Master Cineas per specialisti in green economy

Pubblicato il 14 gennaio 2015

Le aziende di tutti i settori sono esposte ai rischi di danno ambientale: dall’oil&gas, al chimico farmaceutico, ai trasporti, ma anche l’alimentare e il tessile. Specializzarsi in questo ambito significa quindi avere ampie possibilità d’impiego. Cineas organizza l’ottava edizione del corso in Environmental risk management, per cui sono disponibili agevolazioni e borse di studio per chi si iscrive entro gennaio 2015.

In Italia ci sono 3 milioni di green jobs; nel 2014, ci sono state 234.000 assunzioni di specialisti con competenze legate all’ambiente, ossia il 61% della domanda totale di lavoro, secondo i dati di GreenItaly 2014 – Rapporto Annuale di Unioncamere e Fondazione Symbola. L’indagine evidenzia, inoltre, che il manager del rischio ambientale si colloca tra le figure con le migliori prospettive di sviluppo per il futuro.

“Effettivamente è un professionista che può essere richiesto trasversalmente da aziende dei più diversi settori industriali e di tutte le classi dimensionali (piccole/medie/grandi realtà); non solo nei comparti più generalmente considerati ad alto impatto ambientale (come le grandi aziende chimico farmaceutiche, oil&gas e dei trasporti), ma anche da imprese tessili, alimentari e dalle municipalizzate”, commenta Giovanni Faglia coordinatore del Master Cineas ‘Environmental risk assessment and management’ che giunge quest’anno alla sua ottava edizione.

Che cosa vuol dire gestire il rischio ambientale? Le competenze dell’environmental risk manager. Un incidente con conseguenze sull’ambiente può essere un incendio nel magazzino di stoccaggio, uno scarico irregolare dei residui dei processi industriali, emissioni inquinanti. I rischi sono molteplici, quindi, nelle diverse fasi e funzioni produttive.

“In base alle più recenti normative in queste situazioni si delineano profili di responsabilità penale e civile con l’obbligo di bonifica e ripristino della situazione iniziale per l’imprenditore o per l’amministrazione pubblica che ha causato l’incidente”, spiega Faglia. “Questo vuol dire un danno economico immediato (che in media è dell’ordine di centinaia di migliaia di euro) a cui si può aggiungere l’interruzione temporanea dell’attività produttiva. È certo che questi avvenimenti creano conseguenze indiscutibili sull’immagine dell’impresa le quali, in alcuni casi, possono portare anche alla chiusura definitiva dell’azienda”.

Per svolgere la funzione di environmental risk manager sono indispensabili: esperienza tecnica, competenze giuridiche e conoscenze di alto livello in ambito assicurativo. “È un professionista che dialoga con tutte le funzioni aziendali e si caratterizza per avere una formazione multidisciplinare, una spiccata capacità di innovazione e un’attenzione focalizzata sulla formazione continua”, puntualizza Faglia. “Infatti, i prodotti assicurativi si evolvono, le normative vengono aggiornate costantemente, le tecnologie di produzione e i processi si modificano. Proprio per la sua funzione strategica il risk manager ambientale nell’organigramma aziendale è alle dirette dipendenze del top management e contribuisce a delineare le strategie d’indirizzo del business. In taluni casi gestisce direttamente un budget dedicato. Certamente, è l’anello di congiunzione tra l’azienda e i consulenti esterni in ambito legale ed assicurativo”.

L’offerta Cineas per la formazione del risk manager ambientale è concepita per professionisti con esperienza in: imprese industriali, enti pubblici, società di bonifica, ambito legale, mondo peritale, broker e società di consulenza. Si tratta di un corso intensivo di 80 ore, concentrate nell’intera giornata del venerdì, a partire dal 13 marzo fino a giugno 2015. Le lezioni si svolgeranno presso la sede del Politecnico di Milano, in Piazza Leonardo Da Vinci, 32 a Milano.

“La formula che abbiamo scelto è particolarmente adatta per chi già lavora”, commenta il coordinatore del master, “sia nei tempi sia nelle modalità di erogazione. La presentazione dei contenuti è organizzata in moduli che coprono le diverse tipologie di rischio ambientale (suolo, aria e acqua), vengono affrontati i profili giuridici, si illustrano le principali coperture assicurative e viene proposta una rassegna delle procedure di bonifica. Ogni docente associa ad una parte teorica molto accurata una serie di casi pratici esemplificativi”. È previsto un esame finale.

Il master ha un costo di 2.000 euro (esente da Iva) e le iscrizioni scadono il 27 febbraio 2015. Per chi si iscrive entro il 27 gennaio è previsto uno sconto del 10% sulla quota di partecipazione. Sono, inoltre, disponibili borse di studio a copertura parziale dei costi; chi desideri partecipare all’assegnazione delle borse deve farne specifica richiesta entro il 6 febbraio.

