Alla vigilia di ecoSTP2014: i commenti dei curatori

Pubblicato il 17 giugno 2014

Si avvicina il 23 giugno, data di inizio di ecoSTP2014, un appuntamento di richiamo mondiale, nato da un’iniziativa che ha visto collaborare Università di Verona (Francesco Fatone) e Politecnico di Milano (Roberto Canziani). Dal 23 al 27 giugno, con ecoSTP2014, Verona sarà un punto di incontro e presentazione di progetti, ricerche e risultati nel campo delle ecotecnologie per il trattamento delle acque reflue. Una fonte di energia rinnovabile, nonché di fertilizzanti biopolimeri e bioplastiche potrebbe celarsi nei nostri scarichi. La green week veronese ha in programma oltre 250 contributi dai 5 continenti. Alla vigilia dell’inaugurazione dei lavori, questi i commenti dei due curatori dell’evento.

“In occasione di ecoSTP2014 è la prima volta”, spiega Fatone, “che si viene a creare una piattaforma, di legame tra locale ed internazionale, di tali e tanti soggetti coinvolti nel tema del forum: questo, tuttavia, non è un punto di arrivo, ma di partenza, un trampolino per proseguire su questa strada, affrontando insieme le sfide che devono innovare i nostri depuratori, che possono essere fabbriche di risorse (acqua, energia, fertilizzanti, biopolimeri), così da passare da un’ottica di ‘economia lineare’ ad una di ‘economica circolare’. Non disquisiamo di massimi sistemi, di progetti a lungo raggio: qui ci si confronta su dati e risultati concreti, di innovazioni fatte o fattibili in un orizzonte al 2020. Verona si è dimostrata città ospite ideale, grazie alla concentrazione di enti e aziende dinamiche, nell’ottica di creare una progettualità internazionale; oltretutto siamo in un’area, il Veneto, di importanti ecosistemi idrici, lacustre, fluviale e lagunare, che ne fanno un ideale laboratorio di studio, ricerca ed innovazione”.

“Non dobbiamo nasconderci”, aggiunge Roberto Canziani, “che l’Italia deve affrontare numerose criticità per ‘mettere a norma’ il Servizio Idrico Integrato e ciò comporterà investimenti assai rilevanti nei prossimi anni. Va quindi colta questa opportunità di ammodernamento per guardare non solo al ‘domani’, ma al ‘dopodomani’. Rincorrere le emergenze con strategie di breve respiro non basta. Occorre volgere lo sguardo più avanti, a innovazioni tecnologiche e gestionali che consentano di risparmiare risorse ed energia oltre che garantire un efficiente servizio di depurazione. I temi affrontati nelle numerose relazioni del Convegno di ecoSTP2014 si inseriscono in questa prospettiva, offrendo una articolata panoramica delle tecnologie più promettenti che possono, in prospettiva, ‘cambiare la faccia’ dei depuratori”.

 

ecoSTP2014: http://www.ecostp.org



Contenuti correlati

  • Calcolo e verifica degli impianti di depurazione delle acque reflue

    “Depuracque 2.0 – Calcolo e verifica degli impianti di depurazione delle acque reflue – Progetto preliminare e verifica impianti esistenti” è un software, completamente sviluppato all’interno dell’ambiente MS Excel, che sfrutta le specifiche routine VBa implementate nel...

  • Plantvoice agricoltura sensori piante
    Sensori e intelligenza artificiale: la combo vincente per l’agricoltura

    Per produrre un chilo di carne bovina sono necessari circa 15.000 litri di acqua e per la coltivazione di una tonnellata di riso servono circa 1.500 metri cubi di acqua, come ricorda Matteo Beccatelli, chimico, ricercatore, CEO...

  • Crisi Idrica Agricoltura Sighting
    Sighting, il progetto multidisciplinare per contrastare la siccità e migliorare la resilienza del settore agricolo

    La crescente crisi idrica e l’impatto della siccità sull’agricoltura hanno spinto L’Università di Perugia, l’Università Niccolò Cusano e il CNR a lanciare il progetto Sighting. Questa iniziativa mira a sviluppare soluzioni innovative per mitigare gli effetti della...

  • Acqua ed energia al sicuro

    Un’azienda svedese di servizi pubblici per l’energia e l’acqua ha deciso di migliorare sia la sicurezza sia l’affidabilità attraverso l’integrazione IT/OT e per farlo ha scelto Fortinet Falu Energi & Vatten (Energia & Acqua) è un’azienda municipalizzata...

  • Simplifhy Itsgreen partnership
    Partnership Simplifhy – Itsgreen per realizzare un laboratorio a idrogeno per la ricerca

    Simplifhy e la Fondazione Itsgreen hanno firmato un accordo per l’istituzione di un avanzato laboratorio a idrogeno. Il laboratorio, situato nella sede di Itsgreen a Vimercate (MB), offre agli studenti dell’istituto un’opportunità unica per immergersi nella ricerca,...

  • Il rifiuto come risorsa

    Un progetto renderà l’azienda molisana RES la più innovativa d’Italia per recupero rifiuti e produzione di energia Siamo in Molise, nella provincia di Isernia, forse ancora la meno popolosa d’Italia, in un territorio in cui sono predominanti...

  • Migliorare la distribuzione di energia

    Grazie all’applicazione del sistema di automazione Proficy di GE Digital, il distributore di energia Getec Park.Swiss è stato in grado di modernizzare e migliorare la gestione dei suoi parchi serbatoi Getec Park.Swiss gestisce una vasta rete di...

  • Sistema di accumulo di energia trasportabile e pronto all’uso da Socomec

    Socomec presenta il nuovo Sunsys HES L Skid, un sistema modulare compatto che si integra perfettamente con l’esistente sistema di accumulo di energia Sunsys HES L. Il nuovo design è in grado di migliorare il rendimento complessivo,...

  • Giornata Mondiale dell’Acqua

    Ogni 22 marzo, il mondo celebra la Giornata Mondiale dell’ Acqua, istituita nel 1992 dalle Nazioni Unite per mettere in evidenza l’importanza vitale di questa risorsa. Quest’anno, TÜV Italia vuole riflettere sull’urgente necessità di preservare le risorse...

  • Nasce la community digitale italiana delle acque

    Investire in tecnologie digitali per migliorare l’efficienza e la sostenibilità del servizio idrico: questa è la sfida che il Gruppo Acqua della Fondazione per la Sostenibilità Digitale intende affrontare con la creazione della Community Italiana delle Acque, la...

Scopri le novità scelte per te x