L’Egitto punta sull’energia solare

Più del 50% dell'incremento di fabbisogno energetico per il piano di sviluppo economico egiziano sarà garantito dall'energia solare.

Pubblicato il 3 marzo 2015

“L’Egitto avrà bisogno di ulteriori 8.000 megawatt di elettricità durante i prossimi dieci anni, per poter soddisfare i bisogni derivanti dall’economia in espansione, 4.300 megawatt dei quali verranno ricavati dall’energia solare”. Questo è quanto ha dichiarato il Ministro per gli Investimenti Ashraf Salman, affermando che il suo Ministero sta promuovendo investimenti a livello internazionale per il settore della produzione di energia elettrica.

In merito ai bisogni energetici del settore privato dei prossimi decenni e alle modalità attraverso cui il Governo, in cooperazione con la comunità imprenditoriale, potrà soddisfare queste esigenze, il Ministro egiziano dell’Elettricità e dell’Energia Rinnovabile Mohamed Shaker El Markabi ha sottolineato che l’unica via percorribile sarà quella di ricorrere a diverse fonti di approvvigionamento, che comprendano l’energia solare ed eolica, oltre quelle derivanti da attività estrattive.

El Markabi ha annunciato inoltre che la nuova normativa sull’elettricità, ora in esame presso il Primo Ministro Ibrahim Mahlab sarà promulgata in tempo per la Conferenza sullo sviluppo economico dell’Egitto (Eedc – Egyptian Economic Development Conference) che si terrà a Sharm el-Sheikh, dal 13 al 15 marzo 2015.

“In seno all’Eedc saranno resi disponibili dei contratti per poter investire in centrali elettriche a carbone e centrali fotovoltaiche, e riteniamo sia plausibile che tali contratti verranno firmati alla conferenza”, ha dichiarato il Ministro per gli Investimenti Ashraf Salman.

Sharm el-Sheikh, dal 13 al 15 marzo 2015, ospiterà infatti la Conferenza Eedc sullo sviluppo economico dell’Egitto. La Conferenza rappresenterà una pietra miliare per la messa in atto del programma di riforme a medio termine del Governo, mirato ad accelerare lo sviluppo economico nel Paese.

Attirando figure preminenti in campo politico ed economico, a livello globale, Eecd porrà in evidenza le ampie riforme già realizzate dal Governo e presenterà quelle future, concepite per ripristinare la stabilità fiscale, stimolare la crescita ed attirare investimenti con l’obiettivo generale di accrescere il welfare della popolazione egiziana. La Conferenza rappresenterà inoltre un’opportunità di investimento, in vari settori chiave, per investitori locali ed internazionali. Eedc riaffermerà il potenziale dell’Egitto, quale risorsa di stabilità politica ed economica nella regione e partner affidabile sullo scenario internazionale.

Il Quadro di Politica Macroeconomica a medio termine è una strategia onnicomprensiva di crescita elaborata dal Governo egiziano per promuovere lo sviluppo sostenibile. Si basa su tre pilastri fondamentali: la stabilizzazione di bilancio, riforme a favore della crescita e il raggiungimento della giustizia sociale, parallelamente ad una crescita maggiore, sostenibile e più inclusiva.

La stabilizzazione di bilancio verrà raggiunta tramite una combinazione di riforme fiscali, razionalizzazione della spesa e riforme riguardanti la gestione del Tesoro. Le riforme dell’apparato burocratico punteranno a facilitare lo sviluppo delle attività e ad incoraggiare gli investimenti del settore privato.

Il principio fondamentale che governa le politiche e i programmi a medio e a lungo termine, è il raggiungimento della giustizia sociale, parallelamente ad una crescita maggiore, sostenibile e più inclusiva. Questo comporterà il reindirizzamento di parte delle risorse risparmiate con le misure di consolidamento fiscale, a favore della sanità, dell’istruzione e del rafforzamento delle reti di sicurezza sociale. Sebbene tale approccio porterà inevitabilmente ad un rallentamento del percorso di aggiustamento di bilancio, rispetto a ciò che si sarebbe potuto ottenere, garantirà una distribuzione più equa sia dei costi sia dei benefici di tale aggiustamento, oltre ad assicurare il sostegno pubblico alle riforme necessarie. Nel percorso verso il raggiungimento di un miglioramento materiale della qualità della vita dei cittadini egiziani, il Governo salvaguarderà l’avvio e la tenuta delle riforme.

