Diagnostica più veloce in laboratorio: analytica 2008 abbatte i tempi delle analisi

Pubblicato il 15 gennaio 2008

Fra i processi che richiedono più tempo nel campo dell’analisi spicca la preparazione dei campioni. Oggi, però, grazie a tecniche ultramoderne, è possibile automatizzare e, quindi, accelerare notevolmente la preparazione e la successiva analisi di campioni solidi, liquidi e gassosi. A tale scopo si utilizzano ad esempio i gascromatografi (GC) oppure sistemi combinati con gascromatrografo e spettrometro di massa. Questo processo, sintetizzato dalla sigla GC/MS, è particolarmente utile in presenza di processi complicati. Infatti, nel processo di lavorazione le molecole sono separate le une dalle altre, prima di essere misurate quantitativamente dallo spettrometro di massa.

Sistemi innovativi consentono di trattare contemporaneamente fino a 80 campioni, distinguendosi non solo per la loro velocità elevata, ma anche per la maggiore sensibilità. Avvalendosi della spettroscopia di massa è possibile, ad esempio, rilevare quantitativi microscopici di sostanze disperse in acqua, fino a 0,1 ppt (parti per trilione), ovvero una su un miliardo. Questi sistemi hanno raggiunto nuovi traguardi anche dal punto di vista della tolleranza al calore, sopportando temperature fino a 250°.

Oggi i tempi lunghi richiesti dalla decomposizione di campioni solidi possono essere notevolmente accorciati grazie alla tecnica delle microonde. La radiazione con microonde è particolarmente indicata per la preparazione dei campioni, offrendo una valida alternativa ai metodi di decomposizione classici. Ad esempio, le microonde (onde elettromagnetiche di lunghezza compresa fra 1 m e 1 mm, corrispondenti a una gamma di frequenze che varia da circa 300 MHz a 300 GHz) utilizzate nella preparazione dei campioni, rendono possibili anche decomposizioni in presenza di altissimi rapporti di pressione e temperature elevate, di gran lunga oltre il punto di ebollizione dei reagenti utilizzati. In questo modo, i tempi della preparazione dei campioni sono ridotti sensibilmente e la qualità della decomposizione migliora nettamente.

Anche la cromatografia dei gas e dei liquidi offre margini di riduzione dei tempi. La cromatografia è un processo di scissione molecolare. Sebbene sia stato scoperto già 100 anni fa, un tempo “biblico” per il settore dell’analisi, questo processo costituisce ancora la base per innovazioni e nuove metodologie. Questo vale in particolare per la gascromatografia (GC) e per la cromatografia dei liquidi ad alte prestazioni (HPCL), che aiuta i tecnici di analisi a risolvere problemi sempre più complessi in tempi sempre più brevi. Gli sviluppi attuali sono caratterizzati dalla riduzione dei tempi di analisi grazie al miglioramento parallelo dell’efficienza e della produttività di campioni. In passato si è dovuto far fronte a problemi con strumentazioni e apparecchiature, ridotta capacità in termini di numero di campioni e difficoltà di rilevamento, oltre a una complessiva carenza di affidabilità. Nel frattempo sono stati fatti dei notevoli passi in avanti in questo campo.

Cresce l’importanza delle metodologie innovative in diversi ambiti della chimica analitica. Questo vale soprattutto per la cromatografia HPLC. A detta del professor Andreas Rizzi dell’Istituto di Chimica Analitica dell’Università di Vienna, questo metodo avrà un ruolo chiave nei prossimi anni. Ne trarranno vantaggio soprattutto settori emergenti quali Biotecnologie e Life Science.
Grazie ai cosiddetti “Sistemi Ultra Performance (Cromatografia dei liquidi ultra performance UPLC) i produttori di apparecchiature stanno spingendo la cromatografia verso una dimensione completamente nuova. Se paragonati ai moderni sistemi HPLC, queste nuove soluzioni riducono fino a nove volte i tempi del processo cromatografico, raggiungendo nel contempo una sensibilità fino a tre volte superiore. Alcuni sistemi sono stati concepiti appositamente per i laboratori di ricerca, con lo scopo preciso di garantire loro la massima produttività.

La spinta all’innovazione coinvolge anche l’analisi genetica. La preparazione manuale dei campioni per l’analisi dell’espressione dei geni con Microarray rappresenta ancora oggi, per il lavoro quotidiano in laboratorio, un processo lungo e costoso. Considerando che questo metodo va assumendo un’importanza sempre maggiore e, allo stesso tempo, aumenta il quantitativo di campioni da trattare, le soluzioni automatizzate sono in cima alla lista di priorità degli utilizzatori di Microarray. Inoltre, i sistemi automatizzati devono consentire una gestione più sicura e veloce dei complessi processi di laboratorio.

Già quattro anni fa erano stati presentati i primi esempi di soluzioni automatizzate per la preparazione dei campioni DNA – Microarray. Nel frattempo sono stati compiuti ulteriori passi in avanti nel settore e le tecnologie più recenti permettono di svolgere in maniera automatica le lunghe e laboriose fasi di preparazione dei campioni. I modelli più avanzati disponibili sul mercato sono in grado di automatizzare tutte le fasi del processo, dall’RNA completo o RNA messaggero (mRNA), passando per la sintesi del cRNA, fino alla depurazione. L’automazione di queste attività molto “esigenti” è possibile soprattutto grazie ad alti livelli di flessibilità del sistema e all’impiego di tecnologie innovative.

