Meno carta e plastica, l’impegno di Qundis per l’ambiente

Pubblicato il 1 febbraio 2021
Qundis garanzia qualità

Qundis ha ottenuto nel corso dell’anno 2020 un risparmio di circa 1,3 tonnellate di plastica e circa 2,3 tonnellate di carta per la produzione dei propri contatori di calore.

La notizia arriva a seguito della conferma del sigillo Emas (Eco-Management and Audit Scheme), lo strumento creato dalla Comunità europea al quale possono aderire volontariamente le organizzazioni per valutare e migliorare le proprie prestazioni ambientali e fornire al pubblico e ad altri soggetti interessati informazioni sulla propria gestione ambientale.

Qundis ha superato l’audit ambientale relativo, mettendo in evidenza la gestione esemplare delle sostanze pericolose, le strategie di risparmio energetico, l’impegno nelle iniziative di sostenibilità, l’ordine e la pulizia nella produzione. Inoltre, il revisore ha elogiato la gestione messa in atto nel corso della pandemia di Covid-19, dalle misure igieniche alla comunicazione ai dipendenti, fino alla digitalizzazione del roadshow annuale riservato ai clienti.

Qundis ha ottenuto miglioramenti particolari nelle aree di imballaggio e documentazione di accompagnamento del prodotto: “Nel 2020 siamo stati in grado di ottimizzare l’imballaggio dei nostri dispositivi e ottenere un effettivo risparmio – ha commentato Frank Jünemann, responsabile della gestione qualità e dell’ambiente in Qundis – Nel caso dei nostri contatori di calore abbiamo ottenuto un risparmio di circa 1,3 tonnellate di plastica e circa 2,3 tonnellate di carta.”

Nel rispetto dei requisiti di legge, Qundis ha continuato a perseguire il suo obiettivo ambientale riducendo ulteriormente la documentazione di accompagnamento dei prodotti: “questo si traduce in una significativa riduzione dei rifiuti di carta nei cantieri dei nostri clienti. Per i moduli radio aggiuntivi e per i nostri ripartitori dei costi di riscaldamento siamo stati in grado di ridurre il consumo annuale di carta di 2,5 tonnellate per gruppo di prodotti” ha proseguito Jünemann.

Nell’ambito di Emas, sigillo che Qundis ottiene dal 2015, l’azienda ha rilasciato una dichiarazione ambientale in cui vengono comunicati in modo trasparente e pubblico gli impatti ambientali diretti e indiretti, il consumo di materiali, il fabbisogno energetico ma anche gli obiettivi ambientali.



Contenuti correlati

  • Greenway Group biogas economia circolare
    Economia circolare contro la crisi dei fertilizzanti

    L’economia circolare per superare la crisi che sta colpendo l’agricoltura: davanti a una carenza di fertilizzante, con conseguente aumento esponenziale dei prezzi, arriva la risposta del Greenway Group. La realtà friulana, che raccoglie la Greenway Agricola, la...

  • Schneider Electric riceve il premio “2022 Microsoft Energy & Sustainability Partner of the Year”

    Schneider Electric ha vinto il riconoscimento Energy & Sustainability 2022 Microsoft Partner of the Year. Schneider è stata scelta tra i top partner mondiali di Microsft per le sue soluzioni software innovative EcoStruxure, offerte ai clienti e...

  • H-ZEB_Benevento
    Edificio zero emissioni a idrogeno: ecco l’H-ZEB di Benevento

    L’edificio residenziale ad energia quasi zero (nZEB – nearly Zero Energy Building) di Benevento, diventa un edifico H-ZEB (Hydrogen Zero Emission Building) arricchendosi di nuove tecnologie che traguardano la transizione energetica attraverso l’utilizzo dell’idrogeno. L’edifico, che rappresenta...

  • Arriva il Master Supply Chain Sostenibile, per il Sustainability Manager

    L’attenzione alla sostenibilità è ormai un obbligo per ogni ambito delle attività umane: dai comportamenti privati ai consumi, dall’agricoltura alle produzioni industriali. Si tratta di una dinamica che sta creando nuove professioni e nuovi posti di lavoro:...

  • Gli edifici intelligenti hanno bisogno di reti intelligenti

    Oggi si parla molto di edifici intelligenti, o smart building. Indipendentemente dalle diverse accezioni che si danno a questa definizione, il potenziale che rivestono non è trascurabile. Gli edifici moderni possono fare molto di più per noi...

  • PlastiCare, una filosofia per vivere la plastica in maniera consapevole

    Parlando di polimeri, non possiamo non ricordare quanto le materie plastiche abbiano dato un’accelerazione e un contributo fondamentali alla produttività dell’industria, specialmente in un settore come quello della stampa 3D, dove proprio le plastiche hanno consentito lo...

  • Aras economia circolare
    Economia circolare, un modello di business di successo per il futuro

    È ormai evidente come le “green practice” e la sostenibilità ambientale siano collegate alle performance e al successo di un’impresa. Si tratta di una sfida imprenditoriale e organizzativa sempre più importante, che le aziende italiane hanno iniziato...

  • Federico Soncini_Mia-Platform_digitale_app
    Una app riduce l’impronta ambientale delle infrastrutture digitali

    Inviare un tweet: 0,2 grammi di CO2. Mandare una mail: 4 grammi di CO2. Con allegato: 50 grammi di CO2. Il mining dei bitcoin: 56,8 milioni di tonnellate di CO2 in un anno. Anche se non ce...

  • Tüv Süd Guida autonoma
    Veicoli a guida autonoma, Tüv Süd guarda al futuro

    In qualità di azienda di prove, ispezioni e certificazioni che opera a livello globale, Tüv Süd è uno degli attori principali quando si tratta di sicurezza, protezione e test degli AV. Le attività di Tüv Süd in...

  • EDIFICI COMMERCIALI SOSTENIBILI

    Negli ultimi anni, migliaia di aziende hanno preso l’impegno di rispettare gli obiettivi di sostenibilità, tuttavia molte di esse non sono in possesso delle conoscenze e degli strumenti adeguati per misurare la propria carbon footprint, oltre alla...

Scopri le novità scelte per te x