Italia sostenibile, i Comuni più virtuosi e lungimiranti premiati in relazione al Paes

Pubblicato il 21 maggio 2014

Fiavè (TN), Sardara (VS), Castrolibero (CS), gli 8 Comuni dell’Isola d’Elba (LI) e Novara: sono loro i vincitori dell’edizione 2014 di A+CoM, riconoscimento promosso da Alleanza per il Clima e Kyoto Club per premiare i migliori Paes, Piani d’azione per l’energia sostenibile italiani. Giunto alla sua terza edizione, il premio è stato consegnato a Roma, in occasione del workshop del Patto dei Sindaci promosso nella sala conferenze dell’Enea.

A+CoM ha visto quest’anno la partecipazione di oltre 70 Comuni: tra questi sono stati selezionati da un comitato scientifico i 4 premiati (con un ex-aequo tra Fiavè e Sardara, nella categoria fino a 5.000 abitanti, e con il Piano congiunto delle 8 municipalità dell’Elba). Tra Nord (Piemonte e Trentino), Centro (Toscana), Sud (Calabria) e Isole (Sardegna), il Premio ideato da Alleanza per il Clima e Kyoto Club ha rappresentato anche quest’anno un’importante vetrina per gli esempi più interessanti e lungimiranti di politiche locali per la sostenibilità.

Sardara (VS) è il Comune primo classificato nella categoria Comuni fino a 5.000 abitanti. Il piccolo Comune sardo della Provincia del Medio Campidano vive si turismo. Per la redazione del Paes si è avvalso della collaborazione dell’Agenzia regionale Sardegna Ricerche, nell’ambito del progetto “Smart City – comuni in classe A”. Il Paes punta sul settore residenziale e alberghiero per il tema della riduzione dei consumi energetici negli edifici ed è da notare anche l’interesse particolare al tema della geotermia e dei rifiuti. Infine importante anche che il Comune si impegni nel voler effettuare il monitoraggio dei consumi utilizzando un apposito software con dati geografico-informativi (Gis) che, come altri Comuni hanno dimostrato, può avere un notevole impatto anche comunicativo oltre che di controllo.

Fiavé (TN) è l’altro Comune primo classificato categoria Comuni fino a 5.000 abitanti. Il Comune con l’adesione al Patto dei Sindaci e la realizzazione del Seap, segue il percorso verso la sostenibilità energetico-ambientale e la promozione di eccellenze del territorio intrapreso sin dal 2006 con l’attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale (Sga).

Le 29 azioni del Seap, per la maggior parte relative al settore Pubblica Amministrazione e Residenziale, se portate a compimento consentiranno all’intera comunità di ridurre le proprie emissioni di CO2 in atmosfera del 28% rispetto alle emissioni del 2007 (anno base). Da segnalare l’attento lavoro di reperimento di dati, accuratissimo per quelli relativi all’ente, per la definizione dell’Inventario delle emissioni, sia attraverso la raccolta diretta dei dati disponibili, sia attraverso richieste specifiche agli Enti gestori, sia infine attraverso la consultazione di database nazionali, provinciali e di settore.

Castrolibero (CS) è il Comune primo classificato categoria Comuni 5.000-20.000 abitanti. Il Comune calabrese della provincia di Cosenza, che ha il merito di essere molto attivo su vari progetti europei e nazionali improntati sulla sostenibilità come il progetto Recoil, per la raccolta degli oli esausti, la collaborazione al progetto europeo Medeea, per la diffusione del metodo dello European Energy Award sulle politiche energetiche di livello locale, ed altri progetti sulla raccolta differenziata. Il Paes indica l’obiettivo di riduzione del 24% delle emissioni relative ai consumi energetici finali, rispetto all’anno base 2008, è stato poi definito con il concorso dei vari attori locali (cittadini, amministrazione e stakeholder) coerentemente con quelli che sono gli impatti ambientali dei vari settori ed è scaturito in 23 schede d’azione.

L’azione del Comune di Castrolibero nei confronti dei temi legati alla riduzione delle emissioni di gas climalteranti si è concretizza principalmente attraverso una serie di politiche locali finalizzate da un lato a rendere efficienti i sistemi di produzione e consumo di energia e dall’altro a ridurre i consumi sia a livello pubblico (per esempio negli edifici pubblici di proprietà dell’amministrazione

e nel settore trasporti) che a livello privato (edilizia privata).

Paes congiunto dell’Isola d’Elba (LI) per i Comuni: Campo nell’Elba, Capoliveri, Marciana, Marciana Marina, Porto Azzurro, Portoferraio, Rio nell’Elba, Rio Marina. Primo classificato per la categoria Comuni fino a 20.000-90.000 abitanti. Il Paes congiunto dell’isola d’Elba è stato realizzato con il supporto e coordinamento della Provincia di Livorno tramite l’Ealp, l’Agenzia Energetica della Provincia di Livorno, per gli 8 comuni dell’isola d’Elba. Il Piano ha una notevolissima cura nella rendicontazione metodologica della raccolta dati e del calcolo delle emissioni. Il Paes si inserisce in un progetto che mira a rendere ad emissioni zero l’intera isola, con attenzione al coinvolgimento dei privati, soprattutto il settore del turismo, e dei vari livelli amministrativi. Il Paes coglie poi appieno il senso del piano congiunto, anche nella parte relativa alla programmazione del finanziamento delle attività, volendo far leva sull’aggregazione dei Comuni per poter avere progetti finanziabili direttamente dai fondi europei.

