Energia dalle rinnovabili termiche: più incentivi ai privati

I ministri dello Sviluppo economico, dell’Ambiente e delle Politiche agricole hanno presentato a Ecomondo la struttura e i contenuti principali del decreto ministeriale sulle rinnovabili termiche.

Pubblicato il 9 novembre 2012

Ieri i ministeri dello Sviluppo economico, dell’Ambiente e delle Politiche agricole hanno reso pubblico lo schema di decreto ministeriale che regola l’incentivazione per l’impiego delle fonti rinnovabili nell’energia termica (riscaldamento a biomassa, pompe di calore, solare termico e solar cooling) e per le misure adoperate nella messa in efficienza energetica degli edifici pubblici

Il provvedimento è stato approvato con un ritardo di oltre 400 giorni rispetto alla scadenza fissata, ma è un passo indispensabile nell’iter delle politiche di riconversione del sistema energetico nazionale in modalità sostenibile al quale l’Italia è vincolata dagli obiettivi imposti dalla direttiva dell’Unione europea “20-20-20”: entro il 2020 il nostro Paese dovrà raggiungere le quote del 17% di energia prodotta da fonte rinnovabile e del 20% nel miglioramento dell’efficienza.

Il Ministero dell’Ambiente ha dichiarato che in merito alle fonti rinnovabili termiche “il nuovo sistema incentivante promuoverà interventi di piccole dimensioni, tipicamente per usi domestici e per piccole aziende, comprese le serre, fino ad ora poco supportati da politiche di sostegno”. Sarà quindi più agevole per i privati e per le imprese fare fronte all’investimento per installare nuovi impianti rinnovabili ed efficienti (con una spesa di alcune migliaia di euro) anche grazie a un incentivo che ammortizzerà in media il 40% dell’investimento e che verrà stanziato in 2 anni (5 anni per gli interventi più impegnativi).

Nel comunicato del Ministero dell’Ambiente si legge ancora: “Per quel che riguarda invece gli incentivi all’efficienza energetica per la Pubblica Amministrazione, il provvedimento aiuta a superare le restrizioni fiscali e di bilancio che non hanno finora consentito alle amministrazioni di sfruttare pienamente le potenzialità offerte dal risparmio energetico. I nuovi strumenti daranno dunque un contributo essenziale anche al raggiungimento degli obiettivi europei in termini di riqualificazione energetica degli edifici pubblici, dando a questo settore un ruolo di esempio e guida per il resto dell’economia”.



“Lo Stato si prende l’impegno di pagare una quota importante dell’investimento di famiglie e pubblica amministrazione per l’efficienza in campo energetico: parliamo del 40% dell’investimento per cifre che sfiorano i 900 milioni di euro all’anno”, ha dichiarato agli Stati generali della green economy, durante Ecomondo a Rimini, il ministro Passera presentando il provvedimento.

Mentre il ministro Clini ha affermato: “Abbiamo 700 milioni di euro all’anno per i privati e 200 milioni per le amministrazioni pubbliche per tutto il tempo della durata degli investimenti. Le risorse sono reperite sulla bolletta elettrica e sulla bolletta del gas per il tempo necessario. È un intervento”, ha puntualizzato Clini, “che non prevede incentivi per impianti industriali e che quindi esclude di per sé forme di speculazione finanziaria: è tarato in modo tale da consentire il pay-back dell’investimento degli impianti, questo dalla combinazione dell’incentivo che viene dato, fino al 40%, col risparmio che si ottiene nel consumo di gas”.

“Abbiamo modellato questo intervento”, afferma Clini, “per creare nel nostro Paese una filiera produttiva di questi impianti e mettere in moto un sistema che nell’arco di poco tempo potrebbe sostenersi autonomamente senza incentivi”.

Dopo la messa a punto e l’approvazione del decreto che regola la produzione di energia da fonti rinnovabili termiche, ora il prossimo obiettivo, sottolineato dal ministro Passera, è legato alla definizione dei certificati bianchi.
 



Contenuti correlati

  • Alps4GreenC biomasse biochar
    Agricoltura sostenibile, trasformare le biomasse in biochar

    Il laboratorio Bioenergy & Biofuels al NOI Techpark, diretto dal prof. Marco Baratieri, è uno dei partner del progetto Alps4GreenC, finanziato dal programma Interreg Alpine Space, che mira alla creazione di una catena di valore transnazionale basata...

  • Fabio Pascali Cloudera data analytics
    Data analytics per ottimizzare il settore energetico

    Di Fabio Pascali, Regional Director Italy, Cloudera Il passaggio alle energie rinnovabili ha un impatto significativo sui processi di produzione e distribuzione energetica e deve essere gestito con attenzione. Utilizzare i dati in maniera efficiente sarà fondamentale...

  • 24,9 GWp di potenza totale installata in Italia al 31 dicembre 2022

    Al 31 dicembre 2022 gli impianti fotovoltaici avranno superato i 2,2 GWp (+145% rispetto al 2021), permettendo così all’Italia di raggiungere i 24,9 GWp di potenza totale installata, ovvero il 35% dell’obiettivo PNIEC al 2030. Questi i...

  • Tre impianti fotovoltaici da 112 MW in Italia

    Enfinity Global Inc ha chiuso un finanziamento a lungo termine del valore di 142 milioni di euro, finanziamento IVA e LCs facilities, per la costruzione in Italia di tre centrali a energia solare, per un totale di...

  • Le comunità energetiche rinnovabili: uno scenario possibile

    La situazione attuale per quanto riguarda il comparto energetico è molto delicata e dal futuro estremamente incerto. Quale può essere l’apporto delle comunità energetiche rinnovabili? Infatti i costi dell’energia sono molto volatili e ciò sta avendo un...

  • Green Tech: sono 78 gli unicorni del settore. E l’Italia cerca il suo

    South Pole, fondata in Svizzera e operante in 50 paesi con 23 sedi e 700 dipendenti, opera nel crescente settore della mitigazione climatica. Negli ultimi 7 anni le startup green che hanno assunto valorizzazioni superiori al miliardo...

  • Crisi energetica: il sentiment e le “buone azioni” degli italiani

    Con l’inverno ormai alle porte, i timori legati ai blackout elettrici ed energetici sono sempre più accentuati. Un recente studio di reichelt elektronik, commissionato alla società di ricerca OnePoll, ha evidenziato le preoccupazioni di un campione di...

  • Caos energia: la bussola di RePowerEU

    Oltre 26.000 cittadini hanno espresso il loro sostegno alle azioni dell’Unione Europea (UE) nel campo dell’energia: è quanto emerge dal sondaggio ‘Flash Eurobarometro 506’, condotto nei 27 Stati Membri in aprile e pubblicato a maggio 2022… Leggi...

  • Come combattere l’aumento dei costi dell’energia con le termocamere

    La crisi energetica globale sta colpendo duramente i privati e le aziende in tutto il Regno Unito e l’Europa, e molte persone ritengono che i costi dell’energia siano fuori controllo. Secondo il Dipartimento per l’energia, le imprese...

  • Elmec Solar comunità energetiche
    Le comunità energetiche rinnovabili potrebbero garantire il 40-45% del fabbisogno energetico italiano

    Le comunità energetiche possono essere una risorsa strategica per il fabbisogno nazionale ma l’Italia sconta ancora un ritardo dovuto alla mancanza di adeguati decreti attuativi, che consentano un’accelerazione nello sviluppo di questo asset importante per l’approvvigionamento energetico...

Scopri le novità scelte per te x