Expo 2015: Piuarch progetta il Padiglione Enel

Il Padiglione Enel sarà un volume virtuale realizzato con 650 vettori in policarbonato per esprimere l’innovazione della smart grid.

Pubblicato il 31 marzo 2015

Nel progettare il Padiglione Enel per Expo 2015, Piuarch ha inteso esprimere il concetto di “condivisione dell’energia” in un tema architettonico. Non attraverso un “edificio-contenitore”, ma piuttosto con la creazione di un volume virtuale: un luogo, generato da una griglia sulla quale s’innestano 650 vettori in policarbonato. La distribuzione di questi elementi verticali, illuminati e in costante divenire, definisce il volume che ingloba al proprio interno una serie di altri volumi e corti verdi.

Affacciato sul decumano, il padiglione occupa una superficie di 900 m2. La matrice iniziale del progetto è la rete intelligente che Enel ha realizzato per alimentare il sito di Expo.

L’elemento di base, sia concettuale sia strutturale dello spazio è infatti costituito dalla griglia visibile a terra. È proprio la griglia che – attraverso una rete realizzata con elementi metallici contenenti la distribuzione dell’elettricità e il flusso dei dati – trasmette l’idea di condivisione dell’energia.

Questa rete si sviluppa a filo del pavimento e conferisce al sistema una geometria ondeggiante.

Sulla rete s’innestano i vettori che rappresentano le terminazioni nervose del sistema. Realizzati con tubi in policarbonato trasparente del diametro di 150 mm e di altezze variabili tra 5,30 e 7 metri, i vettori generano un bosco virtuale illuminato attraverso una serie di lampade a Led collocate sulla griglia.

L’interazione tra ambiente e visitatore costituisce l’elemento fondamentale del concept.

La percezione che i visitatori avranno del volume virtuale si modifica continuamente in relazione al punto di osservazione e al movimento delle persone: la sovrapposizione, allineamento e disallineamento degli elementi verticali, produce infatti un continuo mutamento della percezione che i visitatori avranno dello spazio.

L’effetto cinetico viene accentuato dalla vibrazione prodotta dalle variazioni della luce.

Il progetto propone anche un aspetto ludico che permette al visitatore d’inoltrarsi liberamente nel “bosco” e di interagire con i vettori attraverso inaspettate situazioni luminose e sonore. Il verde in particolare svolge un ruolo importante nell’arricchire l’esperienza di visita; sia nelle tre corti densamente alberate sia nelle superfici che circondano il padiglione sono impiegate una grande varietà di piante ed essenze che appartengono al “giardino mediterraneo”. Ricche di fioriture, colorate e prolungate, sono pensate per adattarsi al succedersi delle stagioni esprimendo per tutta la durata di Expo il proprio messaggio.

Un passaggio sopraelevato costituisce il percorso esperienziale dinamico che conduce il visitatore sia attraverso il bosco virtuale sia attraverso quello naturale. Le folte corti verdi rendono il tema della sostenibilità il cuore pulsante del sistema.

02.Vista passerellaIl camminamento è realizzato con una passerella in legno coperta da una pensilina in vetro serigrafato che protegge dalla pioggia e crea uno spazio ombreggiato, un impianto di nebulizzazione arricchisce la passeggiata e una melodia diffusa crea un ambiente evocativo. Lungo tutto il percorso scorre un nastro informativo e interattivo che conduce i visitatori all’interno del bosco virtuale.

Centro nevralgico e gestionale dell’intero ecosistema è la Control Room. Questo ambiente specchiato è immerso nel bosco virtuale e permette al visitatore di capire – tramite filmati e contenuti interattivi – come funziona l’intero sistema intelligente. Il tutto è arricchito da una macchina scenica composta da elementi cinetici specchiati che riprendono la trama della rete anche all’interno della control room.

