La tecnologia Selta per la rete elettrica “smart & green” di San Severino Marche

L’azienda piacentina Selta ha sviluppato e fornito ad Assem i sistemi di controllo per l’integrazione delle fonti rinnovabili basate su energia idroelettrica e fotovoltaica.

Pubblicato il 22 settembre 2014

Tecnologie “designed and made in Italy” per uno dei più avanzati sistemi di utilizzo ed integrazione delle energie rinnovabili nell’ambito delle reti elettriche in campo nazionale ed europeo sono state fornite da Selta ad Assem, l’Azienda di Servizi di San Severino Marche (Macerata). L’azienda piacentina ha sviluppato, in collaborazione con il Politecnico di Milano, una soluzione in grado di controllare costantemente ed ottimizzare i flussi della rete elettrica a media tensione al fine di integrare l’energia generata da sei impianti basati su fonti rinnovabili, di cui tre di tipo idroelettrico e otto di tipo fotovoltaico.

La fornitura, che comprende progettazione, tecnologie, soluzioni di gestione e servizi di integrazione, è avvenuta nell’ambito di uno dei sette progetti incentivati previsti in tutt’Italia in base alla delibera 39/10 dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas ed il Sistema Idrico. In particolare, Selta ha fornito apparati di controllo locali e centrali (Stce/Rtu), sistemi di acquisizione dati (Dms/Scada) con relativi sistemi di visualizzazione e interfaccia operatore (Hmi), sistemi di comunicazione dati comprensivi di router e switch per reti IP, apparati per il controllo di cabine primarie, cabine di smistamento e delle utenze attive (gli impianti di generazione).

Il progetto pilota, che è di assoluto rilievo in campo nazionale e internazionale, è già operativo e i primi risultati sono stati illustrati nel corso di un convegno che si è tenuto nella cittadina marchigiana, con la partecipazione del presidente della multiutility Claudio Brunacci, del sindaco Cesare Martini, dell’Autorità (Aeegsi), di esponenti del Politecnico di Milano, di Terna e di partner tecnologici che hanno contribuito alla realizzazione.

Scopo della “smart grid” realizzata da Selta per Assem è il rilevamento delle condizioni di funzionamento dell’impianto, dialogando anche con la rete ad alta tensione di Terna, garantendo le necessarie funzioni di sicurezza, di integrità degli impianti elettrici e fornendo quei dati che consentono un corretto bilanciamento tra i valori di generazione elettrica e quelli di assorbimento da parte della rete. Quest’ultimo è un problema particolarmente critico proprio negli impianti con fonti rinnovabili, come il fotovoltaico, la cui produzione è più difficilmente programmabile e preventivabile rispetto alle fonti convenzionali.

Le soluzioni adottate sono tali da poter costituire, secondo i piani stessi dell’Autorità per l’energia, un punto di riferimento per altri futuri impianti di questo genere, sfruttando competenze e tecnologie particolarmente avanzate, dalle reti IP (l’Internet Protocol che permette di far colloquiare diversi tipi di apparecchiature IT, di comunicazione e informatiche) a sofisticati algoritmi per il controllo automatizzato.

Grazie a queste soluzioni, Assem potrà tenere sotto controllo la cabina primaria “cuore” del sistema intelligente e i singoli impianti di generazione distribuita, attuando in automatico quelle regolazioni che permettono di assicurare valori costanti di tensione, in funzione del carico e dei livelli effettivi di generazione, del delicato equilibrio variabile che è fondamentale per il regolare funzionamento della rete.

“L’Italia è uno dei Paesi in Europa in cui il contributo delle energie rinnovabili ha raggiunto i valori più elevati, grazie alla diffusione di impianti di piccola, media ed elevata capacità. Le reti elettriche sono soggette ad una nuova e importante sfida, perché devono tener conto di parametri completamente nuovi, come la bidirezionalità dei flussi, il carattere fortemente distribuito della generazione, l’imprevedibilità della capacità effettiva, fortemente influenzata dalle condizioni meteo. Per far fronte a questi nuovi scenari, Selta ha sviluppato e continua ad estendere una gamma di soluzioni tecnologiche di nuova generazione in grado di dare una risposta a questi problemi”, afferma Stefano Zanin, Marketing Manager della business unit Automazione Smart Energy e Trasporto in Selta. “La collaborazione con Assem, che si è avvalsa anche del contributo scientifico del Politecnico di Milano, è un esempio positivo di come queste nuove sfide possano trovare una risposta nell’industria italiana e di come nuove forme di eccellenza possano contribuire allo sviluppo del settore”.

