Una partnership con Radoff per la qualità dell’aria

Il colosso Dussmann sceglie la tecnologia di una startup di Bologna: nasce una partnership con Radoff per la qualità dell’aria in scuole e cliniche ospedaliere

Pubblicato il 21 novembre 2019

Il colosso Dussmann, multinazionale specializzata nel campo dei servizi integrati e del facility management (con 17.000 dipendenti e un fatturato consolidato nel 2018 di 507 milioni di euro), ha scelto una start-up di Bologna per integrare i propri servizi di monitoraggio e bonifica dell’aria indoor. Sta prendendo forma proprio in questi giorni, infatti, una partnership tra Dussmann Italy e Radoff, azienda altamente innovativa che ha fatto della lotta al gas Radon e del miglioramento della qualità di vita dei cittadini, sia in ambiente domestico che lavorativo, la sua mission principale.

Grazie alla partnership con Dussmann, nei prossimi mesi partirà una sperimentazione e la tecnologia Radoff entrerà all’interno di scuole e cliniche ospedaliere italiane, al fine di mantenere sotto controllo le condizioni di salubrità dell’aria (con riferimento particolare a possibili infiltrazioni di gas Radon ma anche di polveri sottili) e contribuendo a tutelare la salute di studenti, insegnanti e pazienti delle strutture sanitarie.

“Ridurre l’inquinamento domestico e garantire la purificazione dell’aria indoor: è questo l’obiettivo primario di Radoff” spiega il CEO Domenico Cassitta. “Un obiettivo che passa anche attraverso il contrasto al Radon: un gas incolore e indoro, che attraverso il sottosuolo penetra negli edifici. Esso è considerato la seconda causa di tumore al polmone, con oltre 3.000 decessi all’anno solo in Italia (fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità). Per questo motivo, coniugando Big Data, tecnologia IoT e intelligenza artificiale, il nostro team è riuscito a mettere a punto il primo e unico dispositivo capace di garantire allo stesso tempo un’azione di monitoraggio e di bonifica del gas”.

Nei mesi scorsi Radoff ha vinto il progetto R2I (Research to Innovation), nato per dare supporto alle iniziative di trasferimento tecnologico nel nostro Paese, promuovendo lo sviluppo di servizi e prodotti innovativi, a cominciare dalle tecnologie di frontiera nell’ambito della ricerca sulla fisica delle particelle. Un’opportunità che consentirà al team di Radoff di usufruire delle tecnologie all’avanguardia messe a disposizione dal prestigioso Cern di Ginevra e dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare per portare avanti la battaglia e la ricerca di soluzioni contro il gas Radon, mentre è di pochi giorni fa la notizia dell’accesso alla finale dell’Iren Startup Award per Radoff, importante concorso per premiare le migliori aziende innovative europee in Clean Tech creato da Iren SpA con il supporto dell’Innovation Center di Intesa San Paolo. Radoff è stata selezionata inoltre per la finale del roadshow di B Heroes destinato alle migliori startup di Italia nel campo della sostenibilità. Infine Radoff è una delle venti finaliste dell’edizione 2019 del Premio Cambiamenti promosso da CNA.

Da qualche settimana, inoltre, il progetto Radoff è sbarcato su CrowdFundMe, il primo portale di equity crowdfunding quotato alla Borsa italiana. Obiettivo di CrowdFundMe è quello di sostenere imprenditori e investitori con tutti gli strumenti e le garanzie necessarie per il buon esito del progetto. La campagna di Radoff è ufficialmente operativa e gli investitori che vogliono supportare l’iniziativa possono portare il loro contributo alla lotta al gas Radon. Da quando è stato inaugurato, CrowdFundMe ha già raccolto oltre 20 milioni di euro di investimenti, con 60 progetti di successo e partner nazionali ed internazionali.



Contenuti correlati

  • Come rendere la supply chain sostenibile in 4 step

    Eventi meteorologici estremi come inondazioni, uragani e siccità, sono ormai sempre più frequenti. A causa proprio di questi ultimi, le catene di approvvigionamento subiscono gravi interruzioni che comportano tempi di consegna più lunghi, costi più elevati e...

  • Ottimizzazione olistica nel settore Oil & Gas

    Grazie all’Intelligenza Artificiale, nel settore Oil & Gas, è possibile realizzare un concetto di ottimizzazione olistica che consente di trasformare l’inventario, l’approvvigionamento, la manutenzione e le altre operazioni. Leggi l’articolo

  • Estrarre gas, petrolio e informazioni dalla IoT

    Un’azienda innovativa nel settore delle trivelle e delle attrezzature petrolifere, Drillmec, ha utilizzato la tecnologia IIoT di PTC per sbloccare potenti informazioni. La piattaforma ThingWorx supporta una nuova generazione di servizi di assistenza e di progettazione tecnica...

  • Consolidare i dati: la chiave del successo

    Come è possibile realizzare moderne applicazioni IoT tramite un’integrazione dati sicura e centralizzata? Lo spiega Softing Per le aziende che operano a livello globale, i dati operativi consolidati sono un fattore chiave per la gestione delle macchine,...

  • Schneider Electric, l’automazione come driver per la sostenibilità

    Schneider Electric ha mostrato ad Hannover Messe le più rilevanti novità della sua offerta in varie aree tra cui il software industriale, l’Intelligenza Artificiale, i Digital Twin. Tutte queste soluzioni sono state presentate in uno spazio dedicato...

  • Plantvoice agricoltura sensori piante
    Sensori e intelligenza artificiale: la combo vincente per l’agricoltura

    Per produrre un chilo di carne bovina sono necessari circa 15.000 litri di acqua e per la coltivazione di una tonnellata di riso servono circa 1.500 metri cubi di acqua, come ricorda Matteo Beccatelli, chimico, ricercatore, CEO...

  • Green computing, emissioni di CO2 ridotte fino al 50%

    L’uso della tecnologia ha un impatto significativo sull’ambiente e le aziende impegnate nel percorso verso la sostenibilità devono tenerne conto. È per questo che Bitrock, consulting company 100% Made in Italy appartenente al Gruppo Fortitude, ha messo...

  • L’efficienza energetica nell’industria

    Trend, ostacoli e fattori trainanti per l’incremento degli investimenti in efficienza energetica nell’industria. La situazione europea e quella italiana. Diventa sempre più rilevante il contributo delle tecnologie digitali. Uno studio dell’Enea segnala importanti risultati ottenuti grazie alle...

  • AI verso un futuro più ‘umano’ e sostenibile

    Creare dei microprocessori in grado di replicare i sistemi di apprendimento biologico, così da rendere l’intelligenza artificiale più flessibile, efficiente e sostenibile anche dal punto di vista ambientale. È questa la sfida lanciata da un gruppo internazionale...

  • Simplifhy Itsgreen partnership
    Partnership Simplifhy – Itsgreen per realizzare un laboratorio a idrogeno per la ricerca

    Simplifhy e la Fondazione Itsgreen hanno firmato un accordo per l’istituzione di un avanzato laboratorio a idrogeno. Il laboratorio, situato nella sede di Itsgreen a Vimercate (MB), offre agli studenti dell’istituto un’opportunità unica per immergersi nella ricerca,...

Scopri le novità scelte per te x