Gifco: da oltre 60 anni il cuore “verde” del cartone ondulato

Oggi l’80% degli imballaggi prodotti dalle aziende associate a Gifco (Gruppo Italiano Fabbricanti Cartone Ondulato) è realizzato con carta riciclata, mentre la fibra vergine proviene da foreste gestite in modo sostenibile.

Pubblicato il 4 ottobre 2013

Il cartone ondulato è uno dei materiali da imballaggio più eco-sostenibili in circolazione, è naturale al 100%, rinnovabile e biodegradabile; oltre a questo è molto resistente ed estremamente versatile. Ogni anno, con questo materiale, in Italia vengono prodotte circa 3,5 milioni di tonnellate di imballaggi, ovvero oltre 6 miliardi di metri quadri di superficie. Queste caratteristiche, che ne fanno il packaging ideale per la protezione e il trasporto dei prodotti, diventano certezza di risultati grazie a Gifco, il Gruppo Italiano Fabbricanti Cartone Ondulato, che nasce nei primi anni ‘50 e che da allora concentra la sua attività nel garantire elevati standard qualitativi nella produzione e nello sviluppo di soluzioni volte al risparmio delle risorse, alla riduzione dell’impatto ambientale e alla protezione del patrimonio forestale.

Con 4 miliardi di euro di fatturato, oltre 15 mila addetti e oltre 3,1 milioni di tonnellate di cartone ondulato prodotte nel 2012 dalle imprese associate Gifco è, come associazione, il secondo produttore di cartone ondulato a livello europeo. E rappresenta un comparto produttivo che, a dispetto della crisi, si conferma ancora sostanzialmente stabile: i dati del primo semestre 2013 portano infatti un segno appena negativo, i volumi di produzione registrano una contrazione del -0,4% rispetto al 2012. Tuttavia queste previsioni ottimistiche sono smorzate da un problema che sta diventando sempre più contingente: l’aumento dei costi della materia prima, che è cresciuto notevolmente negli ultimi anni e che sta mettendo in seria difficoltà le imprese del settore, creando forti tensioni nel mercato dell’imballaggio.

A lanciare l’allarme è Gifco, con una nota del presidente del Gruppo, Piero Attoma: “In un contesto generale in cui l’intero sistema produttivo italiano continua ad essere segnato dalla crisi economica e dei consumi, il nostro comparto tiene, registrando contrazioni di volumi appena negative e performance migliori rispetto a quelle di altre filiere. Tuttavia ci preoccupa il crescente aumento del costo della materia prima, che sembra destinato a perdurare nel tempo. Secondo i dati a nostra disposizione tutte le tipologie di carta per ondulatori negli ultimi mesi hanno subito rincari: in meno di un anno la carta ha consolidato incrementi di prezzo che superano il 15%. Il timore è che questo aumento dei costi di produzione, difficile da recuperare per via di un mercato e un’economia nazionale deboli, possa danneggiare uno dei pochi settori in Italia che riesce ancora a mantenersi stabile e a garantire occupazione”.

Nell’ultimo periodo, sottolineano inoltre da Gifco, si sta assistendo anche ad un contingentamento della carta proveniente dall’estero: i principali produttori stranieri di carta stanno concentrando le vendite su mercati del Nord Europa, lasciando così ridotti i quantitativi a disposizione dell’Italia. Il calo dell’offerta sul mercato nazionale sta generando un ulteriore aumento del costo della carta proveniente dall’estero e una maggiore domanda per la materia prima di provenienza nazionale, con un relativo incremento dei costi anche di quest’ultima.

Il cartone ondulato è uno dei materiali da imballaggio più eco-sostenibili, è naturale al 100%, rinnovabile e biodegradabile; oltre a questo è molto resistente ed estremamente versatile. Queste caratteristiche, che ne fanno il packaging ideale per la protezione e il trasporto dei prodotti, diventano certezza di risultati grazie a Gifco, che nasce come associazione nei primi anni Cinquanta e che da allora è impegnato a garantire elevati standard qualitativi nella produzione e orientato verso soluzioni volte al risparmio delle risorse, alla riduzione dell’impatto ambientale e alla protezione del patrimonio forestale.

La presenza di Gifco, per il tramite di Assografici, nel consiglio di amministrazione di Comieco (il consorzio del sistema Conai che si occupa di garantire il riciclo e il recupero degli imballaggi cellulosici) fa in modo che il cartone ondulato abbia un ruolo attivo nella promozione della raccolta e del riciclo. I dati del comparto dicono che, ad oggi, l’80% degli imballaggi in cartone ondulato prodotti dalle aziende associate a Gifco è realizzato con carta riciclata. A loro volta gli imballaggi in cartone ondulato, una volta giunti a fine vita, sono riciclabili nella loro totalità.

