Termoregolazione: cosa cambia con la proroga al 30 giugno

Pubblicato il 4 aprile 2017

Il Governo, con il decreto Milleproroghe (D.Lgs 30 dicembre 2016, n. 244, art. 6, comma 10), ha rinviato al 30 giugno 2017 il termine entro il quale diventa obbligatorio installare sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore nei condomini con impianti centralizzati (il D.Lgs. 102 del 2014, recependo la direttiva 2012/27/UE, aveva inizialmente stabilito la scadenza al 31 dicembre 2016, prevedendo, in caso di inadempimento, multe dai 500 fino ai 2.500 euro). La proroga era stata richiesta a gran voce e addirittura prevista da alcuni. Fin dai mesi precedenti alla prima scadenza, diversi enti ed associazioni di categoria avevano espresso dubbi e perplessità, soprattutto su alcuni punti: tempistiche tecniche, ritardi normativi, sovraccarico di maestranze e imprese con impossibilità a procedere nei lavori per tempo.

Sin dalla comunicazione della proroga, gli enti territoriali e le associazioni avevano espresso il loro punto di vista. La prima a pronunciarsi era stata CNA Installazione e Impianti: per l’ente la proroga era da intendersi come “…sub-iudice, in quanto i termini erano stati fissati ben 4 anni fa dalla Commissione Europea che potrebbe aver qualcosa da ridire in merito ed emanare una procedura di infrazione nei confronti del nostro paese. E qualcosa da ridire … potevano averlo anche le Regioni, essendo l’energia una materia di loro competenza…”

Il primo stop da parte delle regioni era arrivato inizialmente dalla Regione Lombardia: se in un primo momento aveva sottolineato, tramite comunicato ufficiale, come la proroga non avrebbe potuto avere effetto nel suo territorio , in quanto “… può essere disposta solo con legge regionale…”, il Consiglio Regionale ha recentemente dichiarato che anche qui viene recepita la scadenza del 30 giugno . Dal canto suo Assoedilizia aveva contestato fermamente l’iniziale interpretazione della regione, sostenendo che “… è ben vero che la potestà legislativa in materia spetta alle Regioni, ma la Costituzione prevede che le Regioni debbano rispettare i principi fondamentali la cui determinazione spetta allo Stato…” .

Le opinioni si sono fronteggiate e si fronteggiano, la situazione al momento è in divenire e bisognerà attendere sicuramente la presa di posizione delle altre Regioni, degli altri enti e la risposta – e le eventuali sanzioni – della Commissione Europea; diventa in ogni caso fondamentale andare al di là delle singole opinioni e cercare di fare chiarezza, fissando alcuni punti importanti soprattutto per le imprese coinvolte e i cittadini interessati.

Il nuovo termine del 30 giugno 2017 cade nel pieno della stagione in cui è possibile installare questo tipo di strumenti. L’effetto di spinta derivato dal D.Lgs. 102, che ancora indicava la scadenza del 31 Dicembre, si è sentito molto anche nel mese di gennaio, un periodo nel quale molti hanno cercato di completare l’adeguamento dei loro impianti. Da quando si è ricevuta notizia della proroga è stato registrato un effetto “fisarmonica”; si è passati da una grande domanda ad un rallentamento, determinato anche dal fatto che avviare – o proseguire – i lavori di adeguamento nei mesi invernali avrebbe richiesto anche lo spegnimento degli impianti di riscaldamento. Il pensiero generale da qui in avanti sarà probabilmente quello di avviare i lavori solo al momento dello spegnimento, tra la fine di Marzo e l’inizio di Aprile, a seconda del clima che avremo e delle aree geografiche.

Quello che si prevede nei tre mesi immediatamente successivi (aprile, maggio e giugno), prima della nuova scadenza, è un notevole aumento della richiesta di professionisti, oltre che di strumenti adeguati. Un intervallo di tempo che si profila come insufficiente per mettere a norma tutti gli impianti mancanti.

Come spiega Antonello Guzzetti, Country Manager di Qundis in Italia, diventa fondamentale anticipare questa fase e muoversi per tempo per avere modo di valutare le singole situazioni, evitando di concentrare il pieno delle attività negli ultimi mesi disponibili e tenendo ben presenti alcune informazioni essenziali in termini di risparmio e detrazioni fiscali:

  • Con l’installazione di strumenti di contabilizzazione e di termoregolazione si modificano le ripartizioni delle spese e si può ottenere fino al 30% di risparmio energetico annuale, diventando effettivamente responsabili dei propri consumi.
  • Il disegno di legge di bilancio per il 2017 proroga fino al 31 dicembre 2017 la misura delle detrazioni al 65% per le spese relative ad interventi di riqualificazione energetica degli edifici.

