12 gas, 1 solo analizzatore: è possibile grazie al nuovo MCS200HW di SICK

Il nuovo analizzatore multi-parametrico a infrarossi MCS200HW di SICK permette il monitoraggio delle emissioni in continuo e tiene sotto controllo fino a 10 elementi IR in contemporanea

Pubblicato il 6 luglio 2021

Centrali termoelettriche, impianti di incenerimento e di altre tipologie, cementifici, sono chiamati a tenere sotto controllo le proprie emissioni in atmosfera. Il metodo più semplice ed affidabile per farlo è  l’adozione di un analizzatore multi-parametrico a infrarossi come il nuovo MCS200HW di SICK.

MCS200HW è il sistema per il monitoraggio delle emissioni in continuo che tiene sotto controllo fino a 10 elementi IR in contemporanea. Grazie al metodo estrattivo a caldo adottato, tutte le parti a contatto con i gas, dalla sonda di estrazione alla cella di misura, sono riscaldate per evitare punti freddi e la formazione di condensa. In questo modo la misura del gas è più precisa, si riduce sensibilmente l’esigenza di attività di manutenzione del sistema per corrosione o occlusione delle parti a contatto con il campione, ed è possibile monitorare in modo affidabile anche gas solubili in acqua come l’acido cloridrico e l’ammonica.

10 gas IR + ossigeno + TOC = 12 gas
A seconda delle esigenze del cliente è quindi possibile monitorare HCl, SO2, NO, NO2, CO, CO2, NH3, N2O. Oltre a questi, l’analisi dell’ossigeno viene effettuata tramite un sensore all’ossido di zirconio posto all’interno della cella di misura e, laddove necessario, è possibile l’analisi dei composti organici volatili con un FID integrato nell’armadio di analisi: l’analizzatore MCS200HW viene personalizzato e realizzato su misura in base alle reali esigenze dell’utilizzatore.

Punto di riferimento sempre sotto controllo
La verifica e la calibrazione dello zero e dello span di ogni singolo componente infrarossi può essere effettuata in qualsiasi momento sia manualmente che automaticamente tramite una ruota filtri di calibrazione interna, con un conseguente risparmio di tempo e risorse, o con gas di bombola.

MCS200HW è il primo e unico strumento che consente la verifica dello span per l’acido cloridrico e l’ammoniaca con gas di bombola senza la necessità di generatori di gas di test o evaporatori.

Dati accessibili anche da remoto
MCS200HW è facile da installare e semplice da utilizzare grazie alla nuova interfaccia user-friendly associata ad un display touch da 12’’ attraverso il quale si accede facilmente a tutti i dati raccolti e si attivano in modo intuitivo le varie funzioni. Un importante vantaggio è offerto dalla possibilità di poter consultare le informazioni sullo stato di funzionamento e sulla diagnostica anche da remoto, tramite un semplice browser web.



Contenuti correlati

  • Dai rifiuti della Lombardia subito biometano per alimentare 200 mila auto per un anno

    70 milioni di metri cubi di biometano, capaci di alimentare 200 mila auto per 11 mila km all’anno ciascuna, reperibili letteralmente a km 0, grazie ai soli rifiuti umidi (Fordu) e ai fanghi provenienti dalla depurazione delle...

  • Refrigerante a base di HFO per i condizionatori delle auto da Honeywell

    Honeywell ha annunciato il lancio di un nuovo refrigerante a base di Idro-Fluoro-Olefine (HFO) per l’aftermarket automobilistico europeo che ha il potenziale di ridurre l’impronta delle emissioni di gas serra (GHG) dei sistemi di condizionamento dell’aria nei...

  • 22 aprile, Giornata Mondiale della Terra

    Nella Giornata della Terra, che si celebra in tutto il mondo il 22 aprile, la sede italiana di SENEC, azienda specializzata in sistemi di accumulo fotovoltaico, pianterà 1.000 alberi da frutto in America Latina e Africa. La...

  • Consiglio europeo, le decisioni sul fronte energia

    L’Unione europea si affrancherà gradualmente, quanto prima, dalla sua dipendenza dalle importazioni di gas, petrolio e carbone russi, come stabilito nella dichiarazione di Versailles. Pertanto, il Consiglio europeo attende con interesse il piano globale e ambizioso, elaborato...

  • Un tetto al prezzo del gas

    L’aumento del prezzo del gas, e conseguentemente l’aumento della energia elettrica che trova la sua fonte nel gas, è ormai fuori controllo. I prezzi che a fine del 2021 avevano già subito delle impennate sono ormai diventati...

  • Utility protagoniste di un futuro ‘net zero’

    Come possiamo arrivare a ridurre le emissioni di CO₂ e quindi a contenere il riscaldamento globale entro il 2030? Partendo dall’elettricità, un’energia flessibile, che può essere prodotta in modo sostenibile e alimentata da fonti rinnovabili Leggi l’articolo

  • Caro energia: quali scenari e quali soluzioni?

    L’attuale situazione del comparto energetico sta vivendo momenti molto delicati e complessi. Gli sconvolgimenti dovuti agli effetti della pandemia uniti alla necessità, da parte dell’Europa e del resto del mondo, di perseguire gli obiettivi di azzeramento delle...

  • Analizzatore di rete portatile Linax PQ 5000 Mobile da GMC-Instruments Italia

    L’ analizzatore di rete portatile Linax PQ 5000 Mobile, proposto da GMC-Instruments Italia registra la qualità della tensione e dell’energia per sistema elettrici in bassa, media e alta tensione. L’interfaccia web è facile e intuitiva e consente...

  • Etna vulcano emissioni CO2
    Vulcani, l’Etna emette quantità eccezionali di CO2

    L’Etna emette quantità di CO2 molto superiori a quelle di altri vulcani attivi e ciò si deve a serbatoi di carbonio profondi presenti sotto l’Italia meridionale, che liberano anidride carbonica a causa del movimento della placca ionica....

  • Economist impact: 12 tecnologie per ridurre l’impronta di carbonio nelle città

    Attualmente le città sono responsabili di oltre due terzi del consumo di energia a livello mondiale e generano più del 70% delle emissioni globali di CO₂. Nella ricerca, commissionata dallo studio legale internazionale Osborne Clarke, Economist Impact...

Scopri le novità scelte per te x