Con Hera nuova vita agli ingombranti

Pubblicato il 13 marzo 2014

Dove mettiamo il vecchio armadio? Oppure la credenza della nonna? O il frigo ancora funzionante? Parte oggi “Cambia il finale”, il nuovo servizio della multiutility Gruppo Hera, realizzato in collaborazione con Last Minute Market ed enti no profit del territorio servito, per dare nuova vita agli oggetti ancora utilizzabili e favorire un virtuoso e solidale circuito del riuso, con l’impiego anche di persone svantaggiate.

Negli ultimi 3 anni, dal 2011 al 2013, sono state oltre 215.000 le richieste ricevute dal Servizio clienti Hera per il ritiro a domicilio, che hanno portato alla raccolta di 145.000 tonnellate tra ingombranti, grandi elettrodomestici, pc e tv, frigoriferi. Da oggi, una parte di questi beni potrà evitare di diventare un rifiuto ed essere riutilizzata, “Ora puoi cambiare il finale della storia”, come recita il titolo del depliant che illustra l’iniziativa.

Ora, infatti, con il progetto “Cambia il finale”, telefonando al numero verde del Servizio clienti 800.999.500 per richiedere il servizio di ritiro degli ingombranti a domicilio, al cliente verranno fornite le indicazioni per contattare enti no profit del territorio che si sono dichiarati disponibili al loro riutilizzo nel caso siano ancora in buone condizioni. Gli enti partner si sono impegnati a ritirare i materiali secondo le modalità definite da ciascuno e dettagliate nel sito dedicato all’iniziativa “Cambia il finale”. Saranno i cittadini a concordare direttamente con le associazioni le modalità operative per il ritiro o la consegna degli ingombranti.

In questo modo verranno facilitati recupero e riuso dei “beni ingombranti” ancora in buono stato e che si ritiene possano non essere gettati via. Sarà inoltre possibile donare agli enti no profit anche quegli oggetti di uso quotidiano (per esempio, soprammobili, libri, cristalli…) che spesso vengono destinati alla raccolta indifferenziata. Nel caso, invece, l’oggetto non sia più riutilizzabile, il Servizio Clienti di Hera darà le indicazioni per portarlo alla stazione ecologica più vicina oppure attiverà il servizio gratuito di raccolta rifiuti ingombranti, dove presente.

Sono 15 le associazioni che al momento hanno accettato di aderire al progetto e 94 i Comuni dove il nuovo servizio è stato attualmente attivato.

L’iniziativa di Hera è in linea con le più recenti normative in materia ambientale che mettono al primo posto la prevenzione dei rifiuti e il loro utilizzo, richiedendo quindi un cambiamento culturale e un nuovo approccio ai vecchi concetti di consumo e di rifiuto. L’obiettivo è quello di contribuire a passare dall’attuale modello lineare (produci, usa e getta) ad un nuovo sistema circolare e virtuoso come quello del riciclo.

Inoltre, con questo progetto Hera intende promuovere l’attività di quelle Onlus che recuperano beni non più utilizzati dai cittadini, avviandoli al riutilizzo anche con eventuale attività di rigenerazione, e sviluppare di conseguenza ricadute sociali positive. L’iniziativa ha anche il risultato di valorizzare e sostenere il personale svantaggiato che la quasi totalità di questi enti benefici impiega per lo svolgimento dell’attività, con la stipula di accordi con i Comuni, le Aziende Sanitarie, l’Autorità Giudiziaria e i centri di ascolto/assistenza per l’inserimento di persone in difficoltà attraverso l’utilizzo, ad esempio, di borse lavoro, tirocini formativi, reinserimenti lavorativi.

La promozione sarà avviata da Hera diffondendo ai propri clienti e cittadini la conoscenza delle Onlus/associazioni che si occupano di riutilizzo e rigenerazione, attraverso le informazioni fornite dagli operatori del servizio clienti, dal sito del Gruppo e tramite un depliant che sarà messo in distribuzione presso gli sportelli Hera, le stazioni ecologiche e gli Urp dei principali Comuni serviti e inserito nella bolletta.

