Etichetta green per dare nuova vita ai rifiuti

In occasione della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, Epson aderisce in qualità di sponsor tecnico al progetto di economia circolare firmato GreenPlanner per il recupero di capi in pelliccia vintage

Pubblicato il 30 novembre 2022

Epson aderisce al progetto Fur of Love che è insieme una label e una campagna per salvare i capi pre-loved da discariche e inceneritori. Partner tecnologico dell’iniziativa, Epson attesta l’essenza vintage della pelliccia sulla base di un’autocertificazione del proprietario, sottolineando come ri-usare un prodotto del secolo scorso non sia un atto di poca attenzione verso l’ambiente ma al contrario un segno di profondo rispetto per il pianeta e gli animali che lo abitano in un’ottica di riutilizzo e, quindi, di rinnovato valore.

Un’etichetta per dare valore al pre-loved

“Questa è una vecchia pelliccia: indossarla è un gesto d’amore e di rispetto per l’ambiente e per gli animali di questo secolo”. Questo è il messaggio stampato con le soluzioni della gamma ColorWorks di Epson sulle etichette che, una volta applicate ai vecchi capi in pelliccia, conferiranno loro un nuovo significato, certificandone la provenienza. Chiunque aderisca alla campagna può ordinare l’etichetta e riceverla a casa per poi cucirla sul proprio capo in pelliccia, che da quel momento sarà certificato Fur of Love.
“Le etichette sono sempre più necessarie per fornire informazioni complete al consumatore”, spiega Camillo Radaelli, Head of Sales Business Systems di Epson Italia. “Si arricchiscono di testo, icone colorate e Qrcode per offrire una crescente consapevolezza a chi acquista un prodotto. Con il progetto Fur of Love raccontano una storia per dare valore all’abbigliamento pre-loved, nell’ottica della riduzione dei rifiuti”.

“Promuovendo questo progetto, Epson vuole ribadire quanto comunicare nel modo giusto sia fondamentale per rendere consapevoli e responsabili. In questo l’etichetta ha un ruolo molto importante”, commenta Luca Cassani, corporate sustainability manager di Epson Italia. “Arricchiamola di informazioni e stampiamone il giusto quantitativo. La qualità e la lotta allo spreco passa anche dalle etichette on demand”.
Non a caso, è in occasione della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti (Serr) patrocinata dal Parlamento Europeo in corso in questi giorni, che Epson sottolinea il proprio impegno continuo nel favorire lo sviluppo di un’industria consapevole, circolare e inclusiva profondamente rispettosa di persone, ambiente e animali. E lo fa puntando ancora una volta sul recupero dei vecchi capi di abbigliamento, ormai un simbolo della battaglia di Epson in nome della sostenibilità.

La tecnologia Epson che certifica le pellicce vintage e fa bene all’ambiente

Epson ha messo al servizio di questo progetto la propria tecnologia per la realizzazione di 1.000 etichette stampate con le soluzioni della gamma ColorWorks. Punto di forza di queste stampanti è la grande flessibilità di stampa di etichette on demand, che possono essere realizzate nella quantità necessaria ed esattamente nel momento in cui servono, riducendo gli sprechi. Il tutto accompagnato dall’estrema semplicità d’uso, dall’affidabilità e dall’elevata qualità che da sempre contraddistinguono le soluzioni Epson.

Come dimostrato da una recente ricerca europea condotta dalla società di consulenza indipendente Smithers, la tecnologia inkjet per l’etichettatura on demand – che è la stessa utilizzata dalle stampanti ColorWorks – consente, infatti, alle aziende di risparmiare energia in modo significativo, ridurre gli enormi sprechi di materiali e inchiostro e rendere le operazioni di etichettatura molto più efficienti e sostenibili. Secondo questo studio, l’utilizzo della tecnologia inkjet per stampare internamente le etichette potrebbe avere non solo importanti vantaggi commerciali e operativi, ma anche benefici ambientali reali e misurabili, tra cui riduzioni significative dell’uso di energia, di produzione di rifiuti e materiali di consumo, arrivando a una riduzione delle emissioni di CO2 pari a 6,7 milioni di tonnellate l’anno.



Contenuti correlati

  • Energy Trainer EnergRed
    Professioni del futuro: arriva il Solar Energy Trainer

    La sostenibilità paga. E non è solo un modo dire perché con l’iniziativa di EnergRed da oggi è possibile scegliere un percorso di alta formazione retribuito per diventare Solar Energy Trainer, mettendosi alla prova nella prospettiva di...

  • Alps4GreenC biomasse biochar
    Agricoltura sostenibile, trasformare le biomasse in biochar

    Il laboratorio Bioenergy & Biofuels al NOI Techpark, diretto dal prof. Marco Baratieri, è uno dei partner del progetto Alps4GreenC, finanziato dal programma Interreg Alpine Space, che mira alla creazione di una catena di valore transnazionale basata...

  • Schneider Electric Altivar
    Efficienza energetica nelle applicazioni motore con i variatori Altivar di Schneider Electric

    Schneider Electric si è aggiudicata il premio “Most Climate-Positive Carbon Handprint Product Award” assegnato nell’ultima edizione della Climate Week di New York (2022). Questo riconoscimento è assegnato ai prodotti che hanno un significativo impatto positivo in termini...

  • Iride Acque reflue
    Una tecnologia per depurare le acque reflue con costi minimi

    Iride Acque si è ispirata a una tecnologia usata in passato per depurare l’aria: l’ha modificata e applicata al trattamento dei reflui industriali. Ha trasformato così un processo estremamente costoso in un obiettivo alla portata di tutte...

  • Traent blockchain comuni
    Sostenibilità e territori: la blockchain entra nella PA

    80 i Comuni i pionieri dell’innovazione, che, per la prima volta, utilizzano le blockchain all’interno della Pubblica Amministrazione. Un progetto ambizioso reso possibile dalla collaborazione dell’associazione nazionale Rete dei Comuni Sostenibili con la startup Traent che ha...

  • Parliamo di economia circolare

    Waste Management Europe Conference & Exhibition vuol diventare l’evento più influente a livello europeo sulla gestione dei rifiuti e l’economia circolare. Una piattaforma collaudata, pronta a ospitare numerosi visitatori,  delegati e aziende dal 18 al 20 Aprile 2023. Sede della...

  • Elettronica: dalla lignina arriva il transistor del futuro

    Da rifiuto a risorsa. La lignina, principale prodotto di scarto dell’industria cartiera, potrebbe presto essere alla base di una piccola, ma significativa rivoluzione ‘green’ nell’elettronica. Uno studio internazionale, guidato dal Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale dell’Università...

  • COP27 e Agenda 2030: i grandi del pianeta per lo sviluppo sostenibile

    Si è da poco conclusa Cop27, la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. Focus principale dell’incontro è stato l’urgenza di un’azione immediata in materia ambientale, consci del fatto che il delicato contesto geopolitico in Ucraina ha...

  • Progetto Treedom: Vertiv aderisce e pianta 1.250 alberi

    Vertiv rafforza il proprio impegno verso la sostenibilità e l’impatto ambientale donando ai clienti – e al pianeta – la Foresta Vertiv. Nata dall’adesione da parte del team di Vertiv Italia al progetto di Treedom e composta...

  • ABB riduce l’impronta ecologica dei prodotti industriali

    ABB collaborerà con Boliden, azienda svedese che gestisce miniere e fonderie, per sviluppare una cooperazione strategica finalizzata all’utilizzo di rame a basso contenuto di carbonio negli impianti di rimescolamento elettromagnetico (EMS) e nei motori elettrici ad alta...

Scopri le novità scelte per te x