Soluzioni Gefran per il controllo della pressione dei sali fusi nei Sistemi di Concentrazione Solare

Pubblicato il 14 luglio 2022
Gefran KE SIL2

I Sistemi di Concentrazione Solare (CSP – Concentrated Solar Power) rappresentano oggi uno strumento sicuro e sostenibile per la produzione di energia, termica ed elettrica. Si tratta, infatti, di vere e proprie centrali termoelettriche, in cui un sistema di collettori solari riflettenti parabolici concentra i raggi del sole su un tubo ricevitore, posto in un punto preciso della parabola, denominato “fuoco”, generando una temperatura di circa 550 °C. Il calore viene quindi immagazzinato per mezzo di una miscela di Sali Fusi, quale fluido termovettore, che consente  all’impianto di rimanere in funzione anche dopo il tramonto, utilizzando il calore assorbito durante il giorno. L’energia termica viene così utilizzata, attraverso uno scambiatore, per generare vapore industriale oppure mettere in moto una turbina al fine di produrre elettricità.

In dettaglio, la capacità di accumulare energia termica è tra gli aspetti più interessanti della tecnologia CSP rispetto ad altre fonti rinnovabili. In tal senso, è necessario un accurato controllo dello stato dei sali fusi che, sebbene siano in grado di preservare elevate temperature per un periodo di tempo relativamente lungo, tendono a solidificarsi al di sotto dei 270 °C e, se raggiungono i 250°C, si trasformano in blocchi ceramici rendendo impossibile fluire all’interno del sistema.

Al fine di misurare la pressione del circuito a sali fusi lungo la linea, Gefran – multinazionale italiana specializzata nella progettazione e produzione di sensori, strumentazione per il controllo di processi industriali, azionamenti elettrici e sistemi per l’automazione – propone i sensori di pressione per alte temperature con termocoppia Ke Sil2, in versione custom a seconda delle caratteristiche tecniche e meccaniche specifiche richieste dal costruttore dell’impianto.

I trasmettitori di pressione di Melt della serie K, firmati Gefran, si distinguono per la capacità di leggere la pressione del media fino a temperature di 538°C (1000°F), con campi di misura da 0..17 a 0..1000bar e da 0..250 a 0..15000psi. Il principio costruttivo è basato sulla trasmissione idraulica della pressione e sul trasferimento della sollecitazione meccanica tramite una miscela di Sodio + Potassio (NaK), ovvero un liquido di riempimento a basso coefficiente di comprimibilità. Inoltre, la tecnologia estensimetrica a film spesso consente di trasdurre la grandezza fisica, in segnale elettrico.

La sonda è disponibile sia con uscita analogica, che con comunicazione digitale tramite protocollo Hart. Infine, la certificazione SIL2, rende il prodotto ideale per applicazioni di Sicurezza Funzionale.



Contenuti correlati

  • Alusteel Coating
    Il fotovoltaico sul tetto taglia i consumi di energia di Alusteel Coating del 25%

    Generare energia pulita per alimentare la produzione di acciaio e alluminio pre-verniciato, ma anche per salvaguardare l’ambiente. Con questo obiettivo l’imprenditore bergamasco Matteo Trombetta Cappellani ha deciso di installare un impianto solare fotovoltaico sull’intera copertura di Alusteel...

  • Teatek Granisso
    Sostegno e semplificazione per le rinnovabili: l’auspicio Teatek verso il nuovo Governo

    “La crescita delle energie rinnovabili è una bella notizia, e merita alcune riflessioni. Come riporta l’osservatorio di Anie (l’associazione delle imprese della produzione elettrica a zero emissioni) su dati Terna, il 168% di produzione Green in più nel...

  • EnergRed caro energia
    Caro energia? La soluzione esiste, ed è il solare in autoconsumo

    Nel comparto dell’energia sta accadendo ciò che fino ad oggi non si era mai verificato. La situazione sembra irreversibile e così molti operatori del mercato dell’energia stanno cominciando ad arrendersi. A lanciare l’allarme questa volta è EnergRed,...

  • idrogeno energia
    Idrogeno, in Italia domanda a +3000% entro il 2025

    Siamo nel mezzo di una fase cruciale che determinerà lo scenario energetico globale dei prossimi 30 anni. Tra le tante incertezze che agitano il settore in questi ultimi mesi emerge una realtà: siamo entrati nell’era dell’idrogeno. Il...

  • H-ZEB_Benevento
    Edificio zero emissioni a idrogeno: ecco l’H-ZEB di Benevento

    L’edificio residenziale ad energia quasi zero (nZEB – nearly Zero Energy Building) di Benevento, diventa un edifico H-ZEB (Hydrogen Zero Emission Building) arricchendosi di nuove tecnologie che traguardano la transizione energetica attraverso l’utilizzo dell’idrogeno. L’edifico, che rappresenta...

  • Bloom Energy Servers
    Fuel Cell a ossido solido, Bloom Energy avvia una partnership con Simplifhy

    Simplifhy ha sostenuto il team globale di Bloom Energy per l’installazione di una Fuel Cell a ossido solido a 1MW di potenza presso lo stabilimento e headquarter di Ferrari a Maranello (MO). Lo scopo del lavoro è...

  • Alleanza fotovoltaico rinnovabili
    Contrastare cambiamenti climatici e siccità con le rinnovabili

    Continuano a registrarsi catastrofi eccezionali, sembra non arrestarsi l’emergenza siccità più grave degli ultimi settant’anni e si susseguono episodi drammatici legati al surriscaldamento terrestre, che sono la chiara dimostrazione delle conseguenze dei cambiamenti climatici. Per questo è...

  • MCE Expocomfort 2022
    MCE Expocomfort, cresce il settore idrotermosanitario

    A Fiera Milano si è conclusa la 42a edizione di MCE Mostra Convegno Expocomfort, riconfermandosi dopo 4 anni di assenza dovuta alla pandemia come l’appuntamento di riferimento sul futuro e l’innovazione del settore della climatizzazione, dell’efficientamento energetico,...

  • Comau idrogeno
    Soluzioni di automazione ad alta velocità Comau per la produzione di idrogeno

    Comau collabora con diversi clienti in varie parti del mondo per automatizzare la produzione di celle a combustibile e degli elettrolizzatori. Sfruttando le sue conoscenze e la sua esperienza nel campo dell’elettrificazione e delle energie rinnovabili, Comau...

  • Non solo verde e marrone: tutti i colori dell’idrogeno

    MCE Lab, l’osservatorio sul vivere sostenibile promosso da MCE – Mostra Convegno Expocomfort, si avvale dell’Hydrogen Innovation Report dell’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano per comprendere meglio le dinamiche che ruotano attorno al mondo dell’idrogeno,...

Scopri le novità scelte per te x