ABB lancia la strategia Next Level

ABB: accelerare la creazione di valore sostenibile del nostro portfolio di attività nel campo dell’energia e dell’automazione.

Pubblicato il 12 settembre 2014

ABB ha presentato la sua strategia Next Level e i suoi obiettivi finanziari per il periodo 2015-2020 finalizzati alla creazione di valore per una crescita sostenibile. La strategia è basata su tre aree di focalizzazione: crescita profittevole, esecuzione incessante e collaborazione guidata dal business. Nel prossimo periodo il Gruppo arriverà a una crescita profittevole spostando il suo centro di gravità verso mercati ad alta crescita, migliorando la competitività e riducendo i rischi del suo modello di business.

ABB continuerà a operare agendo sul suo principale portfolio globale nei settori dell’energia e dell’automazione, che sarà gestito attraverso le sue business unit sotto la guida delle cinque Divisioni. A partire dal primo gennaio 2015, la sua struttura regionale sarà rimodellata in tre regioni responsabili della collaborazione con il cliente, dei servizi condivisi e dei relativi Paesi che ne fanno parte.

In linea con questa strategia, il Gruppo sta adeguando la struttura del suo Comitato Esecutivo.

Gli azionisti beneficeranno di una forte generazione di cassa attraverso un programma di riacquisto di azioni per un valore fino a 4 miliardi di dollari che inizierà il 16 settembre 2014. Il gruppo intende allocare approssimativamente tre quarti di questo programma per una riduzione del capitale azionario e la parte rimanente per supportare a livello globale il programma di azionariato per i suoi dipendenti con un totale di più di 22.000 partecipanti.

Il portfolio di ABB nelle tecnologie per l’energia e l’automazione mirato a creare maggior valore per i clienti continua ad essere il fulcro della nuova strategia. Il mercato dell’energia e dell’automazione nelle utility, nell’industria, nel trasporto e nel settore delle infrastrutture supera i 600 miliardi di dollari all’anno ed è previsto crescere velocemente più del Pil nel periodo compreso tra il 2015 e il 2020, aggiungendo approssimativamente un incremento di 150 miliardi di dollari di opportunità di mercato.

I drivers principali sono rappresentati dal grande cambiamento nella catena di valore dell’energia, dal miglioramento della produttività industriale così come dalla rapida urbanizzazione e dalle necessità di efficienza energetica nei trasporti pubblici. Il Gruppo prevede di crescere in linea con il mercato grazie alle sue iniziative Pie (penetrazione, innovazione ed espansione) relative alla penetrazione negli attuali segmenti di mercato e sull’espansione in quelli nuovi ad altra crescita. I continui forti investimenti in R&D, che annualmente ammontano a circa 1,5 miliardi, creeranno innovazione e valore per i clienti affrontando il grande cambiamento in atto nella catena del valore dell’energia e nelle opportunità offerte dalla quarta rivoluzione industriale.

Le opportunità di crescita globale di ABB nei suoi business sono state identificate usando l’approccio della “heat map” lanciato nel 2013.

ABB prevede che circa tre quarti dell’incremento dei suoi futuri ricavi deriveranno dall’industria, dai trasporti e dalle infrastrutture con particolare enfasi sulla sua forte offerta di service a supporto del cambiamento strategico nelle regioni di ABB e nei suoi mercati finali. Durante questo periodo strategico il Gruppo sposterà il suo centro di gravità verso una competitività rafforzata, una maggiore crescita organica e rischi più bassi.

La posizione ABB di forte competitività sarà ulteriormente rafforzata espandendo la proposta di valore al cliente con servizi di ingegneria e consulenza, software e servizi a valore aggiunto. Sarà ulteriormente accelerato il processo di differenziazione grazie a una solida base di software a cui sono già collegate la maggioranza delle offerte di ABB.

ABB è ben posizionata per accedere a settori con potenziale ad alta crescita per i clienti dei suoi mercati finali. Nelle utility, con la forte comparsa delle microreti e la trasformazione verso una rete digitale; nelle industrie di processo come per esempio l’oil & gas e il comparto minerario per quanto attiene alla progettazione di impianti del futuro; nei trasporti e nelle infrastrutture, la rapida crescita dell’elettrificazione nei data center e dei trasporti pubblici. Tutti questi sono solo alcuni esempi di grosse opportunità di crescita.