L’attuazione di questo quadro a medio termine sarà resa possibile grazie al sostegno di partner esteri, i quali contribuiranno a questo programma con afflusso di capitale.

Inoltre, il Governo ha elaborato delle strategie specifiche per dei settori chiave tra cui: Petrolio e Gas, Attività Mineraria, Edilizia, Energia, Agricoltura, Turismo, Industria e Manifatturiero, Trasporti/Logistica e Itc.

La conferenza Eecd, che si terrà nel marzo 2015 a Sharm el-Sheik è, in questo quadro, una pietra miliare, in quanto vedrà la presentazione del nuovo programma di riforme e delle opportunità d’investimento ad una serie di partner globali ed investitori.

 

Eecd – Egyptian Economic Development Conference: http://www.egyptthefuture.com

 



Contenuti correlati

  • Tecnologia da Formula 1 per i parchi eolici offshore

    Grazie a una sovvenzione per la ricerca industriale della prestigiosa Royal Academy of Engineering britannica, Agathoklis Giaralis, professore associato di dinamica strutturale presso la City University of London, e ABL Group, uniranno le forze in un progetto...

  • Da Parker, nuova valvola di sfiato termica con connessioni a doppia boccola A-LOK

    Parker Hannifin ha lanciato una gamma estesa di valvole di sfiato termiche criogeniche in acciaio inossidabile con l’opzione di connessioni A-LOK a due boccole integrate. La tecnologia di connessione A-LOK a due boccole di Parker garantisce prestazioni prive...

  • Affrontare il futuro con l’agritech

    Quando si parla di connettività, tecnologie IoT e 5G, ma anche digitalizzazione e blockchain, si pensa all’industria di nuova generazione. Tuttavia, le nuove tecnologie hanno già fatto il loro ingresso anche nel settore agricolo Leggi l’articolo

  • Trattori formato Tesla

    Le promesse di riduzione dei costi energetici, aumento della produttività e miglioramento dell’affidabilità, associate alla pressione derivante dalla regolamentazione delle emissioni, stanno alimentando una rapida innovazione in molte tipologie di Nrmm, le ‘macchine mobili non stradali’ Leggi l’articolo

  • EnergRed fotovoltaico crescita
    Ci sono grandi potenzialità di crescita per il fotovoltaico in Italia

    Il fotovoltaico, risorsa per la quale il nostro Paese è particolarmente favorito, potrebbe crescere di 6 volte. Il potenziale aumento della produzione relativamente al fotovoltaico è infatti pari a 126 GW addizionali, circa 6 volte la capacità...

  • Sistema di accumulo di energia per installazione outdoor da Socomec

    Con la transizione energetica e gli obiettivi di decarbonizzazione dell’Unione Europea entro il 2030 che incentivano l’utilizzo delle fonti di energia rinnovabile, i sistemi di accumulo sono soluzioni sempre più richieste sul mercato. L’accumulo di energia è...

  • COP27: investire sulle rinnovabili per contrastare il riscaldamento globale

    Per arginare i cambiamenti climatici e contrastare il riscaldamento globale, occorre puntare con maggiore convinzione sulle rinnovabili. Se l’obiettivo è davvero la decarbonizzazione, programmare investimenti su fonti come il fotovoltaico, deve rappresentare la strada maestra. Questo al centro...

  • Aprono domani Ecomondo e Key Energy 2022: venerdì in fiera a Rimini il Ministro Fratin

    Il mondo della Green Economy torna a darsi appuntamento a Ecomondo e Key Energy, i saloni di Italian Exhibition Group dedicati, rispettivamente, all’economia circolare e alle energie rinnovabili. L’appuntamento è da domani, nel quartiere fieristico di Rimini. Con...

  • Green Logistics Expo, edizione 2022 ricca di spunti

    Chiusura positiva per la seconda edizione di Green Logistics Expo, il Salone della Logistica Sostenibile promosso da Padova Hall e organizzato da Senaf, che si è svolto dal 5 al 7 ottobre negli spazi di Padova Hall...

  • H2IT idrogeno verde white paper
    Uso dell’idrogeno verde nelle costruzioni, il paper di H2IT con idee e proposte

    Sia Bruxelles che il Governo nazionale (attraverso il PNRR) hanno inserito tra le proprie priorità strategiche lo sviluppo di una filiera dell’idrogeno verde, prodotto grazie all’impiego di energia da fonti rinnovabili, che diventerà sempre più determinante anche...

Scopri le novità scelte per te x