Terminato il progetto triennale di Water for All nel Nord Uganda con Atlas Copco

L’impegno del Gruppo Atlas Copco a favore della sostenibilità ambientale include l’accesso ai servizi WASH (Water, Sanitation & Hygiene) nei paesi in via di sviluppo

Pubblicato il 16 febbraio 2024

Si è recentemente concluso il progetto “Solar for Inclusive WASH”, finanziato dalla Fondazione Peter Wallenberg e da Water for All, organizzazione senza fini di lucro a cui partecipano attivamente il Gruppo Atlas Copco, Epiroc e i loro dipendenti.

Il programma WASH

Il progetto, realizzato in Nord Uganda con la collaborazione di Amref Health Africa, organizzazione senza fini di lucro attiva in 35 Paesi africani con più di 130 progetti di promozione della salute legati al programma WASH, un termine collettivo che unisce acqua, servizi igienico-sanitari e igiene, ha raggiunto importanti obiettivi di natura ambientale, economica e sociale, in aderenza ai Sustainable Development Goals, che promuovono: acqua pulita e servizi igienico-sanitari (SDG 6), energia pulita e accessibile (SDG 7), parità di genere (SDG 5).

La disponibilità di acqua pulita vicino ai villaggi è infatti fondamentale per l’emancipazione femminile in Africa, dove il compito di portare acqua alle famiglie è assegnato per tradizione alle donne che, dovendo percorrere ogni giorno diversi chilometri per raggiungere fonti dove prelevare acqua per le loro famiglie, sono di fatto impossibilitate a frequentare regolarmente la scuola.

L’Uganda

L’Uganda, nonostante sia uno dei paesi dell’Africa subsahariana con tassi di crescita più alti, rimane uno dei più poveri al mondo anche per la difficoltà di accesso da parte della popolazione a servizi igienici, elettricità e istruzione. Nella zona settentrionale del Paese, in particolare, solo il 30% delle famiglie dispone di servizi igienici accettabili. Il progetto “Solar for Inclusive WASH”, realizzato nel distretto di Pader (Nord Uganda), particolarmente disagiato in quanto martoriato da guerre civili, ha portato acqua pulita e igiene a 32.400 persone e 5.100 alunni grazie a:

  • la realizzazione di 6 pozzi, alimentati da energia solare, per rifornire 6 scuole e 18 villaggi limitrofi
  • l’installazione di servizi igienici nelle scuole, di punti di distribuzione dell’acqua e di toilette nei villaggi
  • la ristrutturazione o la costruzione di 30 pozzi in grado di avvicinare a fonti d’acqua pulita 9.000 persone
  • l’attività di sensibilizzazione della popolazione sull’importanza di igiene e pulizia per contrastare l’insorgere di malattie
  • la formazione tecnica di meccanici locali per mantenere gli impianti idrici efficienti negli anni. Il progetto promette l’accesso all’acqua per almeno 15 anni

I sistemi di pompaggio

Al centro del progetto ci sono sistemi di pompaggio, installati nei pozzi e alimentati ad energia solare: l’acqua prelevata viene trasferita nelle cisterne installate su alte torri di stoccaggio e, attraverso la forza gravitazionale, viene resa disponibile nei vicini villaggi e nelle scuole grazie ai punti di distribuzione dell’acqua che sono stati realizzati.

Blocco igienico-sanitario per bambine Scuola di Laminajiko – Photo by Esther Mbabazi

La disponibilità di acqua pulita è infatti fonte primaria di benessere per la popolazione africana: garantisce l’igiene e previene l’insorgere e la diffusione di epidemie da acqua contaminata. È significativo il fatto che l’educazione alla pulizia abbia portato la percentuale di famiglie che abitualmente si lavano le mani dal 5% all’86%, riducendo così quasi del 50% l’incidenza di casi di gravi disturbi intestinali.

Il commento

“A seguito della visita ad alcuni degli impianti realizzati e agli incontri con uomini, donne e bambini nei villaggi e nelle scuole, posso confermare che l’intervento di Water for All ha cambiato in modo significativo la vita della popolazione nel distretto di Pader coinvolto nel nostro progetto. A questo proposito, cito con piacere alcuni dati: dall’inizio del progetto, la distanza media per raccogliere acqua pulita è scesa a 300 metri, il tasso di mortalità causato da infezioni intestinali – causa principale di morte tra i neonati – è drasticamente ridotto e anche l’assenteismo nelle scuole è ormai solo del 4%”.