Maggiori dettagli sono a disposizione sul sito del Consorzio Cineas.

Secondo i più recenti dati Isfol, nel 2013, in Italia fra le 50.000 e le 55.000 persone hanno optato per una formazione ambientale; in totale sono stati 2.200 i corsi di formazione erogati in materia. Negli ultimi 3 anni, nel 70,7% dei casi si è trattato di attività di formazione continua con una crescita significativa degli ambiti: bonifiche, monitoraggio, controllo e sicurezza ambientale.

In questo contesto, Cineas ha pionieristicamente avviato il suo percorso di specializzazione in gestione dei rischi ambientali già nel 2007. In totale ha formato tra i 110 e 120 environmental risk manager. I diplomati del master sono in maggioranza uomini, ma con una buona presenza femminile, sono localizzati nel nord Italia e hanno un’età media fra i 35 e i 40 anni. Un’indagine interna svolta sugli ex studenti della settima edizione ha evidenziato che la maggioranza ha riscontrato un impatto positivo del master rispetto alla propria carriera, il quale in taluni casi si è già concretizzato in maggiori opportunità di business e promozioni.

 

Consorzio Cineas: http://www.cineas.it



Contenuti correlati

  • Energy Trainer EnergRed
    Professioni del futuro: arriva il Solar Energy Trainer

    La sostenibilità paga. E non è solo un modo dire perché con l’iniziativa di EnergRed da oggi è possibile scegliere un percorso di alta formazione retribuito per diventare Solar Energy Trainer, mettendosi alla prova nella prospettiva di...

  • Simplifhy Its Green
    Mobilità sostenibile, Simplifhy entra nel progetto didattico Its Green

    Simplifhy è stata scelta dalla Fondazione Its Green per partecipare attivamente alla progettazione didattica, docenza e accoglienza degli iscritti al corso di specializzazione tecnica post diploma dedicato alla mobilità sostenibile. La Fondazione Its Green è l’Istituto tecnologico...

  • Iride Acque reflue
    Una tecnologia per depurare le acque reflue con costi minimi

    Iride Acque si è ispirata a una tecnologia usata in passato per depurare l’aria: l’ha modificata e applicata al trattamento dei reflui industriali. Ha trasformato così un processo estremamente costoso in un obiettivo alla portata di tutte...

  • Ridurre le emissioni legate all’home delivery

    L’ascesa dell’home delivery, sulla spinta anche delle prossime festività natalizie con la corsa ai regali, mette a rischio la salute del Pianeta. I veicoli che si occupano delle consegne dei pacchi a domicilio sono responsabili, oggi, del...

  • Biosuveg biostimolanti
    Meno acqua e fertilizzanti per i pomodori con i biostimolanti di Biosuveg

    La sostenibilità in agricoltura è un valore sempre più citato e ricercato, ma non sempre è facile identificare soluzioni che vadano in questa direzione mantenendo la soddisfazione dei consumatori. La riduzione dell’apporto di acqua e fertilizzanti è...

  • Festo elegge i vincitori del 1° Global Festo Sustainability Award

    Il 17 novembre le sei squadre vincitrici del primo Global Festo Sustainability Award hanno ricevuto i trofei dalla quarta generazione della famiglia Stoll, e da diversi membri del Consiglio di Amministrazione di Festo, durante i festeggiamenti presso il Festo...

  • Sato etichette linerless solubili
    Packaging e riciclo: le etichette Sato sono solubili in acqua

    Sato, multinazionale giapponese che fornisce soluzioni per l’identificazione automatica e per la tracciabilità dei prodotti, ha avviato un’analisi interna con l’obiettivo di identificare soluzioni concrete da proporre ai partner e ai clienti finali interessati a valorizzare gli...

  • A Ecomondo 2022 Siemens presenta soluzioni integrate per il settore idrico

    “Giving the best for our most precious resource. For an efficient and sustainable water industry” (“Dare il meglio per la nostra risorsa più preziosa. Per un settore idrico efficiente e sostenibile”): con questo motto, Siemens partecipa a...

  • Alisea potenzia il monitoraggio da remoto degli impianti HVAC

    La qualità dell’aria, outdoor e indoor, riveste sempre più un ruolo di vitale importanza, soprattutto alla luce degli effetti negativi sulla salute causati da una prolungata esposizione all’inquinamento atmosferico. Tra i fattori più dannosi vi è sicuramente...

  • Siemens al Festival dell’Acqua 2022

    La manifestazione, ideata e promossa da Utilitalia, propone tre giorni di riflessioni e approfondimenti con esponenti della politica, tecnici ed esperti del settore. Il contenimento degli effetti dei cambiamenti climatici, la digitalizzazione, l’impatto del Piano Nazionale di...

Scopri le novità scelte per te x