Il Recovery Plan e la mobilità sostenibile

Pubblicato il 11 maggio 2021

Nel pieno rispetto dei tempi richiesti dall’UE, l’Italia ha presentato il Recovery Plan italiano. Saranno complessivamente 248 miliardi di euro gli investimenti a disposizione per gli anni dal 2021 al 2026 per ripartire e lasciarsi progressivamente alle spalle la crisi degli ultimi anni aggravata anche dal Covid.

Il primo anticipo, pari al 13%, potrebbe arrivare in tempi molto rapidi. Gli anticipi saranno versati dalle casse dei singoli stati ma poi l’unione rimborserà con cadenza semestrale dopo aver valutato gli investimenti e gli obiettivi.

L’Italia è la prima beneficiaria, come è noto, delle risorse previste con i due strumenti a disposizione dei Paesi UE: il Dispositivo per la Ripresa e Resilienza (RRF) e il Pacchetto di Assistenza alla Ripresa per la Coesione e i Territori d’Europa (REACT-EU).

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) si articola in sei Missioni:

1. digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura;
2. rivoluzione verde e transizione ecologica;
3. infrastrutture per una mobilità sostenibile;
4. istruzione e ricerca;
5. inclusione e coesione;
6. salute.

La Missione 3 dispone una serie di investimenti finalizzati allo sviluppo di una rete di infrastrutture di trasporto moderna, digitale, sostenibile e interconnessa.
Gran parte delle risorse è destinata all’ammodernamento e al potenziamento della rete ferroviaria, ma si prevede anche il completamento dei principali assi ferroviari ad alta velocità, l’integrazione fra questi e la rete ferroviaria regionale, la messa in sicurezza dell’intera rete.

Sono stati anche previsti interventi per la digitalizzazione del sistema della logistica, per migliorare la sicurezza di ponti e viadotti, e misure per innalzare la competitività, capacità e produttività dei porti italiani.
Il 29 aprile è stato anche approvato il decreto-legge che individua i programmi e ripartisce le risorse del Piano Nazionale per gli investimenti, integrando il PNRR con risorse nazionali (30,62 miliardi di euro per gli anni dal 2021 al 2026).

Il decreto-legge prevede quindi il Fondo complementare al PNRR e introduce nuove misure finalizzate alla realizzazione degli investimenti. Nel fondo complementare sono state previste risorse per:

  • le infrastrutture e la mobilità sostenibile – come rinnovo flotte, bus, treni e navi verdi
  • la sostenibilità ambientale dei porti e il miglioramento dell’accessibilità e della sicurezza delle stato.

Sono stati previsti anche altri 10,3 miliardi di euro per completare l’Alta velocità Salerno-Reggio Calabria e Milano-Venezia. Con questi due fondi aggiuntivi disponibili con decreto sarà possibile far partire subito gli interventi in ambito.
Il Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile avrà quindi 62 miliardi da spendere, 14 in più rispetto alla bozza di piano di gennaio.

  • 10,1 miliardi con il DDL del 29 aprile u.s. che ha istituito il fondo complementare
  • 40,71 miliardi previsti nel PNRR presentato all’UE il 30 aprile u.s.
  • 10,35 miliardi previsti con lo scostamento di Bilancio

A questo enorme flusso di finanziamenti in parte di provenienza PNRR e in parte da assegnazione di risorse nazionali, saranno applicate le medesime rigide regole UE riguardo alla definizione degli obiettivi, della progettazione, realizzazione e rendicontazione.

Nei prossimi giorni partirà il lavoro di analisi delle proposte per renderle coerenti ma dovranno soprattutto cambiare rapidamente le procedure autorizzative ed esecutive: senza un radicale cambiamento non sarà possibile raggiungere gli obiettivi previsti per il 2026 dal piano e si rischierà anche di perdere gli altri capitali privati che si sommerebbero solo se il piano assicurerà una vera e rapida crescita.
Non dovranno essere cambiate le sole procedure di appalto ma anche tutto il processo della programmazione e della progettazione degli interventi. Per questo motivo nel Piano sono state previste forti immissioni di nuove professionalità sia a livello centrale sia a livello territoriale con l’obiettivo di far partire rapidamente i progetti.