Un secondo volume vetrato ospita uno showroom e uno spazio di rappresentanza che si affacciano da una parte sul bosco virtuale e dall’altra su un terrazzo. Le superfici vetrate sono trattate con diversi gradi di trasparenza e di riflessione, smaterializzando le masse.

Il sistema è alimentato da energia ricavata da pannelli fotovoltaici posti sui volumi del padiglione.



Contenuti correlati

  • Pannelli solari anche in aree soggette a vincolo paesaggistico

    La Sentenza 296/21 del TAR della Lombardia è destinata a fare scuola. È possibile installare pannelli fotovoltaici sui tetti degli edifici anche in aree soggette a vincolo paesaggistico. Viene così accolto il ricorso di un proprietario a cui...

  • citelum valle sabbia smart city smart grid
    Citelum contribuisce a realizzare smart grid e smart city in Valle Sabbia

    In un momento storico in cui temi come la sicurezza, la sostenibilità, la valorizzazione e la connessione degli spazi urbani sono divenuti ormai una priorità nell’agenda delle Amministrazioni Pubbliche, l’illuminazione rappresenta una straordinaria opportunità di intervento per...

  • Premio Impresa Ambiente 2021
    Le aziende vincitrici del Premio Impresa Ambiente

    Edileco, Caviro, Ecoplasteam, Waste to Methane e Enel  sono le cinque aziende vincitrici dell’VIII edizione del Premio Impresa Ambiente, il più alto riconoscimento italiano per le imprese private e pubbliche che si siano distinte in un’ottica di...

  • ENEL Schneider Electric WEF report Net Zero Cities decarbonizzazione resilienza
    Come accelerare decarbonizzazione e resilienza nelle smart city del futuro

    Schneider Electric, il Gruppo Enel e il World Economic Forum hanno pubblicato il primo risultato del rapporto “Net Zero Carbon Cities – Systemic Efficiency Initiative”, un documento d’inquadramento globale che delinea le prospettive per accelerare le iniziative...

  • La Galleria del Vento al Politecnico di Milano al servizio delle imprese italiane

    La Galleria del Vento del Politecnico di Milano è uno degli impianti più importanti al mondo e il più grande in Europa. Come riportato da “Genio & Impresa” grandi, medie e piccole imprese italiane ne sfruttano la...

  • Energia sotto controllo: una chiave per la competitività aziendale

    Il panorama energetico e produttivo è in forte evoluzione, grazie all’ ammodernamento delle reti elettriche a livello globale, spinto dalla privatizzazione del mercato elettrico del nostro Paese, dalla digitalizzazione e da una maggiore attenzione alla sostenibilità e...

  • E.ON Mannesmann cogenerazione
    La cogenerazione E.On aiuta Mannesmann a ridurre emissioni e consumi

    È entrato in funzione il nuovo impianto di cogenerazione realizzato da E.On per la sede di Mannesmann Stainless Tubes a Costa Volpino (BG). La scelta della cogenerazione, che consente di ridurre i costi energetici fino al 30%...

  • Parliamo di Ecobonus

    Con la Legge Rilancio, effettiva dal 20 luglio 2020, il Governo italiano si pone il duplice obiettivo di sostenere l’economia e favorire la transizione energetica. Oltre ad affrontare le esigenze contingenti della nazione, le misure si inseriscono...

  • EGO Energy Driwe Smart Grid
    Smart grid: l’auto elettrica potrà contribuire a stabilizzare la rete

    Non è lontano il momento nel quale anche l’auto elettrica potrà contribuire a stabilizzare la rete elettrica. E’ una delle possibilità previste dal nuovo paradigma energetico nato a seguito dell’apertura del nuovo Mercato dei Servizi di Dispacciamento,...

  • Transizione energetica della Norvegia con xStorage Home Eaton

    Lyse, un gruppo industriale norvegese che opera nei settori dell’energia e della banda larga basata sulla fibra ottica, è stata la prima azienda in Norvegia a investire nei sistemi xStorage Home di Eaton. L’investimento complessivo di 16...

Scopri le novità scelte per te x