Cartiera Cooperativa di Rivalta sceglie AB

Il sito produttivo di Brentino Belluno (VR) si dota di un impianto di cogenerazione AB che produce energia elettrica e termica per la cartiera, contribuendo inoltre a diminuire le emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera.

Pubblicato il 14 gennaio 2015

La Cartiera Cooperativa Rivalta, da oltre 25 anni operante nel settore cartario, produce carta e cartoni con capacità di produzione superiore a 90 tonnellate al giorno impiegando come materia prima la fibra ottenuta dallo spappolamento della carta da macero post-consumo, proveniente da raccolta differenziata.

In considerazione degli elevati consumi di energia elettrica e termica per lo svolgimento dei processi produttivi tipici di questo settore e nell’ottica di una razionalizzazione nell’utilizzo delle fonti di energia fossile e dell’efficienza energetica, con conseguente risparmio economico e miglioramento delle prestazioni ambientali relativamente ai gas effetto serra, la cartiera ha così deciso di affidarsi ad AB per la realizzazione di un impianto di cogenerazione per il sito produttivo di Brentino Belluno (VR). La situazione economica contingente ed il costo particolarmente elevato delle fonti energetiche ha spinto la Direzione aziendale ad investire nella tecnologia della cogenerazione in grado di coniugare risparmio economico e tutela ambientale. L’intervento, infatti, consente di realizzare un risparmio di fonte energetica primaria rispetto a quanto avviene con l’acquisizione separata dei due vettori.

L’impianto installato è costituito da un modulo cogenerativo containerizzato Ecomax 14 NGS alimentato a gas naturale di potenza nominale complessiva a pieno carico pari a 1.487 kWe e con potenza termica introdotta di 3.569 kW.

L’energia elettrica prodotta, al netto degli autoconsumi di centrale, verrà totalmente autoconsumata, con eventuali eccedenze cedute in rete. La cogenerazione oltre a garantire un contenimento dei costi di approvvigionamento delle risorse energetiche, consente alla cartiera di rendersi parzialmente o totalmente autosufficiente dalla linea elettrica; tale aspetto ricopre una certa rilevanza, in termini di operatività degli impianti, considerando che lo stabilimento può lavorare 24 ore al giorno per 330 giorni l’anno. La produzione elettrica dell’impianto, oltre a coprire quasi completamente il fabbisogno dello stabilimento, consente di produrre in modo cogenerativo vapore e acqua calda che saranno immessi nelle reti di servizio dello stabilimento. Con l’installazione del modulo di cogenerazione, la centrale termica può esercitare con un carico lavorativo inferiore, rispetto a quanto avviene attualmente.

La cartiera è stata fondata nel 1984, dopo la chiusura della Cartiera di Rivalta, grazie alla determinazione ed alla volontà di un gruppo di lavoratori decisi a rilevare l’attività, che si costituirono nella Cartiera Cooperativa Rivalta. L’obiettivo era quello di proseguire l’attività lavorativa, secondo i principi fondamentali della cooperazione, quali la mutualità, la condivisione delle scelte, la collegialità delle decisioni, la trasparenza della gestione. Da allora il trend della produzione è stato un crescendo, sia per la qualità sia per il fatturato, proseguendo nella politica degli investimenti con l’obiettivo dell’incremento della produttività, nel miglioramento della qualità del prodotto, nonché dell’apertura della compagine sociale.

L’impianto AB fornisce al sito produttivo dell’azienda energia elettrica e termica necessarie alle attività tecnologiche proprie dello stabilimento. Si tratta della soluzione cogenerativa in container Ecomax 14 NGS, completa di motore di derivazione GE Jenbacher J420 GS B302.

Le potenze nominali elettriche e termiche installate ed utilizzabili sull’impianto sono le seguenti: 1.487 kW ai morsetti del generatore, di cui circa 50 kW previsti come potenza media di assorbimento delle apparecchiature ausiliarie del modulo cogenerativo; 1.570 kW termici da cogenerazione (1.049 kWt da acqua di raffreddamento motore, 521 kWt da scambiatore a recupero fumi per produzione di vapore); 3.569 kW di potenza termica immessa nel cogeneratore tramite una portata di 376 Nm3/h di gas naturale.

L’acqua di raffreddamento del motore attraversa in serie i circuiti di raffreddamento dell’olio lubrificante, secondo e primo stadio intercooler, dove scambia calore con la miscela aria-gas e, infine, lo scambiatore di raffreddamento delle camicie motore. L’impianto in oggetto ha lo scopo di fornire al sito produttivo dell’azienda, l’energia elettrica e termica necessarie alle attività tecnologiche proprie dello stabilimento.

