Un test che rileva il coronavirus su superfici, acqua e aria

Pubblicato il 24 giugno 2020

Dati sperimentali riportano che il coronavirus potrebbe sopravvivere sulle superfici dalle 4 ore fino a una settimana, a seconda del materiale, del calore e dei metodi standard di disinfezione. Il gruppo Lifeanalytics, azienda specializzata nei servizi di analisi chimica, microbiologica e biologica, ha ideato un kit-test per il rilevamento di Covid-19 su tutte le superfici ambientali per garantire ad aziende e autorità sanitarie ambienti sicuri e completamente covid-free.

Il servizio, attivo in tutta Italia dallo scorso aprile, ha finora permesso la distribuzione del kit per il test a 100 tra aziende e strutture sanitarie, per rilevare la completa efficacia delle procedure di sanificazione finora adottate per fronteggiare la recente emergenza epidemiologica. Dai primi test effettuati è stata registrata la presenza del coronavirus sul 7% delle superfici, anche in seguito alle regolari attività di disinfezione.

I laboratori del Gruppo inoltre, per un’analisi completa dell’ambiente lavorativo, propongono un test in grado di rilevare la presenza del coronavirus nell’aria in ambienti di lavoro come uffici, strutture sanitarie, aeroporti, e nell’acqua, sia acque potabili sia acque di scarico.

Nel dettaglio, all’interno del kit per l’auto-rilevamento le aziende hanno a disposizione tamponi e altri strumenti per poter raccogliere l’eventuale presenza del virus Covid-19 e dei Sars-related CoV da dispositivi medici, maniglie, scrivanie, attrezzature, banchi da lavoro e in generale da qualsiasi tipologia di superficie. Una volta raccolto il campione, l’analisi viene effettuata dal Laboratorio Analisi Chimiche Dott. Giusto di Oderzo (Treviso), uno dei tre Hub del Gruppo Lifeanalytics, altamente specializzato nell’analisi ambientale, agroalimentare, sanitario-ospedaliero.

Le analisi effettuate dal laboratorio, conformi alle Linee Guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), si basano sulla Real Time PCR (Reazione a catena della polimerasi di trascrizione inversa) che include l’estrazione di RNA – RiboNucleic Acid dai tamponi ricevuti dalle aziende. Il risultato del test viene poi comunicato entro le 72 ore.

“In questo periodo di pandemia e con la riapertura graduale delle attività produttive crediamo sia importante per pazienti e dipendenti sentirsi sicuri all’interno degli ambienti di lavoro o quando si recano in strutture sanitarie – spiega Giovanni Giusto, AD Lifeanalytics – Al tempo stesso comprendiamo l’esigenza delle aziende di voler trovare un sistema rapido che consenta l’analisi dei rischi e il monitoraggio delle condizioni di sanificazione. Per questo motivo i nostri laboratori sono in grado di effettuare in poche ore numerosi test per valutare e monitorare la sicurezza degli spazi di lavoro, assicurando ad aziende e autorità sanitarie ambienti covid-free”.



Contenuti correlati

  • Fondital si affida all’expertise di Alisea

    Fondital, player internazionale nella produzione di sistemi di riscaldamento domestico e getti strutturali per il settore automotive, si affida ad Alisea, azienda di riferimento per l’analisi, sanificazione e certificazione di idoneità igienico-sanitaria degli impianti aeraulici, per l’igiene dei...

  • Povertà energetica: individuarla e mitigarla

    L’energia, in analogia ai bisogni primari di nutrirsi, coprirsi e avere un riparo, può essere qualificata come un bene di merito, ossia degno di tutela pubblica a prescindere dalla domanda degli utenti, il cui consumo determina effetti...

  • Digitalizzazione e automatizzazione del settore idrico: una sfida per Mitsubishi

    Spinte dalla crescente esigenza di digitalizzazione e automatizzazione del settore idrico, Royal HaskoningDHV e Mitsubishi Electric Europe hanno unito le forze per sviluppare comandi di automazione specializzati. Questa collaborazione favorirà l’implementazione di soluzioni idriche smart, permettendo alle...

  • Aiaqua spin-off fondatori gestione reti idriche
    Aiaqua per una gestione efficiente e sostenibile delle reti idriche

    Lo spin-off Aiaqua della Libera Università di Bolzano si concentra sulla gestione efficiente e sostenibile delle risorse idriche e si basa sui più recenti risultati della ricerca scientifica nel settore. La gestione efficiente dell’acqua è oltremodo importante in...

  • Controllare le emissioni dei generatori di calore industriali a biomassa senza sprecare acqua

    In Brasile e in altri Paesi si utilizza mediamente molta acqua per mettere in funzione sistemi di abbattimento delle emissioni di particolato (PM), chiamati “wet scrubber” (torri di lavaggio). In questi dispositivi si “polverizza” acqua in una...

  • Andrea Casa Nadca Aiisa ventilazione covid-19
    Ventilazione degli ambienti chiusi per contrastare Covid-19

    A seguito dell’approvazione del nuovo decreto Draghi “riaperture Bis”, diversi esercizi commerciali hanno iniziato ad accogliere i Clienti in spazi indoor. La graduale riapertura di palestre, piscine, centri commerciali e la possibilità di consumare anche all’interno di...

  • multiutilities powercloud
    Multiutilities, obiettivo controllo delle spese di gestione

    Fino ad ora, come se la sono cavata durante questa crisi le aziende energetiche d’Europa? Secondo le stime di molti esperti, relativamente bene: il comparto delle utility è stato tra i più resilienti del sistema produttivo nazionale....

  • 17 giugno: Giornata Mondiale per la lotta alla desertificazione e alla siccità

    L’occasione è la Giornata Mondiale per la lotta alla desertificazione e alla siccità, momento di assoluta rilevanza rispetto alla tematica della scarsità dell’acqua e della corretta gestione delle risorse. A questo proposito, particolare riferimento va prestato al...

  • Centrica Business Solutions report 2021 sostenibilità
    Le aziende frenano gli investimenti in sostenibilità

    Le aziende italiane ed europee hanno difficoltà a giustificare gli investimenti in sostenibilità e tecnologie a basse emissioni di CO2 a causa dell’impatto della pandemia da Covid-19. Lo rivela la nuova ricerca “Perché aspettare per raggiungere il...

  • eolico energie rinnovabili pandemia
    Rinnovabili, crollano le installazioni nell’anno della pandemia

    La pandemia colpisce anche il settore delle energie rinnovabili: registrata nel 2020 una drastica riduzione del numero degli impianti domestici ed una brusca frenata sia per il segmento commerciale, che chiude a +3% su base annua contro...

Scopri le novità scelte per te x