IMQ inaugura una camera semianecoica EMC di ultima generazione

Pubblicato il 13 ottobre 2021

Una camera semianecoica di 220 m2, in grado di ospitare dallo spazzolino da denti wi-fi al suv o al furgone commerciale. Un ambiente di prova estremamente versatile, in grado quindi di soddisfare le esigenze di una pluralità di industrie, dall’elettronica di consumo, all’automotive, ai dispositivi medici.

È questa la novità appena inaugurata a Bollate (MI) da IMQ – Istituto Italiano del Marchio di Qualità: una camera semianecoica per le prove di compatibilità elettromagnetica secondo le principali normative internazionali del settore, una delle più grandi camere disponibili a livello europeo, con possibilità di misura fino a 10 metri, costruita e attrezzata con tecnologie di ultima generazione.

“Il progetto della nuova camera semianecoica, economicamente impegnativo, è stato portato avanti con convinzione dal Gruppo IMQ nonostante le difficoltà operative conseguenti alla pandemia” ha dichiarato Antonella Scaglia, CEO di IMQ. “Si tratta di una soluzione dedicata alla sperimentazione delle tecnologie più innovative del settore manifatturiero e industriale, voluto a supporto delle aziende impegnate nel cogliere le opportunità emerse con la ripresa economica”.

Una struttura di prova che va ad aggiungersi alle altre camere EMC di IMQ – ospitate rispettivamente nelle sedi di Milano, Trofarello (TO) e Belforte del Chienti (MC) – e che conferma IMQ come uno dei maggiori poli europei per i servizi one-stop di verifica e certificazione dei prodotti più innovativi.

“Le nuove capacità di prova offerte dalla camera, unite all’esperienza e alle competenze dei nostri ingegneri” ha commentato Fulvio Giorgi, Direttore della Business Unit Product Conformity Assessment di IMQ “rappresentano solo una parte del nostro hub tecnologico che sempre di più si sta affermando quale punto di riferimento per la verifica di dispositivi smart e IoT. Accanto alle camere EMC, il nostro centro ospita i laboratori per le prove radio e per le verifiche di interoperabilità, nonché ambienti di prova in grado di simulare condizioni reali ‘controllate’, come ad esempio la pista attrezzata per le verifiche dei dispositivi ITS (Intelligent Transport Systems)”.

“Ancora prima dell’inaugurazione” ha dichiarato Roberto Colombo, Responsabile del Laboratorio EMC di IMQ “abbiamo ricevuto numerose richieste per attività di prova dalle aziende. Particolarmente interessati alle prove in camera da 10 metri, si sono dimostrati in questo periodo i produttori di dispositivi medici, che devono soddisfare i requisiti richiesti dalle norme per l’accesso ai mercati europei e internazionali. Ma l’attuale diversificazione del mercato e l’attenzione crescente per i requisiti di interoperabilità, oltre a confermare i settori con i quali tradizionalmente già lavoravamo, ci sta aprendo a nuove collaborazioni con il settore auto, moto, delle strutture e delle infrastrutture smart”.

La costruzione della camera è stata affidata a ETS-Lindgren, tra i produttori internazionali (la cui sede principale è negli USA) leader di sistemi per le misure EMC, membri dei Gruppi di lavoro europei e internazionali per la stesura delle norme sulle camere anecoiche. L’operatività è stata gestita da ASEA Sistemi, partner esclusivo di ETS-Lindgren per l’Italia.



Contenuti correlati

  • CDP Italy 100 Climate Change Report 2014

    Migliorano le performance ambientali delle imprese italiane, che nell’ultimo anno hanno ridotto le emissioni dirette di CO2 e del 7% e investito ben 3,4 miliardi di euro (+ 27% rispetto al 2013) in attività di riduzione e...

Scopri le novità scelte per te x