“La frequenza scolastica è aumentata di oltre il 65%: le ragazze, infatti, ora si recano regolarmente a scuola, perché dispongono di toilette e spazi adeguati utilizzabili durante il periodo mestruale. Sono tutte conferme di quanto l’impegno del Gruppo Atlas Copco e dei suoi dipendenti dia un contributo concreto alla sostenibilità ambientale e sociale delle aree disagiate del mondo. Ricordo che il Gruppo ogni anno contribuisce con una cifra doppia di quanto è stato donato volontariamente dai dipendenti”, afferma Jose Manuel Funcia, Vice President Holding Italia di Atlas Copco Group.

“Sono particolarmente soddisfatta dei risultati ottenuti da questo progetto che, proposto da Water for All Italia, ha avuto il sostegno e i finanziamenti dalla Fondazione Wallenberg e dalle organizzazioni Water for All di 13 paesi”, afferma Manuela Stagnati, Ambasciatrice di Water for All Italia, “C’è comunque ancora molto da fare e, per questo motivo, stiamo valutando insieme ad Amref Health Africa un nuovo progetto per portare acqua e servizi igienici in altri villaggi contribuendo ulteriormente a migliorare le condizioni di vita della popolazione.

In foto: Punto di distribuzione acqua Villaggio di Lamincwida – Photo by Esther Mbabazi



Contenuti correlati

  • Giornata Mondiale dell’Acqua

    Ogni 22 marzo, il mondo celebra la Giornata Mondiale dell’ Acqua, istituita nel 1992 dalle Nazioni Unite per mettere in evidenza l’importanza vitale di questa risorsa. Quest’anno, TÜV Italia vuole riflettere sull’urgente necessità di preservare le risorse...

  • Continuità per le fonti rinnovabili

    In Sardegna è in fase di realizzazione un sistema di accumulo dell’energia di lunga durata e su larga scala basato su CO2 , il progetto Energy Dome. L’energia solare ed eolica prodotta in eccesso potrà essere accumulata...

  • Multicompel solare fotovoltaico
    La mappa dell’energia solare in Italia: impianti quasi raddoppiati in due anni

    Siamo a 1.603.298 impianti fotovoltaici operativi in Italia, contro i 986.313 del 2021. “Numeri che lasciano ben sperare in merito al raggiungimento degli obiettivi al 2030” sottolinea Edi Lala, fondatore della Multicompel Technology, società con sede in...

  • Nasce la community digitale italiana delle acque

    Investire in tecnologie digitali per migliorare l’efficienza e la sostenibilità del servizio idrico: questa è la sfida che il Gruppo Acqua della Fondazione per la Sostenibilità Digitale intende affrontare con la creazione della Community Italiana delle Acque, la...

  • Dalla produzione intelligente di energia al consumo sostenibile: Phoenix Contact a Key Energy

    All’interno dello stand di Phoenix Contact (pad. B3, stand 110) alla fiera Key Energy (28 febbraio – 1° marzo 2024, Rimini) saranno presentate le diverse soluzioni che contribuiscono già oggi a produrre energia in modo rigenerativo e che...

  • Anie CSI: rete di misurazione del gas come modello anche per l’acqua

    L’innovazione digitale può diventare risparmio per il gestore del servizio, quindi offrire fondi per gli investimenti nella manutenzione delle reti. In ultima analisi, è risparmio per l’utenza. La proposta arriva da Anie CSI, l’Associazione che in Confindustria rappresenta...

  • Acque reflue ambiente
    Industria più sostenibile con gli impianti di riutilizzo delle acque reflue

    Il recupero e la gestione delle acque reflue provenienti da uso industriale o civile sono tematiche chiave per un’industria italiana che desidera aumentare la sua produzione e che sceglie di farlo in modo sostenibile, sostiene White Lab,...

  • Accadueo 2023
    Accadueo, dibattito sullo smart water management per combattere le perdite idriche

    La digitalizzazione delle reti e le tecnologie più all’avanguardia contro le perdite idriche sono stati i temi al centro della recente manifestazione dedicata al sistema idrico Accadueo. L’evento, che ha visto la partecipazione di speaker nazionali ed...

  • Quick Algorithm
    Con l’IoT e l’AI di Quick Algorithm è possibile ridurre le perdite idriche fino al 30%

    In Italia in un anno viene sprecato più di un terzo di tutta l’acqua immessa nella rete idrica e il 42% dell’acqua potabile, quantità pari al fabbisogno di 43 milioni di persone, soprattutto a causa di perdite...

  • Catturare l’energia del sole

    Con il continuo aumento dei prezzi del petrolio e del gas naturale, le aziende sono sempre più alla ricerca di alternative valide ai combustibili fossili, come l’energia solare. Tuttavia, su questa forma di energia apparentemente poco affidabile...

Scopri le novità scelte per te x