PCI gas naturale 9.5 kWh/Nm3

Consumo gas naturale 376 Nm3/h

Potenza introdotta 3.569 kW

Potenza meccanica erogata 1.527 kWe

Potenza elettrica erogata 1.487 kWe

Potenza termica recuperabile 1.049 kWt

raffreddamento motore (acqua calda)

Potenza termica recuperabile 521 kWt

gas di scarico raffreddati a 167 °C (vapore)

Rendimento elettrico 41,7%

Rendimento termico 44%

Rendimento complessivo 85,7%

È prevista un’operatività del gruppo pari a circa 7.800 h/anno. Il motore endotermico a ciclo Otto è dotato di regolazione magra tra combustibile e comburente per la limitazione degli NOx

 

Gruppo AB: http://www.gruppoab.com

Cartiera Cooperativa di Rivalta: http://www.cartierarivalta.com



Contenuti correlati

  • CGT_Gelit
    La trigenerazione di CGT abbatte le emissioni di CO2 di Gelit

    I vantaggi della cogenerazione e trigenerazione in ambito industriale rappresentano il tema trattato nel secondo episodio di “Re-Evolution Technologies”, la web serie prodotta da CGT, storica realtà italiana che fa parte del Gruppo Internazionale Tesya, che coinvolge...

  • Danfoss idrogeno verde
    Idrogeno verde: produzione ragionata per assicurare la sostenibilità

    Un nuovo report pubblicato da Danfoss Impact rivela che, poiché la produzione di idrogeno è destinata ad assorbire più della metà dell’attuale domanda di energia elettrica entro il 2050, l’efficienza energetica nella sua produzione è fondamentale. È...

  • Un occhio all’aria compressa

    L’automazione può migliorare efficienza energetica, produttività e flessibilità in azienda. E il monitoraggio dei sistemi di aria compressa? Una soluzione ifm electronic garantisce anche in questo caso risparmi consistenti a fronte di investimenti contenuti Ifm è una...

  • Sicurezza operativa per gli armadi: la soluzione di Rittal

    I ventilatori filtro sono una soluzione comune ed economica quando è possibile utilizzare l’aria dell’ambiente per regolare la temperatura dell’ambiente stesso. Sono quindi anche la scelta di gran lunga più frequente per la climatizzazione degli armadi elettrici....

  • Efficienza energetica e flessibilità migliorate

    Anche i millesimi di secondo sono preziosi per l’industria della plastica. Lo pensa Netstal, che per garantire sempre una produzione controllata alle sue macchine per stampaggio a iniezione si è affidata a Keba Netstal è un’azienda svizzera...

  • Ottimizzare l’efficienza energetica con criteri ESG

    In Gigatek è stata scelta la soluzione iFactory EHS di Advantech per costruire un sistema di gestione energetica EMS Con la crescente consapevolezza ambientale e le limitazioni dell’approvvigionamento energetico, l’ottimizzazione della gestione energetica è diventata essenziale. Fondata...

  • L’efficienza energetica nell’industria

    Trend, ostacoli e fattori trainanti per l’incremento degli investimenti in efficienza energetica nell’industria. La situazione europea e quella italiana. Diventa sempre più rilevante il contributo delle tecnologie digitali. Uno studio dell’Enea segnala importanti risultati ottenuti grazie alle...

  • Controlli tradizionali e machine learning per l’efficienza energetica negli edifici

    L’efficienza energetica negli edifici è un argomento di cui, giustamente, si sente parlare da molto tempo, rappresentando un elemento fondamentale per la decarbonizzazione, che necessariamente passa attraverso l’uso più razionale delle risorse energetiche… Leggi l’articolo

  • OVHcloud data center
    Sostenibilità e data center, il contributo dell’economia circolare

    Attualmente – secondo uno studio pubblicato su Nature – i data center consumano circa 200 terawattora (TWh) di energia all’anno e si prevede che questo consumo aumenterà di quindici volte entro il 2030, fino a raggiungere l’8%...

  • Condizionatori industriali ClimaSys per processi produttivi più affidabili

    Schneider Electric ha sviluppato la nuova generazione di condizionatori industriali ClimaSys. Negli ambienti industriali, dove le temperature possono raggiungere anche i 55ºC, il controllo dei valori di temperatura e umidità è fondamentale per garantire il funzionamento ottimale...

Scopri le novità scelte per te x