Selta è uno dei principali produttori nazionali nel campo del controllo e dell’automazione di impianti e di reti elettriche, oltre che nei sistemi di comunicazione voce e dati. Nel settore elettrico, Selta è tra l’altro un fornitore di riferimento per il controllo della rete di distribuzione e di quella a media e ad alta tensione, dove è tra i maggiori partner tecnologici di Terna, Enel e dei maggiori operatori del settore.

 

Selta: http://www.selta.it



Contenuti correlati

  • Engie e BTicino: una partnership per l’energia pulita

    Engie, azienda all’avanguardia nel settore della decarbonizzazione e dell’efficienza energetica, ha realizzato e avviato un impianto fotovoltaico sul tetto dello stabilimento BTicino di Tradate (VA). BTicino, azienda metalmeccanica fondata nel 1936, oggi appartenente al Gruppo industriale francese...

  • fiera rimini fotovoltaico ieg
    Fiere e congressi sempre più sostenibili con il fotovoltaico

    Italian Exhibition Group fa rotta verso un futuro sempre più sostenibile. Il gruppo fieristico e congressuale, in partnership con Green Utility, ha infatti previsto l’attivazione di tre nuovi impianti fotovoltaici sulle proprie strutture espositive di Rimini e...

  • hitachi abb power grids bus elettrico
    Trasporto pubblico ed elettrificazione, la vision di Hitachi ABB Power Grids

    Il vettore elettrico, per molte grandi città, ha iniziato a diventare uno dei focus più interessanti quando si parla delle reti di trasporto. Per introdurre questa tipologia di sistemi nella mobilità urbana, però, è necessario prendere in...

  • “Coltiviamo energia”: il progetto di ener2crowd per il gruppo Falck

    Il sole abbonda in Italia, ma le Regioni più esposte non vanno in testa alle classifiche del fotovoltaico: sul podio, invece, Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna che insieme vantano circa 300 mila impianti a servizio di famiglie ed...

  • Joint venture italiana per il fotovoltaico in Arabia Saudita

    Teksolar (controllata da Teatek SpA) e Carlo Gavazzi Arabia (controllata da Bonatti SpA) hanno concluso un accordo finalizzato alla realizzazione di impianti fotovoltaici in Arabia Saudita, con lo scopo di valorizzare i profili e le competenze delle...

  • Transizione energetica e sviluppo locale: parco fotovoltaico di Lamezia Terme

    Il Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima (PNIEC) redatto dal Ministero dello Sviluppo Economico, dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è lo...

  • Innovazione nella distribuzione del gas naturale

    Con il misuratore di portata gas a ultrasuoni FLOWSIC600, disponibile sul mercato dal 2004, SICK ha già dimostrato la sua competenza e affidabilità come partner nell’industria del Gas Naturale. Fino all’introduzione di FLOWSIC500 nel 2012, nel segmento...

  • barometro del fotovoltaico 2021 elmec solar
    Fotovoltaico, il potenziale nascosto di Piemonte, Sicilia Liguria

    Elmec Solar, azienda di Brunello (VA) del gruppo Elmec che si occupa di installare e manutenere impianti fotovoltaici residenziali e industriali, introduce la terza edizione del Barometro del Fotovoltaico in Italia con la focalizzazione sulle aree della...

  • decarbonizzazione economist impact
    12 tecnologie per la decarbonizzazione delle città

    Le tecnologie che migliorano l’efficienza energetica degli edifici sono verosimilmente quelle che produrranno l’impatto maggiore sulla riduzione delle emissioni di gas serra (GHG) e quindi sul processo di decarbonizzazione.  Mentre alcune soluzioni, come lo stoccaggio dell’energia distribuita,...

  • batterie al litio filiera italiana riciclo
    Auto elettriche, la filiera italiana per il riciclo delle batterie al litio

    L’Italia è pronta per avviare una filiera nazionale per allungare la vita delle batterie delle auto elettriche. Se da un lato c’è un forte impegno per la costituzione di Gigafactory, un’altra possibile e complementare soluzione riguarda il...

Scopri le novità scelte per te x