Novara è il Comune primo classificato categoria Comuni oltre 90.000 abitanti. Il Comune è da anni attivo nella pianificazione e programmazione energetica ed ambientale, e l’adesione al Patto dei Sindaci, con la successiva redazione del Paes ha trovato dunque una naturale continuità con quanto già avviato in passato. La scelta dell’anno base del Piano è infatti caduta sul 1998, proprio perché dello stesso anno era il piano energetico comunale. Dal Piano traspare una netta e convinta volontà del comune nel guidare e nel voler realizzare cambiamenti ed efficientamenti energetici. Notevoli sono le azioni rivolte alla pianificazione della mobilità, anche con la logistica merci tramite mezzi elettrici, e nella progettazione di impianti di teleriscaldamento, come quello a servizio delle abitazioni del quartiere di Sant’Agabio che ben si presta a questa soluzione per la densa presenza di condomini con impianti centralizzati. All’interno del Piano vi è poi anche il tema rifiuti e i dati sono stati aggiornati al 2011 per permettere una prima analisi dell’evoluzione dei consumi e delle emissioni del territorio.

 

Alleanza per il Clima: http://www.climatealliance.it



Contenuti correlati

  • Nuova visual identity e claim per MCE

    MCE, la vetrina prestigiosa del settore, allarga il proprio orizzonte visivo con il ruolo di leader che ha conquistato negli anni, governando i cambiamenti sempre più ampi e importanti, con un percorso per incrementare il proprio ruolo...

  • Meno consumi e più sostenibilità, con nuovi motori e azionamenti

    La sostituzione delle installazioni obsolete con nuovi motori più efficienti ed ecologici comporta importanti vantaggi per l’ambiente e lo sfruttamento delle risorse, oltre che per i costi di produzione e quindi per la competitività. Leggi l’articolo

  • Simplifhy Premio Sviluppo Sostenibile 2022
    Simplifhy tra le prime cinque migliori start up italiane per il clima

    Grazie alla soluzione Hyper-Gen, Simplifhy è stata selezionata tra le cinque migliori start up per il clima nell’ambito del Premio Sviluppo Sostenibile 2022. Il Premio, nato per far conoscere e promuovere le migliori pratiche e innovazioni nei...

  • sostenibilità industria
    Come fare per diventare un’industria sostenibile?

    Si parla molto del tema della sostenibilità ambientale, oramai questo termine è utilizzato quasi come un intercalare quando si parla di economia ed industria. Purtroppo, questa parola non può rappresentare un desiderio da soddisfare per seguire la...

  • ABB investe nella startup climate tech Tallarna

    ABB ha avviato una partnership strategica con Tallarna Ltd, una start-up britannica che opera nel settore delle tecnologie per il clima, per accrescere il proprio portafoglio di tecnologie per la gestione energetica. Utilizzando l’analisi dei dati basata...

  • SmartMe smart city
    Obiettivo smart city, tra sicurezza urbana e rispetto della privacy

    Il futuro delle smart city passa da stazioni di monitoraggio dati a 360° e da telecamere intelligenti in grado di rilevare oggetti e misurare dati nel rispetto della privacy dei cittadini. L’obiettivo? Far sì che le città...

  • Etichetta green per dare nuova vita ai rifiuti

    Epson aderisce al progetto Fur of Love che è insieme una label e una campagna per salvare i capi pre-loved da discariche e inceneritori. Partner tecnologico dell’iniziativa, Epson attesta l’essenza vintage della pelliccia sulla base di un’autocertificazione...

  • Certificazione ‘Made in Italy’ per ridurre del 73% i casi di danno ambientale

    Nelle aziende del Vecchio Continente manca una vera cultura della prevenzione e del ripristino di un danno fatto all’ecosistema: solo l’1,7%, infatti, ha attivato una polizza sul rischio ambientale. Per guidare il cambiamento a favore di una...

  • Natale 2022: quest’anno sotto l’albero si ‘spacchetta’ la sostenibilità

    I consumatori sono sempre più attenti alla sostenibilità dei prodotti e delle aziende che li producono e commercializzano. Secondo uno studio di Accenture, in Italia, il 71% dei consumatori preferisce acquistare beni e servizi provenienti da aziende con...

  • Sato etichette linerless solubili
    Packaging e riciclo: le etichette Sato sono solubili in acqua

    Sato, multinazionale giapponese che fornisce soluzioni per l’identificazione automatica e per la tracciabilità dei prodotti, ha avviato un’analisi interna con l’obiettivo di identificare soluzioni concrete da proporre ai partner e ai clienti finali interessati a valorizzare gli...

Scopri le novità scelte per te x