Crisi energetica: il sentiment e le “buone azioni” degli italiani

Pubblicato il 24 novembre 2022

Con l’inverno ormai alle porte, i timori legati ai blackout elettrici ed energetici sono sempre più accentuati. Un recente studio di reichelt elektronik, commissionato alla società di ricerca OnePoll, ha evidenziato le preoccupazioni di un campione di 4.000 rispondenti in Europa, di cui 1.000 in Italia, legate alla crisi energetica e come i cittadini si stanno preparando per far fronte a eventuali interruzioni di corrente.

L’86% dei rispondenti in Italia si aspetta potenziali interruzioni di corrente nel corso dell’inverno, con il 6% degli intervistati che ritiene che potremmo fare i conti con inconvenienti di questo tipo addirittura una volta alla settimana (per il 12% anche più volte nell’arco di sette giorni). Seppur il 47% dei rispondenti sia fiducioso del fatto che un potenziale blackout avrebbe una durata inferiore ai 60 minuti, il 31% teme che la corrente potrebbe essere fuori servizio per due o tre ore, con un 10% che teme interruzioni addirittura superiori alle tre ore.

Tra le principali preoccupazioni, gli intervistati sottolineano la potenziale mancanza di acqua calda (34%) o l’impossibilità di riscaldare la propria abitazione (34%). Un altro timore riguarda l’eventualità che le pompe d’acqua degli edifici si guastino e, di conseguenza, non riescano ad erogare acqua (41%). Il 36% degli intervistati afferma invece di essere preoccupato dalla possibilità che, a causa di un’interruzione di corrente, gli apparecchi medicali possano andare fuori servizio.

Il tema dell’energia è al centro del dibattito politico europeo, alla disperata ricerca di soluzioni per arginare i costi elevati e gli effetti della crisi, oltre che di soluzioni in grado di prevenire potenziali blackout elettrici. Il 55% dei rispondenti alla ricerca di reichelt elektronik afferma di aver già adottato diverse misure di risparmio energetico; tra le più diffuse emergono le seguenti: il 67% utilizza meno apparecchi ad alto dispendio energetico; il 66% sta risparmiando acqua calda; il 51% ha ridotto leggermente la temperatura interna della propria abitazione; il 38% monitora più attentamente i propri consumi.

I partecipanti al sondaggio hanno adottato ulteriori misure, ad esempio sostituito le tradizionali lampadine con sistemi di illuminazione a LED, oppure hanno deciso di sfruttare le candele come fonte di illuminazione alternativa. Altri accorgimenti riguardano un minor utilizzo dell’asciugatrice e/o lo spegnimento degli apparecchi in modalità standby. Alcuni rispondenti in Italia hanno anche affermato di aver attuato investimenti più importanti, come l’installazione di pannelli solari o nuove caldaie a gas per limitare i propri consumi energetici.

Il 33% dei rispondenti italiani alla ricerca di reichelt elektronik afferma di essere abbastanza preparato a eventuali blackout energetici e dispone di alcuni strumenti basilari per far fronte ad una situazione di questo tipo, ma soltanto il 10% potrebbe essere in grado di riuscire a fronteggiare un’interruzione di 24 ore.

Tra gli elementi di base di cui parte dei rispondenti dispongono vi sono: coperte calde (61%), torce (55%) o altre fonti di illuminazione come candele o lampade da campeggio (47%). Ma quando si tratta di dotazioni particolari o più specifiche, solo il 17% possiede ad esempio una quantità sufficiente di combustibile per la stufa a gas o il camino, solo il 13% possiede generatori di elettricità. Il 4% non ha alcuna dotazione o scorta di emergenza per far fronte ad un’eventuale situazione di blackout.

Per essere adeguatamente preparati a fronteggiare eventuali crisi energetiche, bisognerebbe cominciare a valutare l’adozione di apparecchi alimentati ad energia solare (35%) o, soprattutto, di generare elettricità in modo autonomo sfruttando pannelli fotovoltaici (38%). Ma i cittadini appaiono fortemente preoccupanti dalla situazione attuale e temono di non riuscire a far fronte all’aumento dei prezzi dell’energia: il 42% teme di dover fare grossi tagli nel prossimo, mentre il 30% di non riuscire a riscaldare la propria abitazione.