La fibra vergine (utilizzata per una parte di produzione specifica tra cui anche quella dedicata al comparto alimentare) proviene invece da foreste gestite in modo sostenibile. In particolare, di concerto con l’industria cartaria, vengono applicate politiche di forest management atte a non far esaurire, anzi a far crescere le risorse forestali (per ogni albero tagliato ne vengono piantati tre). Inoltre, gli alberi più giovani introdotti nel sistema hanno processi di fotosintesi più accelerati e quindi sono in grado di assorbire dall’atmosfera una maggiore quantità di CO2. Il cartone ondulato, quindi, permette non solo di rispettare l’ambiente, ma anche di rinnovarlo.

Infine il settore ha avviato da qualche anno una riduzione della grammatura media della scatola, che ha permesso di diminuire la quantità di imballaggi immessi di oltre 850 mila tonnellate. Questa strategia ha consentito di evitare il riempimento di cinque discariche di medie dimensioni.

 

Gifco: http://gifco.org

Comieco: http://www.comieco.org

Conai: http://www.conai.org



Contenuti correlati

  • PNRR ed efficientamento energetico: una grande occasione

    Come si evince dal bilancio elettrico di Terna, la sanità e l’assistenza sociale pubblica rappresentano il primo “consumatore” di energia del settore pubblico italiano, con il 31% del totale. Un ambito che si può efficientare è quello...

  • All4Pack 2022 packaging
    Carta, cartone e biomateriali nel futuro del packaging – ma la plastica non scomprarirà

    Il salone All4Pack (21-24 novembre 2022, Paris Nord Villepinte) vuole essere una fonte d’ispirazione per supportare tutti gli attori del settore fornitori di packaging e industrie utilizzatrici di fronte alle sfide presenti e future, decodificando le evoluzioni...

  • Siccità: intelligenza artificiale e analitiche avanzate possono aiutare a contrastare l’emergenza

    Il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) ha stimato nel 41% la quota di acqua a uso civile che viene dispersa dalle reti. Un dato confermato anche dall’ultimo rapporto Istat 2021, secondo cui in Italia ogni...

  • Vodafone Italia fra i Leader della Sostenibilità 2022

    Vodafone Italia si aggiudica il sigillo di “Leader della Sostenibilità 2022” ed entra a far parte del ranking di Statista, azienda leader delle ricerche di mercato che, in collaborazione con Il Sole 24 Ore, raccoglie le 200...

  • Imballaggi: BTicino vince il premio EcoPack 2021

    Si è chiusa l’ottava edizione del “Bando Conai per l’eco-design degli imballaggi nell’economia circolare – Valorizzare la sostenibilità ambientale degli imballaggi”, iniziativa volta a premiare le soluzioni di packaging più innovative ed ecosostenibili immesse sul mercato. Promosso da...

  • Utility protagoniste di un futuro ‘net zero’

    Come possiamo arrivare a ridurre le emissioni di CO₂ e quindi a contenere il riscaldamento globale entro il 2030? Partendo dall’elettricità, un’energia flessibile, che può essere prodotta in modo sostenibile e alimentata da fonti rinnovabili Leggi l’articolo

  • technomelt-supra-eco henkel
    Adesivi Henkel per uso industriale con carbon footprint negativa

    Technomelt Supra 081 Eco di Henkel rappresenta l’ultima generazione di adesivi hot melt che, con l’81% di materie prime a base biologica, assicura altissimi livelli di prestazioni e, al tempo stesso, una carbon footprint negativa. Pensato per...

  • Etna vulcano emissioni CO2
    Vulcani, l’Etna emette quantità eccezionali di CO2

    L’Etna emette quantità di CO2 molto superiori a quelle di altri vulcani attivi e ciò si deve a serbatoi di carbonio profondi presenti sotto l’Italia meridionale, che liberano anidride carbonica a causa del movimento della placca ionica....

  • Economia circolare: riciclare la plastica per il packaging alimentare

    Il gruppo Pro Food, che raccoglie aziende italiane produttrici di contenitori in materie plastiche destinati al confezionamento, alla distribuzione e al consumo di alimenti e bevande, ha l’ambizioso obiettivo di incrementare la sostenibilità globale dei contenitori in plastica per cibi...

  • Rhenus Italia e CMA CGM
    Rhenus Italia e CMA CGM insieme per l’ambiente

    La divisione Air & Ocean di Rhenus Italia, insieme a CMA CGM ed in partnership con PUR Projet, parteciperà a due progetti in Cina e Honduras che compenseranno l’impatto ambientale per un totale di 177 tonnellate di...

Scopri le novità scelte per te x