Revamping del parco eolico, opportunità per l’Italia

Pubblicato il 18 agosto 2016

L’energia eolica sta vivendo nel mondo una fase di grande sviluppo, che potrebbe coinvolgere maggiormente anche l’Italia, se si decidesse di avviare un’operazione di rinnovamento degli impianti più obsoleti, che permetterebbe di aumentare la potenza “green”, ridurre il costo del KWh e creare nuovi posti di lavoro. Lo sottolinea Alessandro Marangoni, ceo di Althesys, in occasione della presentazione dello studio “Il rinnovamento del parco eolico italiano”.

Tra i benefici derivanti dall’operazione, che vale complessivamente 2,1 miliardi tra minori costi e ricadute economiche, vi sarebbe la riduzione del  prezzo all’ingrosso dell’elettricità fino a 1,3 miliardi di euro  grazie a un maggior ricorso all’eolico nel mix energetico con merit order effect sul prezzo dell’energia in borsa. Gli ulteriori benefici per circa 800 milioni deriverebbero principalmente dalle ricadute economiche sull’indotto e dalla riduzione degli incentivi. Interessanti, infine, anche i dati occupazionali: lo studio considera infatti la creazione di più di 7.000 nuovi posti di lavoro.

Sul versante tecnologico, la ricerca stima un potenziale di rinnovamento complessivo da 7,9 GW lordi, dei quali 3,9 GW per un contributo netto alla potenza installata di 2,3 GW entro il 2020, più 4 GW di nuova potenza da rinnovamento, per un contributo netto alla potenza eolica installata compreso tra 0,8 GW e 2,2 GW dopo il 2020.

“E’ bene sottolineare – commenta Alessandro Marangoni, ceo di Althesys – che i dati di settore continuano a essere globalmente molto promettenti. Le analisi fatte ci indicano che la spinta finanziaria globale non si è mai arrestata, come evidenzia l’ultimo Irex Report,  anche grazie agli economics dell’eolico, sempre positivi. Le criticità tuttora esistenti sul mercato italiano possono essere superate cercando di favorire un processo di revamping degli impianti. Dallo studio che abbiamo presentato emerge che i benefici derivanti dal rinnovamento,  economici, sociali e ambientali, sono consistenti e coinvolgerebbero tutti: imprese, governo e cittadini”.

La società di consulenza Althesys – che ha contribuito assieme al GSE al “Renewables 2016 Global Status Report” – il rapporto di REN21, l’organizzazione delle Nazioni Unite, uscito nei giorni scorsi – ha pubblicato poche settimane fa l’Irex Report 2016, secondo il quale nel nostro Paese gli investimenti nelle rinnovabili sono ammontati nel 2015 a 9,9 miliardi di euro, con aumento di quasi 3 miliardi di euro rispetto all’anno scorso.

L’Irex report, che analizza gli investimenti utility scale avvenuti nel 2015 nel settore delle rinnovabili da parte di aziende italiane ed estere in Italia e delle sole italiane all’estero, ha evidenziato che le operazioni di crescita interna – installazioni di nuova potenza onshore o offshore – registrano un forte aumento nell’eolico, sia in termini di operazioni censite sia per capacità. Infatti, il 67,6% di potenza autorizzata e installata nel 2015 (1.624 MW) è eolica (+58% rispetto al 2014), coinvolgendo 2,4 miliardi di euro di investimenti e il 59% delle operazioni. Di questi, solo il 25% sono avvenuti però in Italia, con una taglia media degli impianti di 20 MW.

I dati dell’Irex Annual report evidenziano che l’eolico è competitivo e profittevole nella maggior parte dei Paesi europei. Il costo di generazione medio è diminuito del 6,9% rispetto al 2014 grazie al calo dei costi della tecnologia (-4,4%), di O&M (-19,6%), di permitting e progettazione (-8,5%) e del capitale (-5,8%). L’Italia è però la nazione con i costi più alti (77,5 €/MWh contro la media europea di 56,1), penalizzata da oneri fiscali e burocratici che valgono il 78% del gap dall’Europa. Danimarca, Francia e Germania mostrano invece i costi più bassi, intorno ai 40 €/MWh, e hanno un eolico competitivo con le fonti fossili.



