Valutare il rischio aeraulico nella sua totalità con il Metodo Garantito Alisea

Pubblicato il 25 ottobre 2019
Andrea Casa, Presidente e Amministratore Delegato di Alisea

Nei Paesi sviluppati, la popolazione trascorre mediamente oltre il 75% del proprio tempo in ambienti confinati, in cui, come dimostrano gli studi, si evidenzia una concentrazione di inquinanti da 1 a 5 volte superiore rispetto agli spazi outdoor, con livelli di esposizione da 10 a 50 volte più elevati. La presenza di impianti di climatizzazione, termoventilazione e ventilazione, correttamente manutenuti, nei luoghi di lavoro permette di assicurare un miglioramento delle condizioni di comfort e salubrità, grazie al ricircolo dell’aria e al mantenimento di specifici parametri termici e igrometrici. Al fine di garantire un funzionamento ottimale e tutelare la salute dei lavoratori, secondo quanto previsto ai commi 1.9.1.4 e 1.9.1.5 – Allegato IV° del D.Lgs. 81/2008, è fondamentale effettuare interventi di manutenzione, pulizia e sanificazione.

Impegnata da 20 anni nella gestione igienica dei sistemi di trattamento aria, l’Azienda presenta il Metodo Garantito Alisea, che rivoluziona le prassi dell’igiene aeraulica ed è frutto di significativi investimenti in ricerca e proficue collaborazioni con l’Università degli Studi di Pavia e il Politecnico di Milano. Si tratta di un’avanzata procedura di Valutazione, Gestione e Comunicazione del rischio aeraulico, ampiamente testata e collaudata, che si pone quale benchmark di riferimento sul mercato. In dettaglio, il procedimento deriva da un’attenta analisi e combinazione delle due Linee Guida Ministeriali del 7 febbraio 2013 e del 7 maggio 2015, superate da Alisea con l’estensione delle prescrizioni alla globalità delle possibili contaminazioni, senza limitarsi alla sola Legionella Pneumophila, come prescritto dalla normativa vigente. Il vero valore aggiunto di tale sistema deriva dalla capacità di risalire alle relative cause occulte, attraverso un’approfondita analisi tecnico-ambientale, finalizzata al rimuoverle e a prevenirne le recidive.

Il Metodo Garantito Alisea è il risultato di un approccio multidisciplinare alla materia, che valuta il rischio aeraulico nella sua totalità e in cui la prevenzione si declina su tre aspetti complementari: tutela della salute, ottemperanza alle normative vigenti ed efficienza energetica. La corretta gestione e manutenzione degli impianti aeraulici consente infatti, in primo luogo, di ridurre il rischio di un’alterazione dei parametri di salubrità dell’aria indoor, derivanti dai fisiologici fenomeni di contaminazione e possibili di sbilanciamento cui sono soggetti. In aggiunta, mantenere gli impianti in condizioni ottimali, oltre ad evitare ricadute negative in termini legali, assicura un significativo risparmio energetico, poiché permette di ridurre le inefficienze derivanti da perdite e fessurazioni o dall’accumulo di particolato. Viceversa, l’apporto di energia dovrà essere superiore al fine di garantire le medesime performance, con un conseguente aggravio di costi.

Autentico elemento distintivo del Metodo Garantito Alisea e primo fondamentale vantaggio è la Valutazione del rischio aeraulico, il cui iter inizia con un’analisi tecnico-ambientale completa, in cui si esaminano ben 46 fattori di rischio classificati dall’Azienda. Le operazioni si suddividono in un’ispezione volta a determinare la struttura, l’integrità e lo stato di funzionamento delle unità di trattamento aria e della rete di condotte aerauliche, cui segue un’analisi delle condizioni dell’ambiente indoor e outdoor, oltre ad uno studio delle caratteristiche del personale che soggiorna nei locali. Tali rilevamenti confluiscono nel Documento di Valutazione del Rischio Aeraulico (Air Systems Safety Plan), ulteriore plus del servizio di Alisea, che si distingue sul mercato per l’esaustività dei fattori analizzati. L’interpretazione di questi dati è affidata all’expertise dei tecnici Alisea, comprovata dalla qualifica di CVI (Certified Ventilation Inspector), rilasciata dalla NADCA (National Air Duct Cleaners Association). Grazie a una serie di algoritmi di proprietà dell’Azienda e ad uno specifico software, basato sulla Fuzzy Logic e sviluppato in collaborazione con l’Università degli Studi di Pavia, gli esperti sono in grado di valutare la reciproca interazione dei singoli fattori di rischio, per determinare con certezza le relative criticità, attribuendo a ciascun impianto uno specifico Indice di Rischio. Essenziale per implementare un sistema di gestione efficiente ed efficace, il DVR stabilisce anche specifiche priorità d’intervento in caso di multi-impianto o multi-sito, grazie alla classificazione degli stessi secondo una scala di rischio.

