Yingli Green Energy Italia entra a far parte del Cobat per lo smaltimento dei moduli FV

Con l’adesione a Cobat, Yingli gestirà in modo controllato e sostenibile i moduli fotovoltaici dal momento dell’immissione nel mercato italiano al recupero e smaltimento a fine vita dei prodotti

Pubblicato il 14 gennaio 2013

Yingli Green Energy Italia, filiale italiana di Yingli Green Energy Holding Company, uno dei principali produttori fotovoltaici verticalmente integrati al mondo, che commercializza i suoi prodotti con il marchio ‘Yingli Solar’, aderisce per il solo mercato italiano al Cobat, Consorzio Nazionale di Raccolta e Riciclo, per la raccolta, lo smaltimento e il riciclo dei propri moduli fotovoltaici a fine vita.

L’adesione permetterà a Yingli una gestione controllata e sostenibile con piena tracciabilità dei moduli fotovoltaici dal momento dell’immissione nel mercato italiano fino al recupero e smaltimento a fine vita del prodotto. Yingli Green Energy Italia ha optato per il proprio mercato di riferimento di aderire al sistema nazionale di raccolta Cobat, con cui condivide valori etici e certificazioni in materia di qualità ed ambiente (ISO 9001, ISO 1400 ecc.), per la sua rete capillare di raccolta, trattamento e riciclo sull’intero territorio nazionale e per il forte know-how maturato in anni di attività di trattamento e riciclo di rifiuti di pile, accumulatori, apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee), moduli fotovoltaici a fine vita, garantendo così i migliori standard di efficacia ed efficienza.

Soddisfatto il Direttore Operativo di Cobat, Claudio De Persio: “Accogliamo Yingli con grande soddisfazione tra i nostri aderenti, in quanto produttore di fama mondiale tra i più attenti alle tematiche ambientali e al rispetto delle norme etiche generali, e che in Italia ha assolto da subito responsabilmente ai compiti di tutela ambientale, peraltro richiesti dalle attuali normative vigenti”.

“Coscienza ambientale, sostenibilità e senso di responsabilità sono parte integrante della nostra etica aziendale da sempre e in tutto il mondo, valori senza bandiera che sono insiti nella nostra missione aziendale da sempre”, commenta Fabio Patti, Managing Director di Yingli Green Energy Italia, “Yingli si contraddistingue per una spiccata attenzione nella realizzazione di prodotti di qualità e altamente sostenibili, con l’obiettivo di contribuire fattivamente al progresso del settore solare fotovoltaico e quindi di fornire, attraverso i propri prodotti, energia pulita e sostenibile per tutti. A conferma della piena consapevolezza che abbiamo a riguardo, oltre ad esser stati tra i primi in assoluto a livello europeo ad aver aderito a un sistema che garantisse la corretta raccolta e il riciclo dei moduli a fine vita, collaboriamo con svariate e prestigiose associazioni per rafforzare il concetto chiave etico e sociale alla base del settore solare fotovoltaico, con attività di sensibilizzazione, formazione e ricerca”.

Alla recente critica, poi, che varie entità come il Comitato Ifi (Industrie Fotovoltaiche Italiane) hanno recentemente rivolto al Gse per la proroga del periodo transitorio per l’adesione dei produttori di moduli a un consorzio per lo smaltimento (sostenendo in particolar modo che i produttori stranieri non sarebbero ancora pronti a soddisfare tutti i requisiti di conformità alla normativa vigente), Patti replica: “Sul mercato non si fa distinzione tra “italiani” e “non-italiani”, ma tra chi agisce in nome della qualità e dell’innovazione, garantendo energia solare a buon mercato, e chi invece è solo in cerca di un alibi per giustificare il proprio fallimento. Alcune aziende, infatti, non hanno saputo sopravvivere al consolidamento naturale del mercato fotovoltaico, per mala gestione o scarsa conoscenza del settore, e non certo a causa della concorrenza dei produttori stranieri. Mettere in discussione le decisioni delle autorità italiane per i propri scopi è più che mai fuori luogo”.

