivi al 2020 previsti dalla direttiva 2009/28/CE e vedrebbe l’Italia giocare un ruolo importante, essendo un Paese avanzato nel campo degli interventi e delle tecnologie per l’efficienza energetica”.

L’Autorità ha quindi suggerito all’Esecutivo diverse correzioni da adottare, ricordando la necessità di puntare maggiormente sulle rinnovabili termiche e sull’efficienza energetica, piuttosto che focalizzarsi esclusivamente sulla produzione di elettricità da Fer, una scelta giudicata attualmente “troppo costosa”. L’Aeeg, nel suo parere, ha poi sollevato anche il problema dell’assenza in Italia di una strategia energetica capace di aggiornare il Piano d’Azione Nazionale (Pan) e i suoi obiettivi per il 2020. I decreti, secondo quanto si legge nell’allegato A al testo della delibera “continuano a riguardare la sola produzione elettrica da fonti rinnovabili e sono stati proposti in totale assenza di una revisione degli obiettivi complessivi”.

Assolterm ha da sempre ricordato la necessità di sostenere con adeguate politiche di incentivazione il solare termico, considerando le enormi potenzialità di sviluppo del settore che, se opportunamente supportato, potrebbe puntare a raggiungere 1 m2 installato per abitante nel 2020 per la sola copertura dei fabbisogni di acqua calda per usi domestici e potrebbe arrivare ad occupare nel 2020 più di 150.000 persone a tempo pieno.

L’Italia, infatti, si è impegnata, con il Piano di Azione Nazionale per le Fonti Rinnovabili a raggiungere nel 2020 il 17% di energia da Fer pari a circa 22 Mtep, di cui poco meno della metà solo per il riscaldamento e il raffreddamento. Una tecnologia economica ed efficiente come il solare termico si candida naturalmente a coprire una fetta significativa di quei 10 Mtep, destinati alla produzione di calore e freddo, a condizione di poter contare su un quadro normativo stabile e “facilitante” anche per l’utente finale.

Proprio del futuro del mercato solare termico italiano si parlerà a Roma il prossimo 28 giugno in occasione del Convegno organizzato da Assolterm presso la sede del Gse “Come sarà il mercato del solare termico nel 2030? Pan, burden sharing e meccanismi di incentivazione”. Il convegno si pone l’obiettivo di valutare cosa succederà una volta “scaduti” gli obiettivi nazionali al 2020. Una scadenza ravvicinata che, anche alla luce delle normative e delle linee di indirizzo europee, permetterà ai relatori di interrogarsi sugli obiettivi al 2030 e di focalizzare l’attenzione sullo stretto rapporto tra le scelte politiche che vengono intraprese oggi e un orizzonte temporale di più ampio respiro.

Durante il convegno saranno presentati i dati ufficiali del mercato italiano del solare termico per il 2011 e prenderanno parte alla tavola rotonda organizzata da Assolterm i rappresentanti dei ministeri competenti, diversi soggetti istituzionali e i referenti tecnici coinvolti nella gestione dei meccanismi di incentivazione.

Al Convegno seguirà nel pomeriggio l’Assemblea Annuale dei Soci durante la quale si svolgeranno le elezioni del nuovo Consiglio Esecutivo di Assolterm.

Assolterm: www.assolterm.it
Aeeg: www.autorita.energia.it 



Contenuti correlati

  • Global Alliance for Sustainable Energy: insieme per la piena sostenibilità delle rinnovabili

    Un gruppo di leader mondiali della catena del valore dell’energia rinnovabile e dell’ecosistema dell’innovazione del settore ha lanciato una nuova organizzazione per assicurare che le energie rinnovabili siano completamente sostenibili per le persone e il pianeta e...

  • Rocca Paper Mill Ego Energy
    Consumi di gas efficienti in cartiera con Ego Energy

    L’efficienza energetica è uno dei tasselli fondamentali per raggiungere la neutralità climatica e un’economia a “emissioni zero” nel 2050: è confermato dall’Agenzia Internazionale sull’Energia (IEA), nella recente revisione del documento “Net Zero by 2050 A Roadmap for...

  • Aiaqua spin-off fondatori gestione reti idriche
    Aiaqua per una gestione efficiente e sostenibile delle reti idriche

    Lo spin-off Aiaqua della Libera Università di Bolzano si concentra sulla gestione efficiente e sostenibile delle risorse idriche e si basa sui più recenti risultati della ricerca scientifica nel settore. La gestione efficiente dell’acqua è oltremodo importante in...

  • siemens Acquambiente Castelfidardo
    Tecnologia Siemens sostenibile nel nuovo depuratore di Acquambiente Marche

    Acquambiente Marche, azienda specializzata nella gestione delle risorse idriche, ha realizzato nel comune di Castelfidardo un nuovo impianto di depurazione delle acque reflue tecnologicamente avanzato che garantisce i più elevati standard di efficienza, sostenibilità e sicurezza. Seguendo...

  • Idrogeno: la parola al mondo della normazione tecnica

    La normazione tecnica è uno strumento che può contribuire a far decollare la filiera dell’idrogeno. Se ne è parlato ieri in occasione di un incontro organizzato da In Fieri e Mirumir in vista della manifestazione Hese – Hydrogen...

  • Janssen punta sulla sostenibilità con il progetto di ottimizzazione energetica HOT

    Lo stabilimento di Latina di Janssen, un fiore all’occhiello nel campo dell’innovazione farmacologica a livello mondiale, diventa ancora più sostenibile. L’azienda farmaceutica del Gruppo Johnson & Johnson ha infatti implementato presso il plant di Latina il progetto...

  • Aggiornamento sull’efficienza energetica in Europa

    “In un mondo che punta a decarbonizzare le industrie e le infrastrutture, diventa più che mai impellente migliorare l’efficienza energetica” ha dichiarato recentemente Morten Wierod, presidente della Business Area Motion di ABB. Come capo della divisione Motion,...

  • Centrica Business Solutions report 2021 sostenibilità
    Le aziende frenano gli investimenti in sostenibilità

    Le aziende italiane ed europee hanno difficoltà a giustificare gli investimenti in sostenibilità e tecnologie a basse emissioni di CO2 a causa dell’impatto della pandemia da Covid-19. Lo rivela la nuova ricerca “Perché aspettare per raggiungere il...

  • Omron relè di potenza PWM
    Relè di potenza Omron ad alta efficienza con controllo PWM

    Omron Electronic Components Europe ha reso disponibili le versioni con controllo PWM di tre suoi relè di potenza. Le nuove versioni offrono livelli di potenza della bobina inferiori del 75-90% rispetto ai modelli standard comparabili. I relè...

  • crf siemens agap grugliasco
    La tecnologia Deop di Siemens rende più sostenibile l’automotive

    Nell’ambito del progetto di ricerca “Enepro – Architettura per la gestione energetica dello stabilimento di produzione”, realizzato grazie al co-finanziamento del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), inerente al polo di innovazione “Energy and clean technology”, è...

Scopri le novità scelte per te x