Economia dell’idrogeno: alta pressione per un efficiente stoccaggio energetico

Atlas Copco, con più di sessant’anni di esperienza nella compressione di gas naturale e idrogeno, è pronta a supportare la nuova sfida della green economy

Pubblicato il 20 maggio 2021

I compressori hanno un ruolo fondamentale per l’economia dell’idrogeno: questo gas, infatti, per essere utilizzato in modo efficiente deve essere immagazzinato ad alta pressione, aumentando la densità energetica per volume. In funzione del contesto in cui l’idrogeno è applicato, è possibile identificare la pressione più adatta a cui deve essere sottoposto, per garantire il miglior equilibrio fra spesa energetica e spazio disponibile per l’accumulo.

Atlas Copco ha più di sessant’anni di esperienza nella compressione di gas naturale e idrogeno, e una base installata nel mondo di circa un migliaio di compressori di cui quindici utilizzati in Italia per comprimere l’idrogeno. L’azienda annovera tra i suoi prodotti una gamma di compressori ampia e modulare con un range di pressioni che può giungere fino a 1.000bar (*) per soddisfare le esigenze dei diversi settori di applicazione.
Di seguito alcune aree applicative nelle quali l’utilizzo dell’idrogeno sarà determinante nei prossimi anni con l’indicazione, per ciascuna di esse, della pressione di riferimento.

In ambiente industriale, l’idrogeno, prodotto in loco, è solitamente immagazzinato a 250bar. La stessa pressione è utilizzata oggi nei carri bombolai usati per il suo trasporto, anche se si nota in Europa una evoluzione verso 300bar e i 500bar: alzare la pressione di stoccaggio permette infatti di immagazzinare maggiori quantitativi di idrogeno per unità di volume consentendo un carico maggiore e movimentazione più efficiente.

Il settore dei trasporti utilizza l’idrogeno a 350bar/35Mpa (**), in particolare per i mezzi pesanti, ed è al momento uno dei settori di mercato più interessanti. Per le autovetture si sta andando invece verso 700bar/70Mpa, in modo da garantire la ricarica veloce e aumentare l’autonomia, quindi i chilometri percorribili tra un pieno e l’altro. Sempre per quanto riguarda il settore dei trasporti, vale la pena citare la regola tecnica approvata dal decreto del Ministero dell’Interno il 23 ottobre 2018 in base alla quale l’Italia si è adeguata agli standard internazionali per la costruzione delle stazioni di rifornimento di idrogeno per autotrazione. Tale regola tecnica tratta della prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio degli impianti di distribuzione di idrogeno per autotrazione.

Interessante anche il “power to gas”, in cui l’idrogeno è utilizzato per immagazzinare l’energia in esubero prodotta dagli impianti di produzione non programmabili, fotovoltaici e/o eolici.
Nei momenti di scarsa produzione dell’impianto sarà la fuel cell (pila a combustibile), alimentata dall’idrogeno prodotto da un elettrolizzatore e stoccato a 250bar, a produrre l’elettricità da immettere in rete in un secondo momento, quando necessario.
Altri settori di interesse sono poi l’industria chimica, in cui è utilizzato anche come reagente, e quello della microelettronica.

Atlas Copco è già attiva in diverse aree di mercato in cui l’idrogeno avrà presto un ruolo fondamentale. Nel settore dei trasporti ha in corso progetti in Italia e all’estero: in Olanda, Germania e Regno Unito sta lavorando, in collaborazione con diversi partner, alla creazione di stazioni di rifornimento. In Spagna è impegnata nel progetto di realizzazione della più grande stazione di rifornimento idrogeno d’Europa e in Italia sta collaborando per una stazione di rifornimento di autobus a idrogeno con erogazione a 35Mpa, dove sarà installato un compressore da 450bar completo di cabinato in cemento armato. L’azienda sta anche lavorando al progetto di un sistema per comprimere l’idrogeno che dovrà alimentare, in miscela con il metano, una turbina a gas.

“Il settore dell’idrogeno si sta muovendo rapidamente e il suo ruolo nella transizione energetica è stato confermato ultimamente dal Recovery Plan”, afferma Elena Marazzi, Product Marketing Manager di Atlas Copco, “Riteniamo di poter contribuire attivamente allo sviluppo di questo mercato, grazie alla consolidata esperienza e all’ampia gamma d’offerta. Possiamo infatti offrire soluzioni personalizzate per qualsiasi tipo di esigenza, garantendo consulenza tecnica prevendita e supporto tecnico durante lo sviluppo del progetto. La nostra presenza globale, con customer center locali in più di 180 paesi, garantisce assistenza tecnica tempestiva anche all’estero”.

