Cop26: Cingonali, “sviluppare tutte le forme di rinnovabili per non lasciare nulla di intentato”

L’Europa è alle prese con la definizione di una tassonomia per stabilire una matrice gerarchica delle tecnologie, il loro stato di avanzamento e la loro accettabilità da un punto di vista verde

Pubblicato il 17 novembre 2021

A conclusione della Cop26, la 26a conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici tenutasi a Glasgow, il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani interviene sulle pagine del quotidiano economico MF Milano Finanza.

“Per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione al 2050 – afferma – non si deve lasciare nulla di intentato”. E prosegue: “Servono investimenti in ricerca, fast track (ovvero corsie accelerate e preferenziali, ndr) per le grandi opere verdi, l’eliminazione di sussidi dannosi in cambio di sostegni al lavoro”.

Non manca nell’intervista un riferimento al nucleare di nuova generazione, tema piuttosto controverso: “questo è uno dei tanti argomenti del dibattito sulle possibili sorgenti rinnovabili del futuro. Non sono particolarmente affezionato al nucleare, ricordo che in Italia ci sono stati referendum e ci siamo già pronunciati, sono però convinto sostenitore della scienza e della tecnologia”.

“Dobbiamo sviluppare – prosegue – tutte le forme di rinnovabili, nel frattempo l’Europa è alle prese con la definizione di una tassonomia per stabilire una matrice gerarchica delle tecnologie, il loro stato di avanzamento e la loro accettabilità da un punto di vista verde. Spetterà dopo agli Stati prendere le loro decisioni in merito al mix energetico da adottare”.

Franco Metta



Contenuti correlati

  • Treni a zero emissioni

    Il settore ferroviario, nonostante sia tra i meno inquinanti, ha un grande impatto sulla mobilità a livello globale. I margini di miglioramento per ottenere una maggiore efficienza e ridurne l’impatto nei decenni a venire ci sono e...

  • GPBM spiega le vele: main supporter di UVM al 49° campionato italiano classe Meteor

    Organizzatore della manifestazione è l’Unione Velica Maccagno (UVM), un circolo velico che dal 1977 richiama numerosi appassionati che vedono nell’acqua e nel vento due elementi con i quali divertirsi e praticare sport. L’acqua e il vento non...

  • Una caldaia funzionante al 100% idrogeno

    Baxi e la sostenibilità ambientale sono cresciute insieme. Durante il suo percorso evolutivo, Baxi ha basato le proprie attività di progettazione e produzione di caldaie e sistemi per il riscaldamento ad alta tecnologia su un principio fondamentale:...

  • Eaton e bilanciamento della rete: l’accumulo di energia può fare la differenza in un sistema energetico decentralizzato

    Con la decarbonizzazione delle economie, l’accumulo dell’energia diventerà sempre più importante per contribuire a bilanciare la fornitura e la domanda nelle reti nazionali. Il funzionamento di un sistema energetico decentralizzato dipende dal bilanciamento di flussi intermittenti e...

  • PNRR, dal MiTE 450 milioni per sviluppare la filiera dell’idrogeno verde

    Il ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, ha firmato il Decreto che dà attuazione all’Investimento 5.2 (M2C2) del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. La misura mette a disposizione 450 milioni di euro per finanziare progetti finalizzati...

  • Energie rinnovabili, tre miti da sfatare sul fotovoltaico

    Le energie rinnovabili sono destinate ad una crescita estremamente importante nei prossimi anni. In Europa si stima infatti che entro il 2026 il solo fotovoltaico potrebbe costituire quasi la metà della potenza energetica globale. Il 2021 si...

  • alluminio Metef
    Riciclo, Italia terza al mondo nel recupero dell’alluminio

    Negli ultimi anni l’Italia ha dato prova di avere un sistema produttivo all’avanguardia dal punto di vista del riciclo dell’alluminio, grazie alla capacità di recupero e riutilizzo del 70% del metallo utilizzato nelle diverse applicazioni, e per...

  • idrogeno H2ere Network
    H2ere Network, la piattaforma per lo sviluppo dell’idrogeno

    La filiera italiana dell’idrogeno è sempre più interconnessa. Assolombarda, H2IT – Associazione italiana idrogeno e celle a combustibile e LE2C – Lombardy Energy Cleantech Cluster lanciano H2ere Network, la nuova piattaforma digitale che funge da punto di...

  • Temporary Manager caro energia
    Caro energia e materie prime: manager italiani preoccupati

    L’aumento dei prezzi delle materie prime sui mercati internazionali, iniziato negli ultimi mesi del 2020, insieme al caro energia, stanno avendo un impatto importante sull’industria italiana. Il prezzo medio dell’energia elettrica a carico delle imprese italiane a...

  • AHK energia
    Caro energia, gli effetti sulle aziende italiane ed europee

    La AHK Italien ha presentato la survey “Energy 4 Europe”, condotta dalle camere di commercio tedesche estere di Italia, Francia, Portogallo e Spagna. Obiettivo del sondaggio era quello di rilevare le previsioni delle imprese circa l’andamento dei...

Scopri le novità scelte per te x