Diventa quindi molto importante non farsi influenzare dalla nuova proroga per installare sistemi di termoregolazione e contabilizzazione al 30 giugno. Bisogna muoversi rapidamente e fin da subito per avere il tempo utile di fare tutte le valutazioni del caso e poter usufruire – finché sono disponibili – delle detrazioni fiscali oggi concesse dalla legge. Ma soprattutto approfittare del tempo concesso in più per trovare progettisti e professionisti certificati per realizzare un lavoro ad hoc che possa garantire un risparmio effettivo sul lungo periodo.



Contenuti correlati

  • Pompe multistadio e-MP Lowara: prestazioni superiori e risparmio energetico

    Lowara ha recentemente reso disponibili le pompe della serie e-MP, che si distinguono per l’attenzione posta alle prestazioni idrauliche ed il risparmio energetico. Si tratta di pompe multistadio completamente riprogettate per rispondere alle esigenze di risparmio energetico...

  • Terna acquisisce il 70% di Avvenia

    Terna, tramite la sua controllata Terna Plus, ha firmato un accordo per l’acquisizione del 70% di una New.Co. in cui confluiranno i principali asset di Avvenia, società attiva nel settore dell’efficienza energetica che nel corso degli anni...

  • Mattei, software per ottimizzare l’utilizzo dell’aria compressa

    Mattei Intelligent Energy Management (M.I.E.M.) è un software che analizza i dati sul consumo energetico di una centrale di produzione di aria compressa con l’obiettivo di fotografare il profilo energetico completo dell’utilizzo dell’aria e dare precise indicazioni...

  • Continua la corsa all’automazione IoT, ecco il contributo dell’efficienza energetica

    Negli ultimi mesi si è registrato un vero e proprio boom degli acquisti di applicazioni e tecnologie relative al mondo dell’«Internet of Things» (IoT). A metterlo in evidenza è Avvenia uno dei maggiori player italiani nell’ambito dell’efficienza...

  • Risparmio energetico nella movimentazione di bobine con gli azionamenti Kollmorgen

    Il nuovo impianto per l’imballaggio delle bobine in funzione presso il centro per la lavorazione dell’acciaio Vogel-Bauer di Solingen mostra concretamente quali misure adottare per risparmiare energia guadagnando in efficienza. Il fattore principale che contribuisce al risparmio...

  • Moog: pompe a pistoni radiali ad alta pressione

    Moog introduce la serie di pompe a pistoni radiali RKP ad alta pressione. Con una pressione di esercizio fino a 350 bar e un limite di picco di 420 bar, l’ultima generazione di RKP è ideale per...

  • Risparmio energetico sotto controllo col software IQ Vision

    Trend Control Systems ha rilasciato il software di gestione e monitoraggio IQ Vision. Successore del pioneristico supervisore 963, IQ Vision integra controllori Trend, dispositivi intelligenti di terze parti e protocolli internet all’interno di una piattaforma software centralizzata...

  • Energy Manager, figura professionale per l’efficienza energetica

    Quella dell’Energy Manager è spesso una figura sconosciuta al grande pubblico. A metterla in evidenza è Avvenia, che vuole sensibilizzare l’opinione pubblica sui ruoli e competenze di questa figura professionale che si occupa dell’analisi, del monitoraggio e...

  • Smart metering evoluto con My Next Meter

    Sorgenia e Acotel Net hanno siglato un accordo di collaborazione per offrire ai clienti business dell’operatore energetico un dispositivo di smart metering evoluto. My Next Meter consente, infatti, di monitorare i propri consumi e di intervenire per...

  • Bollette domestiche più leggere grazie a fotovoltaico e sistemi di accumulo

    La bolletta della luce non sarà più un male necessario: in nome dell’autoconsumo sarà possibile una maggior attenzione agli sprechi in ambiente domestico, ad esempio scoprendo guasti su apparecchi elettrici che generano consumi immotivati. E’ esattamente quanto...

Scopri le novità scelte per te x