L’offerta di Atlas Copco prevede compressori a pistoni Oil-free con configurazione orizzontale, bilanciata e contrapposta per portate fino a 11.000Nm3/h e pressioni fino a 80bar, adatte all’alimentazione nel settore industriale e nell’oil&gas, e compressori a trasmissione idraulica con range di pressione 250bar, 450bar, 700bar e 1.000bar, particolarmente adatti alle applicazioni della mobilità e dello stoccaggio. Le caratteristiche principali di questi ultimi sono:

1. semplicità di installazione: grazie alla trasmissione idrostatica a bassa frequenza che non richiede fondazioni o fissaggi di alcun tipo;
2. flessibilità di utilizzo: ossia la possibilità di interrompere l’erogazione del gas istantaneamente per riprenderla in qualsiasi momento senza necessità di sfiatare il compressore;
3. lunga vita utile di tutti i componenti: infatti il pistone nel suo moto alternativo lavora a una velocità molto inferiore rispetto a quella di altre tipologie di compressori, riducendo l’usura degli organi di tenuta;
4. possibilità di monitoraggio da remoto.

Per il settore dei trasporti sono disponibili soluzioni complete, con uno o più salti di compressione, sistema di raffreddamento e container/cabinato.
Per il mercato italiano, in particolare, le soluzioni prevedono cabinati in calcestruzzo armato compatibili con la normativa vigente.

Partecipare all’economia dell’idrogeno è una conferma dell’impegno di Atlas Copco nel supportare una produttività sostenibile, realizzando prodotti che rispettino i più alti livelli di qualità e fornendo soluzioni con un minimo impatto ambientale.

(*) Il bar è l’unità di misura della pressione nel sistema CGS, chiamato anche Sistema di Gauss
(**) Pa è l’unità di misura della pressione derivata del sistema internazionale. È equivalente a un newton su metro quadrato

 



Contenuti correlati

  • Atlas Copco compressori
    Meno emissioni di CO2 e assenza di terre rare nei compressori Atlas Copco

    L’innovazione tecnologica è fondamentale per vincere le sfide ambientali: Atlas Copco, che nel 1994 ha lanciato sul mercato i primi compressori d’aria con azionamento a velocità variabile (VSD Variable Speed Driver) con risparmi energetici fino al 35%,...

  • Atlas Copco Steri
    Apparecchiature ad aria compressa, Atlas Copco acquisisce Steri

    Atlas Copco ha acquisito Steri, distributore italiano di apparecchiature di aria compressa e servizi correlati. I clienti dell’azienda sono principalmente imprese industriali attive in Piemonte e Valle D’Aosta. Grazie a questa acquisizione Atlas Copco consolida la sua presenza...

  • “Coltiviamo energia”: il progetto di ener2crowd per il gruppo Falck

    Il sole abbonda in Italia, ma le Regioni più esposte non vanno in testa alle classifiche del fotovoltaico: sul podio, invece, Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna che insieme vantano circa 300 mila impianti a servizio di famiglie ed...

  • Un primo ‘bilancio’ sui green bond: superati hgli 1,4 trilioni

    In quanto partner ufficiale del ‘National Geographic Fest 2021’, Ener2Crowd, la piattaforma italiana di lending crowdfunding ambientale ed energetico, ha deciso di compiere un passo fondamentale in ottica di consolidare il valore “benefit” della sua mission, facendo...

  • Alberto Dossi, Presidente di H2IT idrogeno
    Osservatorio H2IT, per il settore dell’idrogeno è previsto il boom

    Centrale nel PNRR, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e nel Green Deal europeo, all’idrogeno viene dato sempre più peso come attore chiave per la transizione energetica. Italia ed Europa lavorano allo sviluppo di una filiera...

  • decarbonizzazione economist impact
    12 tecnologie per la decarbonizzazione delle città

    Le tecnologie che migliorano l’efficienza energetica degli edifici sono verosimilmente quelle che produrranno l’impatto maggiore sulla riduzione delle emissioni di gas serra (GHG) e quindi sul processo di decarbonizzazione.  Mentre alcune soluzioni, come lo stoccaggio dell’energia distribuita,...

  • key energy
    Key Energy, spazio alle start up della Green Economy

    Tra creatività e necessità, Key Energy e Ecomondo danno spazio al mondo ridisegnato dalle start up italiane della Green Economy. Così, da un cestino della spazzatura si ottengono in casa materie prime seconde derivate dagli scarti smistati...

  • Mobilità e Transizione ecologica: rinnovare le infrastrutture

    Articolo di Vito Coviello, Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei Trasporti e della Logistica. Transizione energetica, Transizione digitale, Transizione  verso nuove forme di mobilità: è iniziato un lungo cammino e dopo aver ignorato...

  • giacomo cantarella EPQ idrogeno
    Il ruolo degli elettrolizzatori per la produzione di idrogeno

    L’evento di presentazione del report dell’Energy&Strategy Group dal titolo “Hydrogen Innovation Report – Le sfide per la creazione di un mercato dell’idrogeno” ha messo in rilevo un’analisi sul percorso da intraprendere per arrivare ad una maturazione del...

  • energia solare fotovoltaico
    La carica del fotovoltaico in Italia: a fine anno 23GW di potenza

    Al 31 dicembre 2021 saranno operativi nel nostro Paese 986.867 impianti fotovoltaici di tutte le taglie, per una potenza di 23 GW. Lo rivela una analisi tendenziale “business as usual” di EnergRed, E.S.Co. impegnata nel sostenere la...

Scopri le novità scelte per te x