Derbigum ricicla 3.000 tonnellate di copertura dal sito di demolizione Opel di Anversa

Con la chiusura dello stabilimento Opel in Belgio, l’Autorità Portuale di Anversa in collaborazione con l’azienda De Meuter del gruppo edile Aertssen, è stata incaricata di costruire un nuovo sito e abbattere quello precedente. È qui che entra in gioco Derbigum che attraverso il programma “No Roof To Waste” ha raccolto e riciclato 3000 tonnellate di vecchie membrane impermeabili

Pubblicato il 9 settembre 2020

Dopo 85 anni di vita ha chiuso nel 2010 lo stabilimento Opel Belgio, ad Anversa, pietra miliare della storia nazionale. Da allora, il sito si è trasformato in una città fantasma. Nel 2014 l’area in disuso è stata acquistata dall’Autorità Portuale di Anversa, che in collaborazione temporanea con De Meuter, azienda del Gruppo Aertssen, è stata incaricata di costruire un nuovo edificio e demolire quello precedente. È qui che entra in gioco Derbigum, punto di riferimento per l’impermeabilizzazione di coperture, con il proprio programma “No Roof To Waste”, oggi al centro della strategia dell’intero Gruppo e fondato su un pilastro imprescindibile: il riciclo delle membrane bituminose, che altrimenti andrebbero sprecate. Primo step del programma è incoraggiare gli applicatori a unirsi al proprio approccio ecologico e a raccogliere gli sfridi di lavorazione in cantiere. È così che l’azienda è riuscita a riciclare 3000 tonnellate di coperture dell’ex edificio di Opel Belgio, facendo la differenza in termini di sostenibilità ed economia circolare.

“Abbiamo sempre avuto la tecnologia, ma l’afflusso dei materiali riciclabili era piuttosto basso” afferma Koen Sneiders, Responsabile dell’impianto di riciclo di Derbigum. “Da fine anni ’90 abbiamo abbracciato la filosofia dell’economia circolare, a partire dalla gestione dei nostri rifiuti, reintegrandoli nel nostro processo di produzione. Il primo passo per ottenere questi risultati è stato installare negli anni ‘90 la prima versione del “Macalusor” nel sito di produzione a Perwez, che ha permesso di riciclare i rifiuti e trasformarli in nuove membrane impermeabili. Oggi con “No Roof To Waste” siamo passati a uno step successivo: gli applicatori aderenti ricevono un mini big bag gratuito, con cui recuperare gli sfridi bituminosi per riciclarli in una nuova materia prima. Il gigantesco progetto di demolizione del sito Opel Anversa ci fornisce già 21 ettari di rifiuti bitumonosi, equivalenti a 42 campi da calcio”.

A ottobre 2019 sono partiti i lavori di demolizione, che termineranno a settembre di quest’anno, su un’area totale di 90 ettari: “Ogni giorno siamo in cantiere con circa 70 persone e diversi macchinari” spiega Sven De Meuter, a capo dei lavori. “La demolizione genera diversi tipi di rifiuti e una gran parte di essi viene eliminata tramite l’acqua. Le 3.000 tonnellate di scarti bituminosi verranno portate presso lo stabilimento di Derbigum per essere riciclati e reinseriti nella filiera produttiva dell’azienda. Una quantità di materiale davvero enorme con cui poter realizzare nuove membrane per almeno 2 anni”.

Tutto ciò significa per Derbigum economia circolare: un circolo virtuoso per il pianeta e per la stessa azienda. Con questo nuovo modello di sviluppo economico, è stata realizzata un’ampia gamma di prodotti denominata NT-New Technology che utilizza fino a 4 volte in più di risorse rinnovabili, permettendo di risparmiare notevolmente in termini di energia e impatto ecologico.

Conclude Koen Sneiders: “Eppure la quota di mercato dei prodotti Derbigum NT per il momento ha raggiunto solo il 15%. Forse perché non è facile convincere i clienti che è possibile ottenere da materie prime parzialmente riciclate, una membrana con le stesse proprietà e qualità di un manto prodotto ex novo, nonostante siano entrambe soluzioni certificate. C’è sicuramente ancora tanto lavoro da fare, ma la strada è sicuramente quella giusta!”.



Contenuti correlati

  • assorimap riciclo meccanico
    Assorimap, plastica più sostenibile col riciclo meccanico

    Per sostenere lo sviluppo dell’economia circolare occorre puntare con forza sul riciclo meccanico della plastica. Non si possono condividere agevolazioni normative pro-riciclo chimico, che costituisce un’attività per il recupero dei rifiuti certamente non performante per l’ambiente. Si...

  • Smart Contracts, Blockchain e agricoltura: un’alleanza contro i cambiamenti climatici

    La lotta al cambiamento climatico è una delle priorità dei nostri tempi e un ruolo sicuramente fondamentale in questo è giocato dal comparto agroalimentare. Uno dei caratteri maggiormente significativi della c.d. “Data driven agriculture” è il suo doppio profilo...

  • Ogni lattina (anche vuota) vale!

    Zaino in spalla, nei mesi di luglio e agosto, lungo spiagge, strade e piazze, con il duplice obiettivo di recuperare le lattine per bevande vuote, stimolando i consumatori a mantenere puliti gli spazi pubblici all’aperto, e di...

  • Idrogeno: la parola al mondo della normazione tecnica

    La normazione tecnica è uno strumento che può contribuire a far decollare la filiera dell’idrogeno. Se ne è parlato ieri in occasione di un incontro organizzato da In Fieri e Mirumir in vista della manifestazione Hese – Hydrogen...

  • Registro elettronico nazionale sulla tracciabilità dei rifiuti, al via la fase sperimentale

    Da pochi giorni è a disposizione delle imprese il Registro elettronico nazionale sulla tracciabilità dei rifiuti (Rentri). Si tratta ancora di un prototipo con cui prende il via una fase sperimentale del sistema che a regime dovrebbe...

  • Sensoworks Smart City
    Potenziare le infrastrutture per far crescere le smart city

    Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) è l’occasione perfetta per sbloccare progetti fermi ed accelerare il percorso di transizione verso un modello di economia circolare, verso le Smart City avanzate e verso una maggiore sostenibilità...

  • lavorazione legnami
    Upcycling delle cassette di vino di Lavorazione Legnami

    Lavorazione Legnami, la ditta carnica specializzata nella realizzazione di cassette in legno destinate ai vini pregiati, che di recente ha conquistato la certificazione ambientale Pefc e Fsc, ha voluto potenziare ulteriormente il proprio profilo sostenibile con un...

  • Nuova vita ai rifiuti elettronici

    Gioielli personalizzati in stampa 3D nati dai nostri vecchi cellulari. Un esempio virtuoso di economia circolare esito del progetto Horizon2020 Fenix di cui è partner il Politecnico di Milano Leggi l’articolo

  • La nuova sfida ecologica è nel recupero del polietilene

    Passa dal polietilene la nuova sfida ecologica. In occasione della Giornata mondiale dell’Ambiente, istituita 49 anni fa dall’assemblea generale delle Nazioni Unite e celebrata ogni 5 giugno, il consorzio Ecopolietilene ribadisce l’importanza di una corretta gestione dei...

  • CIAL ALU Experience alluminio
    Un sito web insegna ai giovanissimi il riciclo dell’alluminio

    Pensato e promosso da Cial – Consorzio Nazionale Imballaggi di Alluminio, con il supporto di La Fabbrica, agenzia attiva da oltre 35 anni nell’ideazione e nello sviluppo di percorsi di comunicazione educativa e formativa, Generazione Alpha-Alu Experience...

Scopri le novità scelte per te x