La popolazione fa appello al governo e soluzioni in grado di garantire un maggiore accesso all’energia rinnovabile (61%), oltre ad una minore dipendenza da fornitori di energia stranieri (44%) e ad una migliore espansione della rete elettrica affinchè sia più resiliente (35%).

Christian Reinwald, Head of Marketing and Product Management di reichelt elektronik ha affermato: “Le persone non chiedono soltanto soluzioni per far fronte all’emergenza. Stiamo assistendo ad una maggiore consapevolezza dei consumatori nei riguardi di investimenti in prodotti che fanno leva sul risparmio energetico, in grado di ripagare in tempi relativamente brevi”.

Il sondaggio è stato condotto dall’Istituto di ricerca internazionale OnePoll per reichelt elektronik su un campione di 4.000 partecipanti in Europa, di cui 1.000 in Italia, durante il mese di ottobre.

crisi energetica infografica



Contenuti correlati

  • OVHcloud data center
    Sostenibilità e data center, il contributo dell’economia circolare

    Attualmente – secondo uno studio pubblicato su Nature – i data center consumano circa 200 terawattora (TWh) di energia all’anno e si prevede che questo consumo aumenterà di quindici volte entro il 2030, fino a raggiungere l’8%...

  • Acqua ed energia al sicuro

    Un’azienda svedese di servizi pubblici per l’energia e l’acqua ha deciso di migliorare sia la sicurezza sia l’affidabilità attraverso l’integrazione IT/OT e per farlo ha scelto Fortinet Falu Energi & Vatten (Energia & Acqua) è un’azienda municipalizzata...

  • Il rifiuto come risorsa

    Un progetto renderà l’azienda molisana RES la più innovativa d’Italia per recupero rifiuti e produzione di energia Siamo in Molise, nella provincia di Isernia, forse ancora la meno popolosa d’Italia, in un territorio in cui sono predominanti...

  • Migliorare la distribuzione di energia

    Grazie all’applicazione del sistema di automazione Proficy di GE Digital, il distributore di energia Getec Park.Swiss è stato in grado di modernizzare e migliorare la gestione dei suoi parchi serbatoi Getec Park.Swiss gestisce una vasta rete di...

  • Sistema di accumulo di energia trasportabile e pronto all’uso da Socomec

    Socomec presenta il nuovo Sunsys HES L Skid, un sistema modulare compatto che si integra perfettamente con l’esistente sistema di accumulo di energia Sunsys HES L. Il nuovo design è in grado di migliorare il rendimento complessivo,...

  • Arturo Di Filippi Vertiv energie rinnovabili
    Data center e consumi energetici, un aiuto dalle rinnovabili

    Che si tratti di energia eolica, solare o idrica, le fonti di energia verde sono destinate a dominare il settore energetico, come spiega Arturo Di Filippi, Offering Director Global Large Power di Vertiv. Come segmento delle energie rinnovabili,...

  • Accumuli e Reti, abilitatori strategici della transizione energetica in Italia

    Occorre un’importante spinta propulsiva in ambito Accumuli e Reti, entrambi abilitatori strategici della transizione energetica. Il piano elettrico 2030 prevede di arrivare all’84% di rinnovabili nel mix elettrico italiano raddoppiando il valore attuale, ma la sfida sembra...

  • Elettrificazione e automazione per reti elettriche efficienti e sostenibili

    La sostituzione delle fonti energetiche tradizionali per la rete elettrica con fonti ecologiche sostenibili si chiama elettrificazione. Le certificazioni LEED (Leadership in Energy and Environmental Design) e ZEB (Zero Energy Building) sono un impegno significativo a sostegno...

  • Signify LED
    Consumi energetici condominiali: bollette più sostenibili con le luci LED

    Un condominio con 80 punti luce può ottenere fino al 60% di risparmio energetico con il solo passaggio al LED e fino al 78% integrando anche un sistema di gestione dell’illuminazione connessa, con una riduzione della CO2...

  • Aruba Università di Pisa cloud energia
    Il progetto di machine learning e AI applicata al cloud computing di Aruba e dell’Università di Pisa

    Aruba ha avviato una collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università degli Studi di Pisa. Il tema dell’efficienza energetica sta diventando sempre più importante e determinante nella progettazione di qualsiasi servizio, per ovvie ragioni economiche ed...

Scopri le novità scelte per te x