ABB-Università di Bergamo: formazione e ricerca

ABB e l’Università di Bergamo aprono laboratori di ricerca dell’azienda agli studenti dell’Ateneo e l’istituzione di borse di studio. L’Università offrirà ai dipendenti ABB spazi di aggiornamento professionale di alto profilo.

Pubblicato il 18 maggio 2015

ABB e Università di Bergamo hanno siglato un accordo di collaborazione strategica, che prevede una partecipazione dell’azienda nella formazione di studenti e laureati particolarmente qualificati, attraverso lo svolgimento dei corsi di laurea e dottorato attivati presso l’Università anche con l’istituzione di borse di studio a beneficio degli studenti.

ABB inoltre contribuirà allo svolgimento di studi e ricerche volti all’innovazione tecnologica nei campi di propria competenza e al mantenimento di un elevato livello culturale dei propri operatori favorendone l’aggiornamento professionale attraverso collaborazioni con corsi e strutture dell’Università. Da parte sua l’Università favorirà iniziative tendenti a migliorare e completare la formazione accademica e professionale degli studenti, anche mediante la sperimentazione di nuove modalità didattiche e lo svolgimento di attività integrative ospitate nei laboratori di ricerca di ABB, tra cui tesi e progetti di laurea, esercitazioni di progetto e laboratorio, organizzazione di visite di studenti singoli e in gruppi, oltre a promuovere incontri specifici presso l’Università e collaborazioni in attività di ricerca per innovazioni tecnologiche di interesse per l’azienda.

“Questo accordo permetterà ad ABB di collaborare con l’Università di Bergamo in modo stabile, inquadrando i singoli progetti di ricerca in una prospettiva a lungo termine. Tale continuità è la miglior premessa per un buon rapporto tra l’industria e il mondo accademico”, ha dichiarato Matteo Marini, Presidente di ABB Italia, che ha sottoscritto l’accordo con l’Università di Bergamo insieme a Stefano Paleari, Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo, che ha dichiarato: “Vogliamo sempre più fornire alle nostre studentesse e ai nostri studenti una formazione qualificata, dove l’esperienza sul campo è essenziale al curriculum di studi. Siamo grati ad ABB di questa disponibilità e siamo certi che la collaborazione sarà fruttuosa per entrambi”.

Diverse le aree principali di collaborazione tra ABB e Università di Bergamo.

Verrà sperimentato da ABB un nuovo metodo per l’innovazione di prodotto, ideato e proposto dal gruppo di Ricerca della professoressa Caterina Rizzi e coordinato dal professore Davide Russo. Tale progetto ha alternato negli anni numerosi corsi di formazione specifici ed interventi di innovazione e problem solving sui diversi prodotti ABB di bassa e media tensione (interruttori, contattori e quadri). Una recente applicazione di questo metodo sui contattori di media tensione è stato presentato al product group 2014 della divisione Power Products di ABB, da qui un nuovo contratto per replicare il metodo su altri prodotti di media tensione ed iniziative di rilievo internazionale per diffondere globalmente in ABB le pratiche sperimentate con successo in Italia. In parallelo Russo ha coordinato un progetto sullo sviluppo di una metodologia innovativa per la gestione del rischio, scaturito poi in tesi specialistiche e un contratto di ricerca biennale legato al programma Dote ricerca applicata finanziato dalla Regione Lombardia. Infine, BiGFLO, spinoff dell’Università di Bergamo, collabora con ABB mettendo a disposizione strumenti e metodi per la ricerca di conoscenza finalizzati alla competitive intelligence ed il decision making aziendale.

Una seconda area della collaborazione riguarda ingegneria e gestione del service a supporto del ciclo di vita dei prodotti e delle soluzioni industriali di ABB, a cura del gruppo di ricerca universitario Cels coordinato dal professore Sergio Cavalieri; progetto selezionato nel 2012 da ABB Corporate Research all’interno di una call mondiale lanciata dall’azienda per individuare centri di ricerca universitari di eccellenza con cui avviare attività di ricerca di lungo periodo. Ad oggi il progetto ha coinvolto diversi studenti con progetti di laurea presso le sedi italiane e tedesche di ABB. Nel 2014 l’azienda ha inoltre finanziato una borsa di studio di dottorato parte del PhD program in “Economics and Management of Technology” dell’Università di Bergamo.