Yingli Green Energy Italia: www.yinglisolar.com/it
Cobat: www.cobat.it



Contenuti correlati

  • Innovazione, collaborazione e sostenibilità

    Festo guida la trasformazione verso un futuro sostenibile, offrendo soluzioni all’avanguardia per l’automazione industriale Il mercato attuale presenta sfide significative, come le rapide evoluzioni tecnologiche e gli scenari normativi in continua evoluzione. Le aziende devono dimostrare grande...

  • Stefano Cappello Limenet startup
    Le start-up che accelerano il Net Zero con lo stoccaggio della CO2 nel mare

    L’Oceano è il più grande serbatoio di carbonio del pianeta, un sistema naturale che assorbe l’anidride carbonica in eccesso dall’atmosfera e la immagazzina. Circa il 25-30% di CO2 immessa in atmosfera nel corso in tutta l’era industriale...

  • Direttiva CSRD, i nuovi obblighi per essere sostenibili

    La Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD) è stata varata dalla Commissione Europea allo scopo di promuovere pratiche commerciali improntate alla sostenibilità sia negli scambi che avvengono tra le aziende dell’Unione che in quelli riguardanti le importazioni extra...

  • Fanuc CDP Climate A List
    Robot amici dell’ambiente: Fanuc è nella Climate A List di CDP

    Fanuc è stata riconosciuta come eccellenza nella sostenibilità aziendale e lotta al cambiamento climatico dall’organizzazione internazionale no-profit CDP, assicurandosi per la prima volta il posto nella sua esclusiva “A List” annuale. CDP (Carbon Disclosure Project) monitora regolarmente...

  • Gestione efficiente e sostenibile dell’acqua con Control Techniques

    L’approvvigionamento idrico in aree remote dove non esistono fonti di energia elettrica o dove la fornitura energetica non è affidabile diventa complesso da gestire e necessita di una soluzione sicura ed efficiente. È qui che entra in...

  • rifiuti Nordea
    Non solo ambiente: il riciclo dei rifiuti può anche generare profitto

    Il mondo sembra invaso da immondizia. Almeno questa è la percezione che emerge quando si controllano le previsioni riguardanti l’aumento della produzione globale di rifiuti. Secondo la Banca Mondiale, infatti, per il 2050, l’immondizia creata a livello...

  • italpreziosi b corp
    Sostenibilità d’oro per Italpreziosi che ottiene la certificazione B Corp

    Italpreziosi ha reso noto, in occasione dei festeggiamenti per il traguardo del 40° anniversario, di aver ottenuto la certificazione B Corp. Italpreziosi, già società Benefit, entra così a far parte di un movimento globale di aziende che guidano...

  • Giornata Mondiale dell’Acqua

    Ogni 22 marzo, il mondo celebra la Giornata Mondiale dell’ Acqua, istituita nel 1992 dalle Nazioni Unite per mettere in evidenza l’importanza vitale di questa risorsa. Quest’anno, TÜV Italia vuole riflettere sull’urgente necessità di preservare le risorse...

  • Da Panasonic e Tado pompe di calore smart per la transizione energetica

    La partnership tra tado° e Heating & Ventilation A/C Company di Panasonic Corporation offre un mix di tecnologie e prodotti all’avanguardia per il settore delle pompe di calore, che prevedono un controllo del riscaldamento intelligente. Questa collaborazione...

  • Riciclo e tracciabilità della plastica: il caso Relicyc alla Settimana della Sostenibilità

    Relicyc è tra i protagonisti della Settimana della Sostenibilità 2024, l’evento organizzato da Confindustria Veneto Est dal 19 al 22 marzo per diffondere la cultura dello sviluppo sostenibile tra le imprese del territorio. Primaria realtà nel settore...

Scopri le novità scelte per te x