Horizon Europe, l’Italia è protagonista nell’innovazione energetica

Pubblicato il 17 luglio 2018

È dedicata alla sostenibilità energetica gran parte della dotazione complessiva da 100 miliardi di euro prevista da Horizon Europe, il nuovo programma quadro destinato a finanziare la ricerca e l’innovazione a partire dal 2021 fino al 2027. Horizon Europe ha debuttato nei giorni scorsi all’Euro Science Open Forum 201 di Tolosa per voce del commissario europeo alla Ricerca, Scienza e Innovazione, Carlos Moedas, e sostituirà e migliorerà la programmazione in vigore, ovvero Horizon 2020.

«Se con Horizon 2020 l’Italia ha fatto incetta di finanziamenti, pensiamo che il nuovo programma Horizon Europe, grazie al know how acquisito da aziende e ricercatori, possa rendere il nostro Paese sempre più protagonista nell’innovazione energetica, ambito cui saranno destinati 15 miliardi di euro». Lo dichiarano gli esperti del centro studi Avvenia, società del gruppo Terna operante nel campo dell’efficientamento energetico, a margine della presentazione del programma quadro che poggia su tre pilastri: Open Science (budget di 25,8 miliardi di euro), Sfide globali e competitività dell’Industria (52,7 miliardi), Open Innovation (13,5 miliardi di euro la cifra prevista).

«Analizzando il dossier di Horizon Europe – spiegano gli analisti di Avvenia – troviamo che la dotazione prevista nel cluster ‘Energia, clima e mobilità’ afferente al secondo pilastro, sia la più importante insieme all’innovazione digitale e industriale, ed è pari a 15 miliardi di euro. Si andranno a finanziare nuove soluzioni in grado di accompagnare e abilitare lat ransizione energetica nell’industria e nelle costruzioni in generale, nelle città, affrontando il tema dell’approvvigionamento, stoccaggio e distribuzione; soluzioni di smart mobility, riduzione dell’impatto ambientale, miglioramento della competitività industriale attraverso i trasporti. Horizon Europe offrirà enormi opportunità al comparto produttivo italiano: la creazione del nuovo Cei (Consiglio europeo dell’Innovazione) si profila come un ottimo strumento per chi parteciperà ai bandi, con maggiori chance di vedere transitare la propria idea progettuale dal laboratorio al mercato, con impatto positivo anche sull’occupazione».

Conclude lo staff di Avvenia: «La centralità del tema energetico è confermata nel passaggio da Horizon 2020 ad Horizon Europe. Gli studi di scenario utilizzati per supportare il nuovo programma quadro guardano già all’Europa del 2040, e possono offrire una utile indicazione sulla strada da intraprendere per raggiungere ambiziosi obiettivi, come la ‘low carbon economy’ basata sia sull’approccio naturale attraverso la riforestazione, sia su quello tecnologico che consentirà la ritenzione ed il riuso della CO2, per esempio grazie e nuovi materiali. Altro obiettivo per il 2040 sarà l’utilizzo del 50% dell’energia da fonti rinnovabili (nel frattempo arrivata a costi estremamente competitivi come da scenario ‘Cheap renewable energy’, ndr) per industria, abitazioni e trasporti».



Contenuti correlati

  • CGT_Gelit
    La trigenerazione di CGT abbatte le emissioni di CO2 di Gelit

    I vantaggi della cogenerazione e trigenerazione in ambito industriale rappresentano il tema trattato nel secondo episodio di “Re-Evolution Technologies”, la web serie prodotta da CGT, storica realtà italiana che fa parte del Gruppo Internazionale Tesya, che coinvolge...

  • Danfoss idrogeno verde
    Idrogeno verde: produzione ragionata per assicurare la sostenibilità

    Un nuovo report pubblicato da Danfoss Impact rivela che, poiché la produzione di idrogeno è destinata ad assorbire più della metà dell’attuale domanda di energia elettrica entro il 2050, l’efficienza energetica nella sua produzione è fondamentale. È...

  • Un occhio all’aria compressa

    L’automazione può migliorare efficienza energetica, produttività e flessibilità in azienda. E il monitoraggio dei sistemi di aria compressa? Una soluzione ifm electronic garantisce anche in questo caso risparmi consistenti a fronte di investimenti contenuti Ifm è una...

  • Efficienza energetica e flessibilità migliorate

    Anche i millesimi di secondo sono preziosi per l’industria della plastica. Lo pensa Netstal, che per garantire sempre una produzione controllata alle sue macchine per stampaggio a iniezione si è affidata a Keba Netstal è un’azienda svizzera...

  • Ridurre il consumo di aria compressa

    Obiettivo: individuare le perdite per eliminarle in modo semplice e strutturato. Festo e GMM effettuano un revamping dei sistemi dello storico produttore di cioccolato Venchi, così da aumentare il risparmio energetico e diminuire la CO₂ Con oltre...

  • Ottimizzare l’efficienza energetica con criteri ESG

    In Gigatek è stata scelta la soluzione iFactory EHS di Advantech per costruire un sistema di gestione energetica EMS Con la crescente consapevolezza ambientale e le limitazioni dell’approvvigionamento energetico, l’ottimizzazione della gestione energetica è diventata essenziale. Fondata...

  • L’efficienza energetica nell’industria

    Trend, ostacoli e fattori trainanti per l’incremento degli investimenti in efficienza energetica nell’industria. La situazione europea e quella italiana. Diventa sempre più rilevante il contributo delle tecnologie digitali. Uno studio dell’Enea segnala importanti risultati ottenuti grazie alle...

  • Controlli tradizionali e machine learning per l’efficienza energetica negli edifici

    L’efficienza energetica negli edifici è un argomento di cui, giustamente, si sente parlare da molto tempo, rappresentando un elemento fondamentale per la decarbonizzazione, che necessariamente passa attraverso l’uso più razionale delle risorse energetiche… Leggi l’articolo

  • OVHcloud data center
    Sostenibilità e data center, il contributo dell’economia circolare

    Attualmente – secondo uno studio pubblicato su Nature – i data center consumano circa 200 terawattora (TWh) di energia all’anno e si prevede che questo consumo aumenterà di quindici volte entro il 2030, fino a raggiungere l’8%...

  • Innovazione, collaborazione e sostenibilità

    Festo guida la trasformazione verso un futuro sostenibile, offrendo soluzioni all’avanguardia per l’automazione industriale Il mercato attuale presenta sfide significative, come le rapide evoluzioni tecnologiche e gli scenari normativi in continua evoluzione. Le aziende devono dimostrare grande...

Scopri le novità scelte per te x