 

Gruppo Hera: http://www.gruppohera.it

Cambia il finale: http://www.gruppohera.it/cambiailfinale

Last Minute Market: http://www.lastminutemarket.it



Contenuti correlati

  • La gestione dei rifiuti in chiave digitale

    Il mondo sta cambiando grazie alla digitalizzazione, ma la gestione dei rifiuti è rimasta tale e quale. Tutto sommato, la differenza tra la gestione dei dati e la gestione dei rifiuti non è poi tanto diversa: può sembrare paradossale,...

  • Comuni Ricicloni 2021 - premiazione CIAL alluminio
    La raccolta differenziata dell’alluminio in Italia vola

    Promossa da Legambiente, patrocinata dal Ministero per l’Ambiente e sostenuta da Cial e dagli altri Consorzi del Sistema Conai, Comuni Ricicloni è un’iniziativa che, dal 1994, premia le comunità locali che hanno ottenuto i migliori risultati nella...

  • multiutilities powercloud
    Multiutilities, obiettivo controllo delle spese di gestione

    Fino ad ora, come se la sono cavata durante questa crisi le aziende energetiche d’Europa? Secondo le stime di molti esperti, relativamente bene: il comparto delle utility è stato tra i più resilienti del sistema produttivo nazionale....

  • ecoisole ecolight raee
    Rifiuti elettronici, raccolte 15 tonnellate di Raee nel 2020 con le EcoIsole

    La raccolta di prossimità dei rifiuti elettronici continua a dare risultati: sono quasi 15 le tonnellate di Raee (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) che sono state conferite nelle EcoIsole di Ecolight l’anno scorso. Il consorzio nazionale per...

  • unionplast plastica raccoltala giusta
    RaccoLtala Giusta: sfatiamo i falsi miti sulla plastica

    Sulla plastica si è detto tutto e il contrario di tutto. Per questo è importante saper distinguere le informazioni corrette. RaccoLtala Giusta, il nuovo progetto firmato Unionplast/Federazione Gomma Plastica, parte proprio da queste premesse per arrivare alla...

  • Inquinamento plastica
    Plastica e inquinamento dei mari, quale futuro

    L’Unione Europea, con la Direttiva UE 2019/904 del Parlamento Europeo, ha messo a punto una disposizione per risolvere concretamente un problema che non può più attendere. Una rivoluzione che impatterà positivamente nel tempo sull’ambiente ma che dovrà...

  • Ecolight: come fare correttamente la raccolta dei Raee a casa

    Ripartire dall’impegno di ciascuno per l’ambiente. Non solamente per non vanificare gli sforzi fatti durante la quarantena, ma anche per non perdere la strada fatta nel recupero dei rifiuti elettronici. È un appello a dare valore alle...

  • Sempre più virtuosa la raccolta dei Raee in Italia

    Numeri che dimostrano efficienza e forte presenza territoriale. Si può infatti parlare di un consuntivo di raccolta da record quello illustrato dal Consorzio ERP Italia, tra i principali Sistemi Collettivi senza scopo di lucro che si fanno...

  • Le campagne Ricrea sulla raccolta differenziata premiate in Europa e in Italia

    Due nuovi importanti riconoscimenti per Ricrea, il Consorzio Nazionale senza scopo di lucro per il Riciclo e il Recupero degli Imballaggi in Acciaio. Le campagne di comunicazione “Capitan Acciaio” e “Cuore Mediterraneo”, ideate per sensibilizzare i cittadini,...

  • Imparare la sostenibilità e il riciclo anche ai concerti

    Il 70,2 % di raccolta differenziata su 255.904 Kg di rifiuti raccolti, con 179.648 Kg avviati a riciclo. Bastano i numeri a dare la misura del successo del progetto di sostenibilità legato al Jova Beach Party, il...

Scopri le novità scelte per te x