Coordinamento Free, Anev e assoRinnovabili pubblicano i dati dell’eolico 2013

Come previsto dalle Associazioni, le aste e i registri hanno inferto un duro colpo allo sviluppo del settore. Poco meno di 450 MW nel 2013, per il minieolico raggiunti i 20 MW di potenza installata.

Pubblicato il 29 gennaio 2014

Come le Associazioni Free, Anev e assoRinnovabili avevano già previsto, il 2013 è stato un anno nero per l’eolico in Italia, con meno di 450 MW installati e un calo della nuova potenza di oltre il 65% rispetto al 2012.

Il 2013 si chiude, infatti, con un totale installato di 8.551 MW con un incremento complessivo inferiore ai 450 MW, contro i 1.272,8 MW installati nel 2012.

Il minieolico, con un trend positivo ma non ancora sufficiente, ha raggiunto invece i 20 MW complessivi di potenza installata.

Un risultato così deludente era stato preannunciato sul finire del 2012, anno in cui l’incremento di potenza eolica allacciata è stato per il terzo anno consecutivo superiore ai 1.000 MW, ma si avvertiva già il rallentamento che il comparto avrebbe subito a causa dei nuovi meccanismi di incentivazione posti con il sistema delle aste e dei registri.

Questo dato conferma in maniera non più discutibile l’inadeguatezza dei sistemi vigenti e la necessità di un tempestivo intervento del Governo per evitare che il settore eolico possa subire un ulteriore colpo.

Il settore eolico ha dimostrato in questi anni di avere enormi potenzialità – diventando anche un esportatore di tecnologia – e determinando crescita economica, occupazionale (creando un’industria solida, con oltre 30.000 addetti) oltre ad apportare significativi benefici ambientali.

Il Governo dovrebbe prendere atto sin da subito che le norme approvate negli scorsi anni stanno comportando un blocco del settore e che hanno già avuto come effetto la riduzione della forza lavoro di oltre 10.000 occupati, oltre ad aver portato al fallimento numerose aziende.

Le Associazioni si aspettano quindi che l’esecutivo intervenga quanto prima con politiche mirate che spostino gli incentivi dalla bolletta a meccanismi fiscali, definendo, inoltre, il quadro regolatorio post 2015 per consentire la sopravvivenza di un settore strategico per la green economy.

Si tenga conto, inoltre, delle decisioni che verranno a breve prese in seno all’UE nel definire i target di riduzione della CO2 e di incremento delle Fer al 2030, prevedendo fin d’ora la definizione di un quadro normativo stabile e certo per attrarre gli investimenti necessari a sfruttare il know how che l’Italia ha nell’eolico e che deve valorizzare in chiave europea.

 

Coordinamento Free: http://www.free-energia.it

Anev: http://www.anev.org

assoRinnovabili: http://www.assorinnovabili.it



Contenuti correlati

  • Cambiamenti climatici, lo scenario peggiore rischio per l’economia del Paese

    Conoscere in anticipo gli effetti che i cambiamenti climatici potranno produrre se le azioni mitigatorie messe in atto non avranno successo, per capire non solo a cosa rischiamo di andare in contro nei prossimi anni ma anche...

  • Un primo ‘bilancio’ sui green bond: superati hgli 1,4 trilioni

    In quanto partner ufficiale del ‘National Geographic Fest 2021’, Ener2Crowd, la piattaforma italiana di lending crowdfunding ambientale ed energetico, ha deciso di compiere un passo fondamentale in ottica di consolidare il valore “benefit” della sua mission, facendo...

  • key energy
    Key Energy, spazio alle start up della Green Economy

    Tra creatività e necessità, Key Energy e Ecomondo danno spazio al mondo ridisegnato dalle start up italiane della Green Economy. Così, da un cestino della spazzatura si ottengono in casa materie prime seconde derivate dagli scarti smistati...

  • Economia dell’idrogeno: alta pressione per un efficiente stoccaggio energetico

    I compressori hanno un ruolo fondamentale per l’economia dell’idrogeno: questo gas, infatti, per essere utilizzato in modo efficiente deve essere immagazzinato ad alta pressione, aumentando la densità energetica per volume. In funzione del contesto in cui l’idrogeno...

  • Incentivi per startup e PMI innovative, ecco le FAQ

    Dal 22 marzo il MISE – Ministero dello Sviluppo Economico, ha pubblicato la pagina Domande e Risposte sugli incentivi fiscali in regime “de minimis” all’investimento in start up innovative e in PMI innovative. L’incentivo, introdotto con il...

  • ener2crowd.com green economy
    In crescita gli investimenti etici e sostenibili

    Il mercato degli strumenti finanziari legati ad esiti positivi in ambito ambientale e sociale, ad esempio andando a sostenere l’accesso a servizi essenziali come la sanità o l’istruzione, oppure a garantire la sicurezza alimentare o abitativa, cresce...

  • Enrica Cataldo AIDR recovery plan
    La road map del Recovery Fund si tinge di green

    Il premier Draghi ha tracciato un vero e proprio manifesto di politica economica di lungo periodo basato sulla spinta propulsiva agli investimenti, sulla produzione di energia da fonti rinnovabili, l’alta velocità, la mobilità elettrica, la produzione e...

  • Progetti green e innovazione: gli incentivi del Piano Transizione 4.0 del Governo nel 2021

    Con l’intervento da parte del MISE – Ministero dello Sviluppo Economico, le nuove agevolazioni fiscali rientrano sotto il cappello di Piano Transizione 4.0 e sono valide per un triennio, quindi dal 2021 al 2023. Il Piano Industria 4.0,...

  • Next Generation EU green economy sostenibilità
    Green economy, l’Italia viaggia a due velocità

    Rome Business School, in collaborazione con Legambiente, ha pubblicato uno studio sul tema della green economy dal titolo: “Sostenibilità ambientale e sviluppo sostenibile. Quali sfide per l’ecosistema urbano del futuro?” (a cura di Valerio Mancini, Direttore del...

  • Mitsubishi Electric guida incentivi Superbonus 110%
    Superbonus 110%, la guida Mitsubishi Electric per richiedere gli incentivi

    Non è facile scegliere tra le migliaia di offerte che promettono riqualificazioni energetiche gratuite grazie al nuovo Superbonus 110%. La cessione del credito, che rappresenta la condizione per non dover anticipare le somme per gli interventi in...

Scopri le novità scelte per te x