A Ecomondo in scena l’economia circolare

Pubblicato il 30 settembre 2015

Guardano all’economia circolare i contenuti ‘faro’ della prossima edizione di Ecomondo, la grande esposizione europea dedicata allo sviluppo sostenibile che Rimini Fiera organizzerà dal 3 al 6 novembre 2015.

“Abbiamo l’obiettivo”, spiega Fabio Fava, coordinatore scientifico del gruppo di lavoro che definisce i temi affrontati dagli appuntamenti in fiera, “di condurre la manifestazione ad un ulteriore sviluppo, quello che ci porterà a definire una piattaforma di confronto sul tema cardine, appunto l’avvio e l’implementazione dell’economia circolare, stimolati dall’Unione europea”.

Dare garanzia di un cibo sicuro e di alta qualità con processi sostenibili, dall’approvvigionamento alla commercializzazione. Sono sfide imposte dall’Ue all’agroalimentare, il primo settore industriale comunitario con 310.000 imprese (in maggior parte Pmi), con mille miliardi di euro di fatturato e quattro milioni di addetti. Il 40% dei rifiuti è prodotto nella fase successiva alla raccolta, in particolar modo durante la lavorazione; si rendono dunque necessari approcci d’innovazione radicali nella produzione alimentare lungo tutto il processo, compresa la valorizzazione dei sottoprodotti e rifiuti, ma occorre anche valutare e promuovere l’accettabilità sociale dell’innovazione tecnologica, coinvolgendo i cittadini.

Lo scopo, di cui si parlerà a Ecomondo, è di valutare le diverse implicazioni connesse all’utilizzo di rifiuti organici come materia prima nelle bioraffinerie avanzate, nonché le esigenze e le opportunità di ricerca e sviluppo del settore. Per alcuni sottoprodotti dell’industria alimentare e alcune tipologie di rifiuti organici sono già stati sviluppati specifici percorsi di valorizzazione che, per poter procedere al loro trasferimento su scala più ampia, necessitano di ulteriori affinamenti dei processi e sperimentazioni.

Siamo i terzi produttori al mondo di biogas, dopo Germania e Cina. I recenti sviluppi nella normativa di supporto allo sviluppo della digestione anaerobica valorizzano la flessibilità di un’infrastruttura in grado di produrre da diverse matrici organiche, quali effluenti zootecnici, sottoprodotti agroindustriali, colture di integrazione e Forsu, prodotti per diversi mercati: energia elettrica, termica, biocarburanti e biomateriali. Gli eventi in programma a Ecomondo si pongono l’obiettivo di approfondire, all’interno dell’attuale quadro normativo, le caratteristiche uniche del modello italiano della digestione anaerobica, evidenziandone potenzialità, criticità da colmare e ricerche da implementare.

Le procedure di infrazione e gli standard rigorosi imposti per lo scarico hanno portato a rilevanti investimenti in Italia e nell’Ue nell’ambito del trattamento delle acque reflue urbane. Nel corso di Ecomondo un workshop illustrerà le tecniche emergenti e innovative, ma anche i prossimi grandi investimenti nel trattamento delle acque.

I rischi di approvvigionamento delle materie prime sono oggettivi e varie iniziative sono in campo nell’Ue, oltre ai finanziamenti per la Ricerca e Sviluppo dedicati alle Materie Prime nel contesto del Programma Quadro “Orizzonte 2020”. La sfida è quella di ridurre la dipendenza dell’industria manifatturiera europea dall’approvvigionamento estero, rinforzando la propria competitività con lo sviluppo di tecnologie nuove e sostenibili. La Kic Raw Material è stata lanciata e finanziata dalla Commissione Europea con l’obiettivo di creare un’alleanza pubblico-privato fra membri per sostenere ricerca, innovazione e formazione su dette necessità, strategiche per l’Europa.

L’obiettivo principale del progetto Orizzonte 2020 Subacqueo, di cui si parlerà a Ecomondo, è quello di diffondere un’innovativa metodologia standard per valutare il rendimento energetico globale di trattamento delle acque reflue. Obiettivi successivi sono l’impulso al dialogo verso la creazione di una legislazione europea specifica seguendo l’esempio delle direttive comunitarie recentemente approvate, per stabilire una via da seguire per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle energetici dell’Ue per il 2020, garantendo la qualità delle acque di scolo, la tutela dell’ambiente e il rispetto del quadro sulle acque direttiva (Fwd).

