I dati di consumo del riscaldamento diventano mensili

Pubblicato il 7 gennaio 2022
qundis riscaldamento

A partire dal 1° gennaio 2022, le informazioni sui consumi del riscaldamento domestico dovranno essere fornite mensilmente e gli utenti potranno farne richiesta quando desiderano. È quanto stabilito dall’Unione Europea secondo cui “laddove siano stati installati ripartitori o contabilizzatori di calore leggibili da remoto, le informazioni sulla fatturazione o sul consumo devono essere fornite agli utenti almeno una volta al mese”.

Si tratta del secondo importante step previsto dalla direttiva UE sull’efficienza energetica (EED), che segue quello datato ottobre 2020 secondo cui, a partire da tale data, i contatori installati e i ripartitori dei costi del calore devono essere necessariamente leggibili da remoto.

Con la nuova imminente scadenza del 1° gennaio, quindi, negli immobili a lettura remota, le informazioni di fatturazione o di consumo non potranno più essere fornite ai residenti due volte all’anno come accadeva in precedenza ma avranno necessariamente cadenza mensile.

Quali vantaggi porta questa novità? Secondo Matteo Birindelli, Country Manager di Qundis in Italia “innanzitutto, la contabilizzazione e l’accantonamento dei dati nel corso dell’esercizio sarà possibile in qualsiasi momento, non saranno più necessarie stime. Non solo, la disponibilità mensile di queste informazioni implica la possibilità di essere costantemente aggiornati sui propri dati di consumo, così che si possa disporre di tutte le indicazioni necessarie a modificare le proprie abitudini: solo un puntuale quadro delle proprie spese porta ad economizzare veramente l’utilizzo delle risorse a propria disposizione.”

Un provvedimento essenziale per evitare consumi eccessivi, dunque, e quantificare l’esatta portata di quanto si è speso nel corso del mese. Misura quanto mai necessaria a seguito del caro bollette registrato ad ottobre 2021. Basti pensare che In termini di effetti finali, riguardo all’elettricità, nel 2021 la spesa annuale per la famiglia-tipo è di circa 631 euro, con una variazione del +30% rispetto al 2020 (corrispondente ad un aumento di circa 145 euro su base annua). Invece, la spesa annuale della famiglia-tipo per la bolletta gas nel 2021 è di circa 1.130 euro, con una variazione del +15% circa rispetto al 2020 (corrispondente ad un aumento di circa 155 euro su base annua (fonte: Arera).

Ma questo percorso di riqualificazione previsto dalla direttiva UE sull‘efficienza energetica non si esaurisce qui. A partire dal 1° gennaio 2027, infatti, tutte le proprietà dovranno essere convertite in lettura remota. Come si legge nella Direttiva UE 2018/2002, i contatori non rimovibili e i ripartitori dei costi del calore già installati devono essere dotati di questa funzione o sostituiti da dispositivi leggibili da remoto entro il 1° gennaio 2027.



Contenuti correlati

  • Rittal a Key Energy 2022

    A Key Energy 2022, fiera di riferimento su energie rinnovabili, sistemi di accumulo, efficienza energetica, mobilità sostenibile e smart grid, che si terrà a Rimini dall’8 all’11 novembre 2022, Rittal presenterà le proprie soluzioni per l’uso sostenibile dell’energia, come...

  • Ammagamma consumi IA energia
    6 soluzioni per ridurre l’impatto dei consumi sulla produzione

    Più che raddoppiato. Secondo i dati dell’Authority per l’Energia, negli ultimi 6 anni il prezzo dell’energia al consumo ha subito rincari continui, fino ad arrivare, al principio del 2022, al doppio rispetto al 2016. Un mese prima...

  • smc pressione di esercizio
    Ridurre la pressione di esercizio per migliorare l’efficienza energetica

    di Andy Still, Industry Projects Manager, Energy, SMC Europe Nella maggior parte degli impianti industriali la pressione di esercizio standard (o alimentazione pneumatica principale) si aggira tra i 6 ed i 7 bar. Tuttavia, diminuendo semplicemente la...

  • PNRR ed efficientamento energetico: una grande occasione

    Come si evince dal bilancio elettrico di Terna, la sanità e l’assistenza sociale pubblica rappresentano il primo “consumatore” di energia del settore pubblico italiano, con il 31% del totale. Un ambito che si può efficientare è quello...

  • Vertiv Keele University
    Vertiv rende più efficiente il data center della Keele University

    Vertiv è stato selezionato dalla Keele University con sede a Staffordshire, nel Regno Unito, per la fornitura di un sistema formato da gruppo di continuità (UPS) ad alta efficienza energetica e batterie di backup. Le nuove soluzioni...

  • Autosufficienza energetica contro il caro bolletta: il caso di Amara

    Aumenti insostenibili per le aziende e le imprese di ogni tipo, il caro energia rischia di mettere in ginocchio il tessuto produttivo di un intero Paese, con aumenti delle utenze luce e gas da capogiro. Pur non...

  • Eurosets verso l’autonomia energetica grazie alla trigenerazione di AB

    Il settore biomedicale, fiore all’occhiello dell’eccellenza produttiva italiana, in questi ultimi anni è più che mai attento a conciliare la crescita economica con l’efficienza energetica e la sostenibilità ambientale, per il bene del pianeta. Tra le aziende...

  • Digital Energy Efficiency Report 2022

    Industria ed efficienza energetica, presentati i dati del Digital Energy Efficiency Report 2022 a cura dell’Energy&Strategy della School of Management del Politecnico di Milano Leggi l’articolo

  • Atlas Copco da anni al fianco di Sanofi, nel suo stabilimento di Scoppito

    La sfida per ridurre i consumi delle sale compressori è sempre aperta, a causa dell’evoluzione tecnologica costante. Del resto, in ambito industriale il problema della corretta gestione del vettore aria compressa è molto rilevante: si pensi che...

  • idrogeno energia
    Idrogeno, in Italia domanda a +3000% entro il 2025

    Siamo nel mezzo di una fase cruciale che determinerà lo scenario energetico globale dei prossimi 30 anni. Tra le tante incertezze che agitano il settore in questi ultimi mesi emerge una realtà: siamo entrati nell’era dell’idrogeno. Il...

Scopri le novità scelte per te x