A torto, la tecnica di pipettaggio non viene considerata particolarmente importante ai fini dell’innovazione. Tuttavia, alcuni produttori hanno chiaramente dimostrato come i nuovissimi sistemi di pipettaggio contribuiscano ad aumentare i livelli di efficienza. Fra questi si segnalano i sistemi che si basano sulla tecnologia delle micropompe ad anello. Questi facilitano sia la gestione dei volumi ridotti necessari per innescare il processo di reazione, sia la manipolazione delle quantità di pipettaggio richieste nelle diverse fasi della depurazione. A questo si aggiunge il controllo intelligente della temperatura dei reagenti e delle pipette, che assicura il corretto trattamento dei preziosi e sensibili reagenti e campioni. Il sistema si completa, infine, con i moduli di depressurizzazione gestiti tramite software.

Anche la diagnostica medica trae vantaggio dall’evoluzione verso l’analisi ad alta velocità. I ricercatori dell’Università Goethe di Francoforte sono riusciti in breve tempo a sviluppare un nuovo processo, più veloce e meno oneroso, per gli esami del sangue e altri fluidi biologici. Con l’ausilio di uno strumento a raggi infrarossi si riesce, in meno di un minuto, a misurare oltre sei diversi valori del sangue. Avvalendosi di questo nuovo metodo, il medico può, nel corso dell’operazione o nel reparto di terapia intensiva, monitorare lo stato del paziente e intervenire velocemente in caso di necessità.



Contenuti correlati

  • Le novità di MCE – Mostra Convegno Expocomfort 2024: un percorso nel comfort

    MCE – Mostra Convegno Expocomfort, la piattaforma mondiale di business per le aziende del settore HVAC+R, delle energie rinnovabili, dell’efficienza energetica e del mondo acqua, si prepara per la 43esima edizione, che sarà quella del ritorno al...

  • Danfoss Dextreme escavatori
    Escavatori più efficienti fino al +50% grazie a Dextreme di Danfoss

    Danfoss Power Solutions ha reso disponibile il sistema Dextreme per escavatori. Il sistema Dextreme migliora l’efficienza energetica degli escavatori dal 15% al 50%, indipendentemente dalla fonte di alimentazione e ottimizzando allo stesso tempo la loro produttività. Il...

  • Veicoli elettrici, Hycan si affida all’automazione di Comau

    Comau ha supportato Hycan Automotive Technology con una soluzione di saldatura ‘intelligente’ per la sua linea di assemblaggio. Questo sistema innovativo garantisce la produzione multi-modello di nuovi veicoli alimentati con fonti di energia alternativa, un numero elevato...

  • Zerica Auxilia
    Soluzioni Zerica per un consumo intelligente dell’acqua

    Zerica propone una cucina sempre più phygital grazie all’innovativa app Auxilia. Si tratta di un avanzato sistema di telemetria interamente sviluppato da Zerica per la gestione remota in tempo reale dei parametri di utilizzo degli impianti e...

  • Biometano: partnership fra Mitsubishi Electric e Agatos Energia

    Mitsubishi Electric e Agatos Energia, controllata di Agatos SpA, società quotata al mercato Euronext Growth gestito da Borsa Italiana (“Agatos”), hanno stretto una partnership che prevede l’integrazione del processo BIOSIP per la produzione di biometano dai rifiuti...

  • Uno Scada per il fotovoltaico

    Per il monitoraggio della produzione e la gestione del carico del primo impianto fotovoltaico con accumulo di energia a batterie in Spagna, Iberdrola sceglie lo Scada PcVue Leggi l’articolo

  • La gestione sostenibile della supply chain fa volare Stesi

    Potrebbe sembrare un classico esempio di azienda virtuosa del Nord Est d’Italia quello di Stesi Srl, realtà trevigiana che da oltre 25 anni opera nell’ambito della supply chain attraverso la progettazione, la realizzazione e l’avviamento di software...

  • Iride Acque reflue
    Una tecnologia per depurare le acque reflue con costi minimi

    Iride Acque si è ispirata a una tecnologia usata in passato per depurare l’aria: l’ha modificata e applicata al trattamento dei reflui industriali. Ha trasformato così un processo estremamente costoso in un obiettivo alla portata di tutte...

  • COP27 e Agenda 2030: i grandi del pianeta per lo sviluppo sostenibile

    Si è da poco conclusa Cop27, la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. Focus principale dell’incontro è stato l’urgenza di un’azione immediata in materia ambientale, consci del fatto che il delicato contesto geopolitico in Ucraina ha...

  • Biosuveg biostimolanti
    Meno acqua e fertilizzanti per i pomodori con i biostimolanti di Biosuveg

    La sostenibilità in agricoltura è un valore sempre più citato e ricercato, ma non sempre è facile identificare soluzioni che vadano in questa direzione mantenendo la soddisfazione dei consumatori. La riduzione dell’apporto di acqua e fertilizzanti è...

Scopri le novità scelte per te x