Questa collaborazione si realizza sul solco di altre collaborazioni analoghe che ABB ha attivato con altri importanti atenei italiani, da Milano (Sda Bocconi, Politecnico) a Genova (ingegneria), Cassino (ingegneria industriale), Padova, Pavia e Trento. Tra il 2011 e il 2014 ABB Italia ha attivato 31 progetti di Ricerca e Sviluppo con atenei italiani,134 stage e dottorati presso le proprie sedi e ha incontrato studenti in oltre 60 eventi in tutto il Paese assegnando 6 borse di studio su progetti innovativi di efficienza energetica. Nel 2014 ABB ha aderito alla costituzione di alcuni Its (Istituti Tecnici Superiori) a Milano, Bergamo, Genova e Savona finalizzati alla formazione di giovani diplomati per la specializzazione in campo meccatronico, Tlc ed efficienza energetica. L’apertura ai giovani si riflette anche nei dati di ingresso in azienda: nel 2014 la percentuale di neo-diplomati e neo-laureati entrati in ABB Italia è stata del 50%. A questo si aggiunge l’impegno per l’innovazione tradotto nel 2014 in un investimento pari al 3,2% annuo del fatturato in attività di R&D ed un numero record di 39 brevetti depositati.



Contenuti correlati

  • icos italia
    Gas serra e cambiamenti climatici, il punto della ricerca

    Il messaggio arrivato da Glasgow è chiaro: il processo di riduzione della concentrazione di gas serra in atmosfera dovrà accelerare nei prossimi anni. In questa transizione è di fondamentale importanza poter contare su dati di elevatissima qualità...

  • Atlas Copco compressori
    Meno emissioni di CO2 e assenza di terre rare nei compressori Atlas Copco

    L’innovazione tecnologica è fondamentale per vincere le sfide ambientali: Atlas Copco, che nel 1994 ha lanciato sul mercato i primi compressori d’aria con azionamento a velocità variabile (VSD Variable Speed Driver) con risparmi energetici fino al 35%,...

  • is process induzione
    Ottimizzare le linee di confezionamento con l’induzione

    La necessità di produrre di più, con maggior rapidità e soprattutto fare la personalizzazione di massa esige cicli di produzione rapidi a diverse temperature per potersi adattare celermente ai cambi di ricette. I sistemi tradizionali di riscaldamento...

  • abb fiorentini
    Distribuzione elettrica intelligente nel sito produttivo di Fiorentini grazie alle soluzioni ABB

    Per la realizzazione del nuovo sito produttivo di Fiorentini a Trofarello (TO), storico brand torinese specializzato nella produzione di gallette di cereali e snack, l’azienda ha investito sull’innovazione tecnologica in ogni aspetto, compreso quello dell’efficienza energetica. Per la...

  • Sostenibilità, Mitsubishi Electric centra tutti i punti del programma

    Mitsubishi Electric Corporation ha annunciato di aver raggiunto i principali obiettivi del nuovo programma di sostenibilità ambientale Vision 2021, introdotto nel 2007. Raggiungendo gli obiettivi di questo progetto, Mitsubishi Electric ha contribuito a costruire un mondo più...

  • Automazione ed elettrificazione firmata ABB in Sudamericana

    ABB è stata scelta quale principale fornitore per le soluzioni di automazione ed elettrificazione dalla società sudamericana produttrice di malto d’orzo Maltería Oriental SA (MOSA) poiché estende le attività operativa e cerca di ridurre significativamente il consumo...

  • Chryso Icare edilizia sostenibile
    Quali sono i materiali di tendenza nel settore dell’edilizia sostenibile?

    Calcestruzzi autorigeneranti, vetri termoregolatori, ponti stampati in 3D: non si tratta di invenzioni di natura fantascientifica appartenenti a un futuro lontano, bensì di soluzioni innovative che stanno prendendo sempre più piede all’interno del settore dell’edilizia. Materiali intelligenti...

  • decarbonizzazione economist impact
    12 tecnologie per la decarbonizzazione delle città

    Le tecnologie che migliorano l’efficienza energetica degli edifici sono verosimilmente quelle che produrranno l’impatto maggiore sulla riduzione delle emissioni di gas serra (GHG) e quindi sul processo di decarbonizzazione.  Mentre alcune soluzioni, come lo stoccaggio dell’energia distribuita,...

  • green data center Geoveda
    Energia geotermica per il Data Center green di Lardarello

    L’energia geotermica prodotta a Larderello (PI) sarà il cuore pulsante del primo Data Center ecosostenibile italiano. Sorgerà tra le colline toscane il nuovo complesso completamente ad impatto CO2 “zero”. Al suo progetto lavorerà la società di ingegneria...

  • Inverter Parker GVI: la nuova serie soddisfa i requisiti dei veicoli elettrici e ibridi

    Parker Hannifin, noto a livello mondiale nelle tecnologie di movimentazione e controllo, ha lanciato le sue unità di serie Global Vehicle Inverter (GVI) ad alta e bassa tensione. Questi affidabili inverter, dotati di un design compatto e...

Scopri le novità scelte per te x