ABB completerà la sua forte focalizzazione su una crescita organica mantenendo la sua comprovata esperienza di successi in materia di merge&acquisition, per identificare e porre in atto ulteriori acquisizioni in linea con la nuova strategia. Inoltre, la prevista partnership con partner complementari che offre una buona opportunità culturale per aumentare il valore del cliente, giocherà un ruolo fondamentale ai fini della futura crescita. Le prime iniziative comuni in quest’area includono la cooperazione con il gruppo tecnologico cinese Byd per lo stoccaggio di energia e la mobilità elettrica così come con Philips per la building automation.

 

ABB: http://www.abb.it



Contenuti correlati

  • Honeywell_Enel
    Reti elettriche nordamericane più stabili grazie a Honeywell ed Enel

    Honeywell collabora con Enel Nord America per migliorare le soluzioni di automazione degli edifici e di Demand Response per i consumatori commerciali e industriali. Questo risultato è ottenuto utilizzando l’automazione per controllare e regolare i carichi energetici...

  • CGT_Gelit
    La trigenerazione di CGT abbatte le emissioni di CO2 di Gelit

    I vantaggi della cogenerazione e trigenerazione in ambito industriale rappresentano il tema trattato nel secondo episodio di “Re-Evolution Technologies”, la web serie prodotta da CGT, storica realtà italiana che fa parte del Gruppo Internazionale Tesya, che coinvolge...

  • Danfoss idrogeno verde
    Idrogeno verde: produzione ragionata per assicurare la sostenibilità

    Un nuovo report pubblicato da Danfoss Impact rivela che, poiché la produzione di idrogeno è destinata ad assorbire più della metà dell’attuale domanda di energia elettrica entro il 2050, l’efficienza energetica nella sua produzione è fondamentale. È...

  • Un occhio all’aria compressa

    L’automazione può migliorare efficienza energetica, produttività e flessibilità in azienda. E il monitoraggio dei sistemi di aria compressa? Una soluzione ifm electronic garantisce anche in questo caso risparmi consistenti a fronte di investimenti contenuti Ifm è una...

  • Efficienza energetica e flessibilità migliorate

    Anche i millesimi di secondo sono preziosi per l’industria della plastica. Lo pensa Netstal, che per garantire sempre una produzione controllata alle sue macchine per stampaggio a iniezione si è affidata a Keba Netstal è un’azienda svizzera...

  • Ottimizzare l’efficienza energetica con criteri ESG

    In Gigatek è stata scelta la soluzione iFactory EHS di Advantech per costruire un sistema di gestione energetica EMS Con la crescente consapevolezza ambientale e le limitazioni dell’approvvigionamento energetico, l’ottimizzazione della gestione energetica è diventata essenziale. Fondata...

  • ABB Boliden
    Da ABB un innovativo sistema di carrelli a batteria elettrica per miniere sotterranee

    Boliden, Epiroc e ABB hanno raggiunto un nuovo traguardo tecnologico implementando con successo il primo sistema di carrelli da miniera completamente alimentati da batterie elettriche, su un percorso di prova in una miniera in Svezia con una...

  • L’efficienza energetica nell’industria

    Trend, ostacoli e fattori trainanti per l’incremento degli investimenti in efficienza energetica nell’industria. La situazione europea e quella italiana. Diventa sempre più rilevante il contributo delle tecnologie digitali. Uno studio dell’Enea segnala importanti risultati ottenuti grazie alle...

  • Controlli tradizionali e machine learning per l’efficienza energetica negli edifici

    L’efficienza energetica negli edifici è un argomento di cui, giustamente, si sente parlare da molto tempo, rappresentando un elemento fondamentale per la decarbonizzazione, che necessariamente passa attraverso l’uso più razionale delle risorse energetiche… Leggi l’articolo

  • OVHcloud data center
    Sostenibilità e data center, il contributo dell’economia circolare

    Attualmente – secondo uno studio pubblicato su Nature – i data center consumano circa 200 terawattora (TWh) di energia all’anno e si prevede che questo consumo aumenterà di quindici volte entro il 2030, fino a raggiungere l’8%...

Scopri le novità scelte per te x