In base alle azioni correttive e di sorveglianza necessarie, emerse in fase di Valutazione, gli esperti Alisea procedono alla redazione di un Piano di Autocontrollo che consente di programmare gli interventi e prevede un’ulteriore ispezione tecnica preliminare, finalizzata ad elaborare l’Indice di Rischio Igienico, identificando possibili contaminazioni di natura chimica, fisica o microbiologica sulla base di aggiuntivi 20 parametri. Grazie alla rendicontazione prodotta vengono pianificate le operazioni di sanificazione necessarie e stilato un programma di sorveglianza periodica, volto a comprendere il tempo di recidiva della contaminazione attraverso ispezioni tecniche e visive ogni 12 mesi, come previsto dalle norme.

Inoltre, al fine di incrementare il coinvolgimento dei soggetti potenzialmente esposti al rischio aeraulico e tutelarne la salute, il Metodo Garantito Alisea può comprendere altresì una fase di Comunicazione, che include un’attività informativa e formativa dettagliata, prevedendo anche l’organizzazione di corsi di formazione e aggiornamento, tenuti da docenti accreditati Alisea.

Andrea Casa, Presidente e Amministratore Delegato di Alisea, commenta: “Il Metodo Garantito Alisea è espressione della nostra capacità di offrire al cliente una consulenza integrata, che deriva dall’incontro tra l’applicazione di specifiche competenze tecniche e una conoscenza approfondita degli aspetti normativi. In virtù di tale multidisciplinarietà, siamo in grado di proporre un servizio completo, volto alla protezione del sistema Azienda nel suo complesso, che si declina nella difesa della salute degli occupanti e nella tutela legale della committenza” continua Andrea Casa e conclude: “Puntiamo alla diffusione capillare di una cultura dell’igiene aeraulica, promossa attraverso la sensibilizzazione dei nostri interlocutori, affinché si possano cambiare le regole del gioco per elevare gli standard, a favore di una crescita qualitativa dell’intero comparto.”



Contenuti correlati

  • CGT_Gelit
    La trigenerazione di CGT abbatte le emissioni di CO2 di Gelit

    I vantaggi della cogenerazione e trigenerazione in ambito industriale rappresentano il tema trattato nel secondo episodio di “Re-Evolution Technologies”, la web serie prodotta da CGT, storica realtà italiana che fa parte del Gruppo Internazionale Tesya, che coinvolge...

  • Danfoss idrogeno verde
    Idrogeno verde: produzione ragionata per assicurare la sostenibilità

    Un nuovo report pubblicato da Danfoss Impact rivela che, poiché la produzione di idrogeno è destinata ad assorbire più della metà dell’attuale domanda di energia elettrica entro il 2050, l’efficienza energetica nella sua produzione è fondamentale. È...

  • Un occhio all’aria compressa

    L’automazione può migliorare efficienza energetica, produttività e flessibilità in azienda. E il monitoraggio dei sistemi di aria compressa? Una soluzione ifm electronic garantisce anche in questo caso risparmi consistenti a fronte di investimenti contenuti Ifm è una...

  • Efficienza energetica e flessibilità migliorate

    Anche i millesimi di secondo sono preziosi per l’industria della plastica. Lo pensa Netstal, che per garantire sempre una produzione controllata alle sue macchine per stampaggio a iniezione si è affidata a Keba Netstal è un’azienda svizzera...

  • Ottimizzare l’efficienza energetica con criteri ESG

    In Gigatek è stata scelta la soluzione iFactory EHS di Advantech per costruire un sistema di gestione energetica EMS Con la crescente consapevolezza ambientale e le limitazioni dell’approvvigionamento energetico, l’ottimizzazione della gestione energetica è diventata essenziale. Fondata...

  • L’efficienza energetica nell’industria

    Trend, ostacoli e fattori trainanti per l’incremento degli investimenti in efficienza energetica nell’industria. La situazione europea e quella italiana. Diventa sempre più rilevante il contributo delle tecnologie digitali. Uno studio dell’Enea segnala importanti risultati ottenuti grazie alle...

  • Controlli tradizionali e machine learning per l’efficienza energetica negli edifici

    L’efficienza energetica negli edifici è un argomento di cui, giustamente, si sente parlare da molto tempo, rappresentando un elemento fondamentale per la decarbonizzazione, che necessariamente passa attraverso l’uso più razionale delle risorse energetiche… Leggi l’articolo

  • OVHcloud data center
    Sostenibilità e data center, il contributo dell’economia circolare

    Attualmente – secondo uno studio pubblicato su Nature – i data center consumano circa 200 terawattora (TWh) di energia all’anno e si prevede che questo consumo aumenterà di quindici volte entro il 2030, fino a raggiungere l’8%...

  • Da Panasonic e Tado pompe di calore smart per la transizione energetica

    La partnership tra tado° e Heating & Ventilation A/C Company di Panasonic Corporation offre un mix di tecnologie e prodotti all’avanguardia per il settore delle pompe di calore, che prevedono un controllo del riscaldamento intelligente. Questa collaborazione...

  • Copeland Innovation Lab
    Hvacr, a Belluno il laboratorio di innovazione ed eccellenza Copeland

    Copeland ha aperto un nuovo laboratorio di innovazione a Belluno, in Italia, dove l’azienda impiega oltre 200 persone. Il nuovo Copeland Innovation Lab è uno spazio di oltre 10.000 metri quadrati incentrato sulla ricerca e lo sviluppo...

Scopri le novità scelte per te x