Contenuti correlati

  • eolico energie rinnovabili pandemia
    Rinnovabili, crollano le installazioni nell’anno della pandemia

    La pandemia colpisce anche il settore delle energie rinnovabili: registrata nel 2020 una drastica riduzione del numero degli impianti domestici ed una brusca frenata sia per il segmento commerciale, che chiude a +3% su base annua contro...

  • digital green week key energy mobilità elettrica
    La mobilità elettrica guida la transizione energetica

    La transizione energetica accelera con la mobilità elettrica. Key Energy, il salone dedicato alle energie rinnovabili, efficientamento energetico e città sostenibili di Italian Exhibition Group, potenzia la sezione dedicata alla e-mobility portando a fattor comune filiere industriali,...

  • Connettori e fusibili Phoenix Contact per impianti fotovoltaici

    Phoenix Contact ha reso disponibili nuovi connettori e i fusibili di linea con cavo, a completamento della gamma prodotti Sunclix per impianti fotovoltaici. I connettori da pannello sono particolarmente adatti per il cablaggio di inverter e scatole...

  • Erg: 2,1 miliardi di investimenti, quasi tutti in rinnovabili 

    Continua nel segno della sostenibilità la crescita di Erg attraverso un incremento della potenza installata di 1,5 GW, e investimenti per circa 2,1 miliardi di euro di cui il 90% proprio in rinnovabili. Sono queste le principali novità contenute nel piano industriale e nel piano...

  • solarwall energia solare
    L’energia solare per il riscaldamento e raffreddamento degli edifici

    I sistemi solari passivi non sono una novità, anche se le realizzazioni effettuate sono limitate e qualche volta più sperimentali che operative. L’ingegnere canadese John Hollick  ha brevettato alcuni decenni fa una interessante e innovativa tecnologia per...

  • Eaton Lille sistema di accumulo fotovoltaico
    I sistemi di accumulo Eaton rendono efficiente e sostenibile l’Università di Lille

    L’Università Cattolica di Lille ha intrapreso un percorso verso un futuro a zero emissioni, scegliendo il sistema di accumulo di Eaton per immagazzinare l’energia rinnovabile prodotta da 1400m2 di pannelli fotovoltaici, utilizzata per alimentare gli edifici accademici...

  • fai filtri energie rinnovabili
    Nuovi separatori Fai Filtri per le energie rinnovabili

    Fai Filtri, azienda italiana che produce elementi filtranti e componenti per i settori aftermarket, oleodinamica, elettroerosione, separazione aria/olio e impiantistica industriale, ha ampliato i campi di applicazione della propria gamma di separatori al mercato delle energie rinnovabili....

  • gibus e-twist pergole pannelli solari fotovoltaico
    Gibus presenta le pergole bioclimatiche con pannelli solari

    Estetica e tecnologia si fondono in un progetto innovativo orientato al risparmio energetico, dunque estremamente avanzato sul piano della sostenibilità ambientale. Gibus si spinge oltre il concetto di pergola bioclimatica, trasformando quest’ultima nel perno di un processo...

  • monge mercurio siemens
    Siemens aiuta Monge a ridurre l’impatto ambientale dei suoi stabilimenti

    Monge, la più importante realtà produttiva nel settore del pet food, prosegue il percorso virtuoso di riduzione del proprio impatto ambientale affidando a Mercurio, azienda che opera nel campo dell’efficienza energetica, in partnership con Siemens, la realizzazione...

  • sarah jane jucker EPQ smartEN transizione energetica
    Consumatori protagonisti della transizione energetica

    Il focus principale dello Smart Energy Summit 2021 organizzato da smartEn è stato lo sviluppo dei servizi legati alla flessibilità come strumento strategico per dare equilibrio alla rete elettrica. Il sistema elettrico sta infatti attraversando una fase...

Scopri le novità scelte per te x