A inizio novembre Rimini Fiera propone una serie di manifestazioni in contemporanea, per rappresentare un panorama di imprese già pronte a percorrere, nei vari ambiti, queste linee guida. Oltre a Ecomondo si svolgeranno: Key Energy sull’Energia e della Mobilità Sostenibile in Italia (nel 2015 proporrà il focus Bio-Green Processing, a rappresentare un sistema che tramite la bioraffineria crea sempre più valore a partire dagli scarti dell’attività agro zootecnica); Key Wind l’evento italiano di riferimento per le aziende del settore eolico che in accordo con Anev Associazione Nazionale Energia del Vento, ospiterà i principali operatori e produttori di tecnologie per impianti eolici, on shore e off shore; Key Energy White Evolution sull’efficienza energetica, con un intero padiglione di tecnologie, sistemi e soluzioni per un uso intelligente delle risorse energetiche in ambito industriale; Sa.Lve il salone biennale del veicolo per l’igiene urbana in collaborazione con Anfia che propone i prodotti tecnologicamente più avanzati sul mercato degli allestimenti, la raccolta e il trasporto di rifiuti solidi e liquidi; H2R Mobility for Sustainability coi grandi marchi automobilistici e i loro modelli all’avanguardia: macchine alimentate a metano, Gpl, elettriche o ibride; Cooperambiente, il salone del sistema cooperativo legato all’ambiente in collaborazione con Lega Coop; Condominio Eco con le soluzioni tecnologiche per rendere meno energivori gli immobili residenziali.



Contenuti correlati

  • ecoped raee plastica economia circolare
    Economia circolare, intesa Polieco-Ecoped per il riciclo delle plastiche dei RAEE

    Coniugare competenze ed esperienze per dar vita a programmi di tutela dell’ambiente e di promozione di uno sviluppo sostenibile. Nasce con questo intento il tavolo di lavoro tra il Consorzio nazionale dei Rifiuti dei beni in Polietilene...

  • unirima carta riciclo
    Unirima: investire nell’ammodernamento degli impianti per economia circolare

    Il settore del recupero e riciclo di carta da macero (Unirima) accoglie con soddisfazione la pubblicazione da parte del Ministero della Transizione Ecologica dei decreti per l’Economia Circolare. L’Unione Nazionale delle Imprese Recupero e Riciclo Maceri condivide...

  • mixcycling bioplastica fiori
    Mixcycling realizza una bioplastica profumata ai fiori

    Bioplastica al profumo di fiori. Nascono dalla lavorazione di camomilla e lavanda i nuovi blend ideati da Mixcycling, spin-off dell’azienda vicentina di tappi Labrenta nata a febbraio 2020 da un’intuizione di Gianni Tagliapietra e Amerigo Tagliapietra, che...

  • Economia circolare: riciclare la plastica per il packaging alimentare

    Il gruppo Pro Food, che raccoglie aziende italiane produttrici di contenitori in materie plastiche destinati al confezionamento, alla distribuzione e al consumo di alimenti e bevande, ha l’ambizioso obiettivo di incrementare la sostenibilità globale dei contenitori in plastica per cibi...

  • Al via domani Key Energy ed Ecomondo 2021: decima edizione degli Stati Generali della green economy

    Il mondo della Green Economy torna a riunirsi, in presenza, a Ecomondo e Key Energy, i saloni di Italian Exhibition Group dedicati, rispettivamente, all’economia circolare e alle energie rinnovabili. L’appuntamento è da domani, martedì 26 ottobre, e...

  • key energy
    Key Energy, spazio alle start up della Green Economy

    Tra creatività e necessità, Key Energy e Ecomondo danno spazio al mondo ridisegnato dalle start up italiane della Green Economy. Così, da un cestino della spazzatura si ottengono in casa materie prime seconde derivate dagli scarti smistati...

  • Transizione ecologica: dall’economia circolare ai biocarburanti

    Un’azienda italiana specializzata nelle tecnologie di trattamento dei rifiuti, il Gruppo Seap, e una tedesca, il produttore di strumentazione di processo Endress+Hauser, collaborano per sviluppare nuove applicazioni utili alla transizione ecologica: dall’economia circolare ai biocarburanti. Leggi l’articolo

  • Nuovi strumenti per la transizione ecologica

    Un’azienda italiana specializzata nelle tecnologie di trattamento dei rifiuti, il Gruppo Seap, e una tedesca, il produttore di strumentazione di processo Endress+Hauser, collaborano per sviluppare nuove applicazioni utili alla transizione ecologica: dall’economia circolare ai biocarburanti. Leggi l’articolo

  • Il business dei rifiuti vale 14 miliardi

    Sensoworks, la società guidata da Niccolò De Carlo specializzata in monitoraggio infrastrutturale supportata da piattaforme multilivello, rimarca notevoli ritardi in Italia nell’impiantistica per chiudere il ciclo dei rifiuti, un comparto che fattura circa 14 miliardi di euro...

  • batterie al litio filiera italiana riciclo
    Auto elettriche, la filiera italiana per il riciclo delle batterie al litio

    L’Italia è pronta per avviare una filiera nazionale per allungare la vita delle batterie delle auto elettriche. Se da un lato c’è un forte impegno per la costituzione di Gigafactory, un’altra possibile e complementare soluzione riguarda il...

Scopri le novità scelte per te x