Assemblea Gifi “Le fonti di energia rinnovabile tra presente e futuro”

Ricerca Ispo: per due italiani su tre il Paese ha investito nel green meno degli altri, per tre cittadini su cinque le rinnovabili hanno la stessa efficienza delle fonti tradizionali. Gli italiani considerano l’energia da fonti rinnovabili un segno di evoluzione.

Pubblicato il 11 giugno 2013

Gli italiani hanno piena consapevolezza del potenziale di efficienza delle fonti rinnovabili e ripongono la massima fiducia nei loro confronti per un futuro più green, anche se restano piuttosto critici su quello che è stato finora l’impegno dell’Italia rispetto a questo tipo di investimento. Questi, tra gli altri, i dati che emergono dalla presentazione dell’indagine sulla popolazione italiana commissionata da Confindustria Anie/Gifi all’istituto demoscopico Ispo, in occasione dell’Assemblea Annuale di Anie/Gifi.

In particolare, gli intervistati si sono mostrati interessati alla possibilità offerta dalle rinnovabili di attivarsi in prima persona nella produzione di energia. Tuttavia gli italiani non sono del tutto consapevoli del contributo che danno a sostegno delle rinnovabili tramite la quota inserita all’interno della bolletta elettrica.

Oltre l’80% degli intervistati ritiene che l’energia solare sia la fonte rinnovabile più pulita sulla quale puntare. Il 94% afferma che non è sicuramente dannosa per la salute, mentre per il 92% questa fonte è rispettosa dell’ambiente e non deturpa il paesaggio (81% degli intervistati).

L’indagine mostra come l’89% degli italiani consideri l’energia proveniente da fonti rinnovabili un segno di evoluzione del Paese, così come l’88% ritiene che tali fonti siano, insieme ad altre, importanti strumenti di aiuto all’Italia per abbandonare le fonti fossili. Giudizi positivi dunque, ma resta forte un certo scetticismo riguardo la percezione di quanto l’Italia abbia finora investito in energie rinnovabili: secondo il 66% della popolazione infatti, il Belpaese ha investito meno di altri, mentre il 19% crede che l’impegno italiano sia stato equivalente a quello degli altri. L’Italia, secondo i suoi cittadini, non ha ancora fatto abbastanza nel suo percorso verso l’energia rinnovabile, alla quale il 79% riconosce un’efficienza almeno pari a quella delle fonti di energia tradizionale.

Significativo il risultato che emerge dall’indagine sulla possibilità di ‘autoproduzione’ di energia. Una percentuale senza dubbio rilevante degli italiani (87%) considera interessante il fatto che alcune fonti rinnovabili possano permettere ai singoli cittadini di produrre in prima persona l’energia, divenendo così quasi del tutto autosufficienti. Sembrerebbe prospettarsi dunque un futuro di sempre maggiore autonomia energetica.

Dal giudizio degli italiani sul rapporto costo-benefici degli investimenti finora fatti nel settore, un terzo degli italiani (32%) ritiene che i benefici ottenuti fino a questo momento siano inferiori ai costi sostenuti, mentre una medesima percentuale considera la bilancia costi-benefici neutra, con valori che si pareggiano.

Nonostante le criticità attuali, gli italiani hanno comunque fiducia. Parlando del futuro del settore nei prossimi 10 anni, la percentuale di popolazione che prevede benefici maggiori dei costi cresce dal 25% del giudizio sulla situazione attuale al 53% della previsione futura (+18%), con una diminuzione notevole di coloro che pensano che attualmente i costi siano superiori ai benefici ottenuti da tali investimenti (da 32% a 13%, con una caduta del 19%). In particolare, parliamo di una fiducia accordata principalmente dagli intervistati con livello d’istruzione più alto (63% dei laureati contro il 38% di coloro che possiedono la licenza elementare).

Nonostante le diverse discussioni sui media degli ultimi periodi, la maggioranza degli italiani (61%) dichiara di non essere a conoscenza del fatto che tutti i cittadini contribuiscano in prima persona al finanziamento delle energie rinnovabili attraverso una quota in bolletta, mentre il 25% dichiara di sapere della quota senza essere in grado di quantificarne la cifra.

La scarsa conoscenza non riflette però un atteggiamento diffidente e scettico nei confronti di questo contributo e, più in generale, delle fonti alternative. In particolare, gli italiani si dimostrano: 48% sostenitori fiduciosi – coloro che ritengono che sia giusto sostenere le rinnovabili anche attraverso la bolletta e ritengono che l’investimento in energia pulita sia proficuo per le politiche energetiche del Paese; 35% sostenitori incondizionati – coloro che ritengono che sia giusto sostenere le rinnovabili anche nella bolletta a prescindere dall’esito in termini di costi/benefici che tale investimento potrà dare in futuro al Paese; 17% scettici – contrari al sostegno delle rinnovabili all’interno della bolletta elettrica.