Anche il processo autorizzativo sarà rivisto al fine di velocizzare l’iter e di reingegnerizzarne le fasi di attuazione.
Molto importante sarà anche il coinvolgimento delle regioni e degli enti locali affinché si realizzi una sinergia nella gestione delle priorità e delle risorse da integrare con i fondi regionali disponibili.
Ad esempio, nel PNRR sono previsti investimenti per l’ultimo miglio su porti e aeroporti: di intesa con le regioni alcuni fondi regionali potranno integrare questi interventi.

Allo stesso modo ci sono i fondi per il Trasporto Pubblico locale per il rinnovo del parco pullman e gli altri fondi regionali potranno rafforzare tali iniziative.
Ci sono poi molti capitali privati che potranno sommarsi a tali investimenti pubblici se questi ultimi riusciranno a fare da volano per la ripresa economica del Paese.

Foto fonte Pixabay_meesgroothuis

Vito Coviello, Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei Trasporti e della Logistica



Contenuti correlati

  • Premio Tedesco per l’Innovazione alle pompe Seepex

    Seepex ha sviluppato la prima pompa a cavità progressiva con regolazione automatizzata. Il German Design Council ha premiato SCT AutoAdjust di Seepex con il Premio Tedesco per l’Innovazione. La tecnologia avanzata sviluppata nella regione tedesca della Renania...

  • Il percorso di digitalizzazione delle città

    La fondamentale domanda che il nostro Paese, colpito dalla pandemia da Coronavirus deve porsi riguarda come connotare il new normal, in altri termini quale percorso scegliere per uscire dalla crisi, frutto di quest’annus horribilis. Tornare alla situazione di...

  • La nuova frontiera dell’idraulica

    Bosch nel 2020 è diventata carbon neutral e da sempre l’ergonomia e l’efficientamento energetico fanno parte dei suoi obiettivi aziendali. Con la famiglia CytroBox, grazie al sistema integrato di Energy on Demand, l’azienda garantisce un risparmio energetico...

  • Giornata Mondiale dell’Ambiente: i consigli per un’infrastruttura IT (più) sostenibile

    Viviamo in un mondo sempre più digitale e ce ne siamo resi conto, ancora di più, nell’ultimo anno: il contesto di continuo cambiamento legato alla pandemia da Coronavirus ha infatti causato un repentino picco della domanda di...

  • Transizione energetica: come portare la ‘rivoluzione verde’ nelle aziende italiane

    La transizione energetica non è più rimandabile. Dal Green Deal dell’UE alla nuova amministrazione degli Stati Uniti che all’indomani delle elezioni sta cambiando rotta sulla politica climatica, passando per il Regno Unito che ha anticipato gli obiettivi...

  • Trasporto di persone e merci a zero emissioni lungo i corridoi autostradali

    L’Autostrada A35 Brebemi-Aleatica, ABB, Electreon, Fiamm Energy Technology, Iveco (brand di CNH Industrial), Iveco Bus, Mapei, Pizzarotti, Politecnico di Milano, Prysmian, Stellantis, TIM, Università Roma Tre e Università di Parma hanno annunciato l’avvio di una collaborazione finalizzata a...

  • Tecnologia e digitale al servizio dei cittadini nella mobilità green

    Scorrendo la lista degli obiettivi dell’unione europea, nel 2030 avremo: · una riduzione almeno del 40% delle emissioni di gas a effetto serra rispetto ai livelli del 1990 · una quota pari ad almeno del 32% di...

  • Come può l’eProcurement migliorare la sostenibilità?

    Di Francesco Gardenal, Product Owner Vortal L’importanza della sostenibilità è cresciuta costantemente negli ultimi anni e la pandemia Covid ha ulteriormente rinnovato l’attenzione verso questo tema, in particolare considerandone le implicazioni per il procurement. Se da un...

  • Idrogeno: chiave per la transizione energetica

    La filiera italiana dell’idrogeno è in rapido sviluppo e, se supportata adeguatamente, può avere un impatto decisivo sia per la transizione energetica che per la competitività economica del Paese. Questo il messaggio chiave che H2IT – Associazione...

  • Testo Unico Ambientale, allo studio nuovo iter autorizzativo 

    Per favorire l’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) è in corso di predisposizione il decreto che dovrebbe modificare il Testo Unico Ambientale (TUA) al fine ultimo di semplificare la produzione di energia da fonti rinnovabili. Il testo, composto da 20 articoli, si occupa di valutazione di...

Scopri le novità scelte per te x