In linea con questo atteggiamento positivo, il 79% degli italiani si è dichiarato d’accordo sul fatto che, potendo scegliere, preferirebbe che si riducesse la quota in bolletta destinata alle fonti di energia tradizionale (gas, petrolio, carbone) e aumentasse quella destinata alle rinnovabili, così come il 74% dei cittadini considera importante che l’Italia continui a sostenere le fonti alternative di energia anche grazie al contributo dei singoli.

Tra le fonti alternative di produzione di energia la più conosciuta è il solare (78% degli intervistati, più 20% di conoscitori vaghi), seguita da vicino dall’eolico (73%) e, con maggior distacco, dalle fonti idroelettriche (45%) e geotermiche (28%).

 

Anie/Gifi: www.gifi-fv.it

Ispo: www.ispo.it



Contenuti correlati

  • Tre impianti fotovoltaici da 112 MW in Italia

    Enfinity Global Inc ha chiuso un finanziamento a lungo termine del valore di 142 milioni di euro, finanziamento IVA e LCs facilities, per la costruzione in Italia di tre centrali a energia solare, per un totale di...

  • Premio economico Italo-Tedesco: SEW-Eurodrive Italia vincitrice dell’edizione 2022

    Il 29 novembre ha avuto luogo a Milano, presso gli East End Studios, la cerimonia di consegna del Premio Economico Italo-Tedesco. SEW-Eurodrive Italia si è classificata tra i vincitori della categoria “Investimenti” dell’edizione 2022 dedicata alla valorizzazione...

  • Tecnologia da Formula 1 per i parchi eolici offshore

    Grazie a una sovvenzione per la ricerca industriale della prestigiosa Royal Academy of Engineering britannica, Agathoklis Giaralis, professore associato di dinamica strutturale presso la City University of London, e ABL Group, uniranno le forze in un progetto...

  • Da Parker, nuova valvola di sfiato termica con connessioni a doppia boccola A-LOK

    Parker Hannifin ha lanciato una gamma estesa di valvole di sfiato termiche criogeniche in acciaio inossidabile con l’opzione di connessioni A-LOK a due boccole integrate. La tecnologia di connessione A-LOK a due boccole di Parker garantisce prestazioni prive...

  • EnergRed fotovoltaico crescita
    Ci sono grandi potenzialità di crescita per il fotovoltaico in Italia

    Il fotovoltaico, risorsa per la quale il nostro Paese è particolarmente favorito, potrebbe crescere di 6 volte. Il potenziale aumento della produzione relativamente al fotovoltaico è infatti pari a 126 GW addizionali, circa 6 volte la capacità...

  • Relicyc
    Nuova vita ai pallet in legno e plastica con Relicyc

    Trasformare l’ambiente in un’opportunità di sviluppo: è questa la mission di Relicyc, nuova denominazione per una realtà attiva nel recupero di materie plastiche e legno che ha alle spalle una lunga storia nella gestione completa del pallet...

  • Sistema di accumulo di energia per installazione outdoor da Socomec

    Con la transizione energetica e gli obiettivi di decarbonizzazione dell’Unione Europea entro il 2030 che incentivano l’utilizzo delle fonti di energia rinnovabile, i sistemi di accumulo sono soluzioni sempre più richieste sul mercato. L’accumulo di energia è...

  • COP27: investire sulle rinnovabili per contrastare il riscaldamento globale

    Per arginare i cambiamenti climatici e contrastare il riscaldamento globale, occorre puntare con maggiore convinzione sulle rinnovabili. Se l’obiettivo è davvero la decarbonizzazione, programmare investimenti su fonti come il fotovoltaico, deve rappresentare la strada maestra. Questo al centro...

  • Aprono domani Ecomondo e Key Energy 2022: venerdì in fiera a Rimini il Ministro Fratin

    Il mondo della Green Economy torna a darsi appuntamento a Ecomondo e Key Energy, i saloni di Italian Exhibition Group dedicati, rispettivamente, all’economia circolare e alle energie rinnovabili. L’appuntamento è da domani, nel quartiere fieristico di Rimini. Con...

  • Alimentare il mondo digitale

    Socomec, azienda specializzata in soluzioni di alimentazione integrate, offre una nuova serie di innovazioni tecnologiche concepite per garantire la disponibilità dell’alimentazione e le prestazioni energetiche.12 Le infrastrutture critiche odierne devono soddisfare i requisiti di implementazione rapida e...

Scopri le novità scelte per te x